Login con

Integratori alimentari

19 Gennaio 2023

Hampi Muya: giardino di piante medicinali nel sito Unesco di Machupicchu in Perù


Il dibattito sulla nozione di paesaggio culturale nei siti Patrimonio dell'Umanità (WHS) alimenta modifiche nel corso dei decenni tra gli studiosi e trova le sue radici a Machupicchu, in Perù, con l'idea di "luogo sacro", dovuto alla comprensione andina ancestrale di montagne e foreste, che si sviluppa negli anni '50 tra gli archeologi (Pardo, 1957; Reinhard 1983). I primi studi etnomedicinali in Amazzonia introducono negli anni '80 le nozioni di Piante Maestre (Luna 1984; Schultes e Hoffmann, 1980) aggiungendo un fondamentale valore culturale della conoscenza indigena delle risorse naturali. Di conseguenza, una definizione neotropica del paesaggio incorpora i beni immateriali dell'ambiente naturale nelle espressioni più tradizionalmente utilizzate del patrimonio culturale e tangibile (Gavazzi, Perotti, Re, 2019).

Nella definizione dell'UNESCO di Eccezionale Valore Universale (OUV) del 1983 (274), Machupicchu si pone "tra le più grandi conquiste artistiche, architettoniche e di uso del territorio ovunque e l'eredità tangibile più significativa della civiltà Inca" (ICOMOS, 1983), implicando così il patrimonio culturale e valori naturali del Paesaggio Sacro delle Ande che incorporano le cosmovisioni dell'Amazzonia. Di conseguenza, gli elementi culturali della rete biotica e le sue espressioni attraverso le piante acquistano una posizione centrale nell'identità del sito.

Infatti, gli inka esercitavano il controllo sulle risorse amazzoniche principalmente attraverso le piante medicinali, ampiamente coltivate all'interno del Santuario Storico e nella Llaqta di Machupicchu. (Bastante, 2018). In questo quadro, il sito contemporaneo non include solo l'architettura, l'infrastruttura e la pianificazione della presenza inka in Amazzonia, ma anche la conoscenza indigena millenaria e ininterrotta che l'accompagna.

La realizzazione di un giardino botanico è iniziata negli anni '70 dall'archeologo Manuel Chávez Ballón e dal botanico Julio Cesar Vargas Calderón, in uno sforzo congiunto.
Ulteriori ricerche archeobotaniche sul campo negli anni '90 hanno portato ad un'analisi palinologica con maggiore enfasi sugli aspetti palinologici nel Programma di ricerca interdisciplinare (PIAISHM) tra il 2013 e il 2017 (Bastante, 2018).

Il confronto tra piante medicinali di Inka e la documentazione etnoisotrica con l'uso tradizionale contemporaneo riconnette il paesaggio archeologico alla sua destinazione originaria, generando Hampi Muya: un nuovo progetto museografico concepito come un'estensione a cielo aperto del percorso del Museo e botanico esistente giardino e come parte prospettica del Centro Visitatori all'ingresso principale del percorso al Sito di Patrimonio.

L'espressione quechua "Hampi Muya", terra pubblica coltivata a scopo medicinale, si avvicina solo alla traduzione di "frutteto di piante medicinale", a causa della complessità della nozione andina di interazione, coltivazione e relazione con la terra. Tale principio implica un approccio agroforestale alla rete biotica che replica l'interazione autonoma tra le specie con un addomesticamento di un intero ecosistema all'interno di un paesaggio culturale. Lo sguardo occidentale verso i "giardini" o i "frutteti", che esprimono entrambi l'idea di recinto coltivato, descrivono solo una parte di ciò che accade con una "muya" (Diccionario quechua) , dove un rapporto dialogico ed equilibrato tra umani e la biosfera ha luogo. L'approccio scientifico contemporaneo a una Muya dedicata all'etnomedicina si presenta come una traduzione del sistema di conoscenza incorporato nella natura andina, dove le piante diventano protagoniste e non solo elementi di un disegno antropocentrico.

