Login con

farmacisti

19 Marzo 2024

Pensioni anticipate: finestre accesso a Quota 103 e incentivi al posticipo. Requisiti e indicazioni sui calcoli

Slitta la decorrenza dell’incentivo al posticipo del pensionamento per i lavoratori dipendenti che maturano, nel 2024, il diritto ad accedere a Quota 103 ma che decidono di rimanere in servizio. Ecco le indicazioni

di Francesca Giani


Pensioni anticipate: finestre accesso a Quota 103 e incentivi al posticipo. Requisiti e indicazioni sui calcoli

Slitta la decorrenza dell’incentivo al posticipo del pensionamento per i lavoratori dipendenti che maturano, nel 2024, il diritto ad accedere a Quota 103 - 62 anni e 41 anni di contributi - ma che decidono di rimanere in servizio. È questo uno dei contenuti delle nuove Istruzioni che Inps ha rilasciato in merito alle modalità per fruire della pensione anticipata, previste nella legge Bilancio 2024.


Quota 103: requisiti e indicazioni in circolare Inps. Ritoccate le regole di calcolo
Nella Manovra, pur con alcune modifiche che ne limitano gli effetti e la platea dei beneficiari, è stata estesa al 2024 la cosiddetta Quota 103, la possibilità, cioè di anticipare il pensionamento al raggiungimento, in corso d’anno, di determinati requisiti - 62 anni di età e 41 di contributi. Sul punto, di recente, da Inps sono state pubblicate le nuove Istruzioni che dettagliano le modifiche introdotte e chiariscono alcuni elementi. Un primo aspetto, in particolare, riguarda il ricalcolo dell’assegno, il cui metodo viene ritoccato: la prestazione, scrive Inps, è determinata secondo le regole di calcolo del sistema contributivo ed è riconosciuta per un valore lordo mensile massimo non superiore a quattro volte il trattamento minimo previsto - fissato in 2.394,44 euro mensili.
La riduzione degli importi, va detto, opera per le mensilità relative “all’anticipo del pensionamento rispetto al momento in cui vengono raggiunti i requisiti di accesso al sistema pensionistico”.
In generale, tra i “beneficiari della misura, ci sono gli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria (AGO) e alle forme esclusive e sostitutive gestite dall’Inps, nonché alla Gestione separata”.
Non vengono toccate, in ogni caso, le indicazioni relative ai soggetti che hanno maturato i requisiti di accesso entro il 2023. Confermate, inoltre, anche le disposizioni in materia di incumulabilità della prestazione con i redditi da lavoro.

Cambiano le finestre di decorrenza: ecco le indicazioni per dipendenti pubblici e privati
Un capitolo, poi, è dedicato al cumulo: “il requisito contributivo richiesto per la pensione anticipata flessibile può essere perfezionato, su domanda dell’interessato, anche cumulando, tutti e per intero i periodi assicurativi presso due o più forme di assicurazione obbligatoria, gestite dall’INPS”. Ma rispetto al precedente impianto di quota 103 varia la decorrenza del trattamento – le cosiddette finestre: in particolare, “per i lavoratori dipendenti privati e per i lavoratori autonomi il trattamento decorre trascorsi sette mesi dalla maturazione dei requisiti previsti, mentre i lavoratori dipendenti delle pubbliche Amministrazioni conseguono il diritto alla prima decorrenza utile trascorsi nove mesi dalla data di maturazione dei requisiti stessi”.

Confermata l’incentivazione per restare al lavoro ma slitta l’applicazione
In parallelo a questa indicazione, viene quindi rivista anche la decorrenza dell’esonero contributivo per chi sceglie di non accedere a quota 103, avendone i requisiti, e di continuare a prestare servizio: “i lavoratori dipendenti che maturano il diritto alla pensione anticipata flessibile nell’anno 2024 e scelgono di proseguire l’attività lavorativa dipendente, hanno facoltà di rinunciare all’accredito contributivo della quota dei contributi previdenziali a loro carico”, con la conseguenza di ricevere in busta paga la corresponsione di tale quota, anziché vederla destinata al finanziamento della pensione. Tale facoltà, appunto, si determina con l’apertura della finestra mobile: “pertanto, per i soggetti che maturano il diritto alla pensione anticipata flessibile nell’anno 2024, l’esonero contributivo non può avere una decorrenza antecedente al 2 agosto 2024, per i lavoratori dipendenti di un datore di lavoro privato, ove il trattamento pensionistico sia liquidato a carico della Gestione esclusiva dell’AGO; il 1° settembre 2024, per i lavoratori dipendenti di un datore di lavoro privato, ove il trattamento pensionistico sia liquidato a carico di una Gestione diversa da quella esclusiva dell’AGO; il 2 ottobre 2024, per i dipendenti delle pubbliche Amministrazioni, ove il trattamento pensionistico sia liquidato a carico della Gestione esclusiva dell’AGO; il 1° novembre 2024, per i dipendenti delle pubbliche, ove il trattamento pensionistico sia liquidato a carico di una Gestione diversa da quella esclusiva dell’AGO”.


TAG: FARMACISTI, INPS, PENSIONAMENTO, PENSIONE, DIPENDENTI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

07/05/2024

L’Enpaf ha deliberato un adeguamento delle pensioni all’indice ISTAT del 5,4%, con decorrenza dal 1° gennaio 2024. Croce, Presidente Enpaf: “Integrale rivalutazione ISTAT per i nostri...

A cura di Redazione Farmacista33

07/05/2024

L’Agenzia delle Entrate ha espresso in una consulenza giuridica (n. 2 del 3 maggio) il suo parere sull’applicazione dell’aliquota Iva ridotta, pari al 10%: è necessario un preventivo...

A cura di Simona Zazzetta

30/04/2024

È operativa da oggi, 30 aprile, la “precompilata 2024” che presenta diverse novità che semplificano la compilazione del 730. Tra i dati più frequentemente presentati risultano le spese...

A cura di Simona Zazzetta

24/04/2024

ENPAF approva il Bilancio 2023 con utile di oltre 200 milioni di euro, il numero degli iscritti, pari a poco più di 100 mila unità, è in leggero aumento e anche le pensioni erogate (26.695 + 1,8%...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Mal di gola forte? Spegnilo sul nascere

Mal di gola forte? Spegnilo sul nascere


L'Associazione dei produttori di principi attivi e intermedi per l’industria farmaceutica, Aschimfarma  che fa parte di Federchimica, ha eletto alla Presidenza Pierfrancesco Morosini

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top