Login con

Previdenza

12 Giugno 2024

Riscatto buchi contributivi e periodi senza lavoro: ecco le istruzioni Inps per i dipendenti

Con la Legge Bilancio 2024 è stata introdotta la pace contributiva, la possibilità, cioè, di riscattare i buchi contributivi dovuti a periodi di assenza del lavoro, interruzioni tra un’occupazione e l’altra, e così via. Se ne può usufruire fino a dicembre 2025. Ecco le indicazioni operative dall’Inps per procedere

di Francesca Giani


Riscatto buchi contributivi e periodi senza lavoro: ecco le istruzioni Inps per i dipendenti

È con l’obiettivo di incrementare il montante contributivo che è stata reintrodotta, con la Legge Bilancio 2024, la cosiddetta pace contributiva, la possibilità, cioè di riscattare i buchi contributivi dovuti a periodi di assenza del lavoro, interruzioni tra un’occupazione e l’altra, e così via. Un istituto che può essere fruito sino a dicembre 2025 e su cui, di recente, sono arrivate le indicazioni operative dall’Inps. 

Pace contributiva: finestra per le domande e differenze con il passato
La misura era stata introdotta nel 2019 ed è stata rilanciata in via sperimentale per il biennio 2024 e 2025. A differenza della precedente versione, non è previsto che l’onere versato sia detraibile dall’imposta lorda - nella misura del 50% - e di conseguenza il contributo è fiscalmente deducibile dal reddito complessivo. Un elemento importante è che per i dipendenti del settore privato la domanda di riscatto può essere presentata anche dal datore di lavoro che può sostenere l’onere destinando, a tal fine, i premi di produzione. In questo caso, la cifra è deducibile dal reddito di impresa e da lavoro autonomo. 
La misura comunque è già operativa: la presentazione delle domande di riscatto è partita dal primo gennaio ed è attiva fino al 31 dicembre 2025.

Destinatari e criteri per definire i periodi ammessi al riscatto: le istruzioni Inps
Per quanto riguarda i destinatari, l’Inps ha ricordato che il beneficio è riservato a chi non è titolare di alcun tipo di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 ed è iscritto a forme pensionistiche obbligatorie a partire dal 1° gennaio 1996. Ulteriore condizione è la non titolarità di un trattamento pensionistico diretto, in qualsiasi Gestione pensionistica. Mentre in riferimento al periodo che può essere riscattato, una prima indicazione riguarda la durata massima che non può superare i cinque anni, anche non continuativi. Al riguardo, per chi abbia già fruito in precedenza dell’istituto della pace contributiva è possibile presentare un’ulteriore domanda di riscatto, purché non sia stata già raggiunta la durata massima ed entro il totale dei cinque anni. 
A ogni modo, l’arco di tempo ammesso deve comunque collocarsi in epoca successiva al 31 dicembre 1995 e precedente alla data di entrata in vigore dell’istituto (primo gennaio 2024) e deve essere compreso tra l’anno del primo e quello dell’ultimo contributo accreditato (obbligatorio, figurativo, da riscatto). 

I limiti di applicazione e le alternative già attive
Come detto, il periodo da ammettere a riscatto “non deve essere coperto da contribuzione obbligatoria, figurativa, volontaria o da riscatto, non solo presso il Fondo cui è presentata la domanda, ma in qualsiasi forma di previdenza obbligatoria - comprese le Casse per i liberi professionisti e il regime previdenziale dell’Unione europea o i singoli regimi previdenziali dei vari Stati membri o dei Paesi convenzionati. Sono riscattabili pertanto soltanto i periodi non soggetti a obbligo contributivo”. Per fare qualche esempio potrebbero essere ricompresi fasi di inoccupazione, ma anche i mesi trascorsi tra un lavoro e un altro o i periodi di formazione non riscattabili attraverso l’istituto del riscatto di laurea.
L’Inps, comunque, sottolinea che “la facoltà di riscatto non può essere esercitata per recuperare periodi di svolgimento di attività lavorativa con obbligo di versamento contributivo. Tale preclusione vale anche nei casi in cui l’obbligo contributivo si sia già prescritto”. Per queste due casistiche “possono essere attivati gli istituti già presenti quali la regolarizzazione contributiva o la costituzione di rendita vitalizia”.

Base di calcolo ed effetti su anzianità contributiva e su importo della pensione
Quanto all’anzianità contributiva acquisita per effetto del riscatto “questa è utile ai fini del conseguimento del diritto a pensione e per la determinazione dell’importo. I periodi oggetto di riscatto saranno necessariamente valutati secondo il sistema contributivo” e con il “meccanismo del calcolo a percentuale. La base di calcolo dell’onere è costituita dalla retribuzione assoggettata a contribuzione nei dodici mesi meno precedenti alla data della domanda ed è rapportata al periodo oggetto di riscatto. Tale retribuzione è attribuita temporalmente e proporzionalmente ai periodi riscattati. La rivalutazione del montante individuale dei contributi ha effetto dalla data della domanda di riscatto”. A ogni modo, “l’onere di riscatto può essere versato in unica soluzione o in un massimo di 120 rate mensili, ciascuna di importo non inferiore a 30 euro, senza applicazione di interessi per la rateizzazione”.

TAG: INPS, CONTRIBUTI INPS, PENSIONE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/06/2024

Il Dipartimento Finanze, del Ministero dell’economia e delle finanze (MEF) ha pubblicato i dati sull'affidabilità dei contribuenti in base all'indice di affidabilità. Ecco il quadro che ne è...

A cura di Simona Zazzetta

31/05/2024

Il Consiglio di amministrazione dell’ENPAF ha deliberato lo stanziamento di 800 mila euro per l'anno 2024, destinato a sostenere i titolari e i soci di farmacie rurali

A cura di Redazione Farmacista33

22/05/2024

L’Agenzia delle Entrate ha fornito le indicazioni e le scadenza per aderire al ravvedimento speciale di alcune violazioni fiscali di periodi d’imposta  precedenti con il versamento,...

A cura di Simona Zazzetta

17/05/2024

In tema di remunerazione aggiuntiva delle farmacie l’Agenzia delle entrate chiarisce, rispondendo a un interpello, alcuni aspetti relativi a base imponibile e imposte 

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Estate in movimento

Estate in movimento

A cura di Viatris

Cannabis light: potenzialità terapeutiche e limiti di legge è il titolo del webinar che si terrà il 31 luglio 2024 dalle 13:00 alle 14:00. L’obiettivo un dialogo tra clinici e farmacisti...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top