Situato sul settore 4 al km 112 della ferrovia Cusco-Hidroelectrica, sulla piattaforma nord-sud inferiore sul margine sinistro del fiume Vilcanota a est del Giardino Botanico e a nord del Visitor Center del Sito, l'Hampi Muya si estende su una superficie limitata dalla piattaforma e dalla riva del fiume. Nel 1996 gli scavi archeologici hanno portato alla luce un insieme di terrazze collegate all'antico percorso verso l'alto attraverso il fiume e nel 2014 il PIAISHM ha definito tre piattaforme livellate collegate a un fossato asciutto, attorno al quale si trovano il Visito Center e l'Hampi Muya (Bastante, 2018 ) La museologia definisce una connessione tra le informazioni fornite ai visitatori all'interno del Canter e l'estensione esterna di un percorso compreso tra le piattaforme. La visita all'aperto delle sei piattaforme della Muya introdurrà il visitatore in un viaggio temporale attraverso una sequenza di piante e alberi medicinali che testimoniano il loro uso ancestrale e millenario, partendo dalle testimonianze palinologiche della Medicina Inca fino alle testimonianze storiche e contemporanee dell'etnomedicina ancora praticata nella regione e diffusa in diversi mercati andini. Personaggi principali e guide sono le piante stesse, che accolgono visitatori, residenti, famiglie, comunità quechua e amazzoniche, studenti e scienziati andini e internazionali. La capacità di guarire ed essere guariti attraverso l'insegnamento della natura dall'esperienza inka alla contemporaneità diventa la narrazione principale: espressa attraverso la ricostruzione archeologica ed etnografica, con un approccio transdisciplinare la guida di diversi gruppi di piante collega un percorso tra terrazze inka e conoscenza indigena vivente.

La geografia della cura ricostruisce la rete di sentieri percorsi ancestralmente dalle piante attraverso tanti ecosistemi diversi per colonizzare e strutturare le foreste, trasformando nel tempo i biocorridori in percorsi culturali. Di conseguenza la museografia sviluppa un percorso vegetale, dove numerosi temi si intrecciano in un viaggio verso la nozione di salute: i tratti geografici unici della montagna, la rete biotica delle foreste, i percorsi dell'acqua e la sacralità del sito. I percorsi curativi verso un rapporto armonico con l'ambiente e le sue componenti sono indicati da piante medicinali, sacre e maestre. Le loro espressioni, interazioni ed effetti sono ricreati con diversi esempi di rimedi, conoscenze comunitarie tangibili e immateriali, ancora attive nell'area andina e amazzonica.

Insieme ad esempi di produzioni e progetti di nutraceutici e biocosmetici, il paesaggio culturale delle piante officinali così ricreato come fonte viva di identità e sviluppo sostenibile e turistico.

L'Hampi Muya è organizzato in sei sezioni: le prime due sono a base archeologica e descrivono le piante medicinali di Machupicchu e la farmacopea Inca in epoca precoloniale; queste due aree risultano da una selezione anagrafica delle piante esistenti nel WHS, mentre e le successive propongono sottoinsiemi il cui uso persiste sia in farmacopea che nei mercati, oltre che per il loro valore patrimoniale ed è oggi sostenibile. La terza e la quarta sezione sono organizzate intorno all'uso etnostorico e contemporaneo delle piante medicinali con una produzione comunitaria inclusiva; le ultime due sezioni comunicano i valori del Patrimonio rappresentati dalle tradizioni viventi delle Piante Maestre e l'immaginario culturale della collezione delle Orchidee.

In particolare, i settori sono così definiti:
1. Archeologia delle piante medicinali Inka a Machupicchu, dove viene esposta una selezione della palinologia della ricerca archeologica, ricostruendo la farmacopea del passato (Bastante, 2018)
2. Archeologia e storia della medicina andina, con una selezione della vasta offerta tra diverse regioni e climi a cui avevano accesso gli Inca, al fine di individuare la potenziale conoscenza dei biocorridori economici e sociali del passato tra la Costa, le Ande e l'Amazzonia (Cobo, 1653; Garcilaso, 1609; Dalrymple-Champneys, (1958)
3. Etnomedicina andina moderna dove sono esposte una serie di produzioni basate sulle comunità per mostrare una prova sostenibile di un'economia diversificata, non necessariamente basata sul turismo per diffondere la nozione di continuità della conoscenza ancestrale all'interno del territorio (Bussman, 2006)
4. Piante nutraceutiche, cosmetici sostenibili e api meliponas indigene, con la creazione un nuovo mercato in crescita di prodotti per la salute e il benessere, al fine di comunicare come la conoscenza basata sugli indigeni sia la chiave per rafforzare l'esperienza tradizionale con valori economici non contrastanti orientati al mercato contemporaneo (Gavazzi, Perotti, Re, 2019; NRC, 1989)
5. Piante maestre e sacre, in cui viene mostrata l'identità culturale del patrimonio unico delle Piante Maestre e delle piante sacre e della loro narrazione più ampia, ricollegando così i visitatori alle tradizioni spirituali della regione e al loro significato all'interno della rete biotica in via di estinzione (O 'Neil 2014; Schultes, 1993), (Re, 2020)
6. Le Principesse Orchidee, in cui viene presentato il valore culturale ed economico della biodiversità neotropicale, come risorsa fondamentale per la conservazione dell'habitat da un lato, oltre che risorsa per il crescente mercato dei fiori in modo sostenibile.

· Bastante, J. Informe de Palinología en Informe Final Programa de Investigaciones interdisciplinarias en Machupicchu, Jefatura de Machupicchu, Dirección Desconcentrada de Cultura de Cusco. Cusco. 2018
· Bussmann W et al. Traditional medicinal plant use in Northern Peru: tracking two thousand years of healing culture. J Ethnobiol Ethnomed. 2006.
· Cobo, Father Bernabe. Inca Religion and Customs. Ed. 1990 of 1653 ed. Trans. Roland Hamilton. United States: Uni versity of Texas Press, 1990. Print.
· Gavazzi A, Perotti G and Re T. How to wear a Forest. The Intangible Cultural Heritage of healing biospheres in Camaldoli (IT), Lapland (FI), Chaparri (PE) and Mayantuyacu (PE)" in Josep Baños, Carlo Orefice et al (editors) Good Health, Quality Education, Sustainable Communiites, Human Rights. The Scientific Contribution of Italian UNESCO Chairs and Partners to SDGs 2030, Firenze University Press: 113 - 123. 2019


Tania Re(1), Jose Bastante(2), Adine Gavazzi(1)
(1) UNESCO Chair University Genoa
(2) Ministry of Culture of Perù

TAG: PIANTE MEDICINALI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

19/04/2024

La tisana di Viola tricolor a supporto della terapia nelle patologie infiammatorie intestinali

A cura di Fabio Milardo - erborista

18/04/2024

La Rhodiola rosea (RR) è una pianta i cui componenti bioattivi possono funzionare come adattogeni, aumentando la resistenza allo stress e migliorando la resilienza generale

18/04/2024

L'obesità è uno dei problemi di salute pubblica più seri del XXI secolo. E tra le fonti alimentari a base vegetale, molte piante edibili indigene e selvatiche mancano ancora dell'attenzione di...

18/04/2024

Una review sistematica della letteratura ha valutato l’efficacia degli integratori nella stimolazione o integrazione del livello di testosterone

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Stress da	vita frenetica?	Come ripristinare l’equilibrio intestinale

Stress da vita frenetica? Come ripristinare l’equilibrio intestinale

A cura di Coswell

Il Presidente dell’Aifa, Robert Nisticò ha incontrato il Presidente di Egualia (Industrie farmaci equivalenti, biosimilari a valore aggiunto), Stefano Collatina, presso la sede dell’Agenzia

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top