Login con

Salute benessere

29 Marzo 2024

Usi temporanei e biodiversità: le iniziative di MIND per studenti e lavoratori

A MIND, nell'ambito del progetto europeo T-factor, ci sono varie iniziative per promuovere la biodiversità attraverso gli usi temporanei. Non sono coinvolti solo gli studenti, ma anche i lavoratori del distretto dell'innovazione in collaborazione con enti locali.

di Redazione Farmacista33


Usi temporanei e biodiversità: le iniziative di MIND per studenti e lavoratori

Rigenerazione urbana attraverso giardini accessibili, resilienti e biodiversi che coinvolgono scuole e giovani del quartiere e adulti lavoratori, ma anche iniziative per superare le barriere mediante la sinergia delle realtà locali. Tutto ciò è possibile presso MIND – Milano Innovation District, tra le aree pilota selezionate da T-Factor, un progetto di ricerca finanziato dalla Commissione Europea che esamina il tema degli usi temporanei nei grandi progetti di rigenerazione. La Professoressa Francesca Foglieni del Dipartimento di Design del Politecnico di Milano parla di questo, insieme a Plusvalue, Lendlease, LAND Italia e all'Università di Milano.

Progettisti che sviluppano progetti di sostenibilità e biodiversità
"Siamo un team di vari tipi di designer", dice l'esperta, "e apparteniamo tutti al Dipartimento di Design, e più specificamente al gruppo di ricerca che risiede presso il Polifactory, lo spazio creativo del Politecnico di Milano. Ci occupiamo principalmente di product design, specialmente per quanto riguarda l'uso di metodi e strumenti di produzione digitale, ma anche di service design e design for policy. Alla luce di queste competenze, in T-Factor abbiamo ricoperto un doppio ruolo. Abbiamo definito la metodologia da seguire per tutte le aree pilota nella fase di prototipazione degli usi temporanei". Iniziati nel 2020, stanno ora raggiungendo la fase finale.

"Successivamente, per realizzare questi esperimenti e usi temporanei a Milano, abbiamo fatto parte della Local Coalition" dedicata allo sviluppo di spazi e usi temporanei per il distretto, per sperimentare nuovi modi di progettare, pianificare, finanziare e governare i processi di rigenerazione, con varie mission:

1- Ecosistema R&I aperto, vibrante e collaborativo, per creare una comunità di ricerca per lo scambio e la diffusione della conoscenza scientifica.

2- Stili di vita attivi, sani e sostenibili, per promuovere stili di vita consapevoli attraverso la conoscenza e la protezione della biodiversità urbana.

3- Accessibilità e identità, per costruire un'identità condivisa per il distretto e promuovere l'accessibilità attraverso la contaminazione tra realtà interne e territoriali.

Foglieni spiega che il focus, in particolare dei progetti che lei e il suo team hanno affrontato, riguardava le missioni 2 e 3. Inizialmente, hanno condotto ricerche e ascoltato quali fossero "le esigenze di quella parte del territorio a cui MIND potrebbe rispondere sia all'interno del distretto che esternamente". Hanno incontrato e intervistato le aziende di MIND, così come organizzazioni e associazioni della zona circostante per definire tali esigenze e argomenti su cui concentrarsi. Due sono stati i progetti nati da queste conversazioni: l'Herbula Wild Garden e la Community House.

Herbula Wild Garden, un giardino temporaneo e sperimentale per un uso quotidiano
"Abbiamo prima deciso di creare uno spazio temporaneo all'interno di MIND, uno spazio che sarebbe rimasto disponibile alla comunità per un po' di tempo. Abbiamo identificato un'area all'aperto, un prato che in quel momento non era occupato da nessun cantiere edile e non lo sarebbe stato per il tempo necessario." Quella zona verde era il luogo dove costruire un giardino temporaneo mirato a stili di vita consapevoli e sostenibili.

Sono stati coinvolti sia attori interni che esterni a Mind nella preparazione del giardino. Ad esempio, c'è stato "un evento iniziale di co-planting che ha coinvolto coloro che lavoravano a MIND in quel momento per piantare letteralmente una selezione di piante ed erbe. Poi abbiamo identificato una serie di scuole della zona che avrebbero potuto partecipare al progetto."

Il giardino è stato diviso in due aree: un'area sperimentale e un'area destinata a diventare un prato fiorito. Per la prima, sono stati coinvolti due classi del secondo anno dell'Istituto Agrario Pareto di Milano. Insieme a noi e al loro insegnante, gli studenti hanno deciso di creare un "giardino resiliente, quindi autosufficiente, di piante selvatiche già presenti ovviamente sul territorio e che erano anche commestibili. Così potevano essere utilizzate da coloro che visitano il giardino per un uso quotidiano, culinario o cosmetico. Abbiamo accompagnato gli studenti durante la fase di selezione delle piante e anche dal punto di vista del design del paesaggio."

In particolare, "abbiamo fornito i semi delle specie, mentre a scuola, hanno fatto germogliare e poi piantato le piante secondo il progetto." Gli studenti hanno quindi creato schede botaniche e ricette su come utilizzare piante e fiori nella vita quotidiana.

Infine, è stato organizzato un workshop di bioprocessing con esperti di foraging che hanno mostrato, attraverso vari processi di estrazione e distillazione, come trasformare le piante in tisane o prodotti generici per un uso quotidiano.

Un prato fiorito grazie a bombe di semi e hotel per insetti
L'altra area del giardino era destinata a diventare un prato fiorito. "Insieme a LAND Italia, l'altro partner della Local Coalition," continua Foglieni, "abbiamo definito una miscela di semi che potesse creare il prato ma anche essere autosufficiente, richiedendo una manutenzione minima, e soprattutto che le varie specie presenti si alternassero durante le stagioni." In questo caso, sette classi di due scuole elementari e medie di Rho e Baranzate (MI) sono state coinvolte nella semina. Con loro è stata svolta l'attività "BiodiverCity@Mind for Schools", che è un programma di educazione ambientale con il supporto di un'associazione di esperti (Progetto Natura Onlus) in un percorso di conoscenza della biodiversità.

"In classe, gli esperti hanno spiegato cos'è la biodiversità in città, e i bambini hanno iniziato a familiarizzare con l'argomento, poi li abbiamo portati tutti a MIND. Hanno fatto un giro attraverso le varie aree selvatiche del quartiere, imparando a riconoscere piante e animali presenti. Poi nel giardino temporaneo sono stati organizzati due workshop sul campo: uno per la creazione di bombe di semi e semi che hanno disperso nel prato, e un altro per la costruzione di hotel per insetti, piccoli rifugi per insetti per incoraggiare la presenza di impollinatori. Gli hotel per insetti sono stati progettati dal team di Polifactory in modo che potessero essere facilmente assemblati dai bambini. Infine, sono stati collocati pannelli informativi nel giardino per creare una sorta di percorso esperienziale per conoscere le piante e gli animali che vi abitano e per "capire che anche quando un'area urbana è apparentemente selvatica, è in realtà una risorsa estremamente importante che va curata, preservata e idealmente replicata".

Biodiversity Ambassador Program, la call to action rivolta agli adulti lavoratori

Per coinvolgere anche gli adulti lavoratori che frequentano l'area del distretto, è stata organizzata un'iniziativa chiamata " Biodiversity Ambassador Program ", rivolta alle quattro aziende di MIND che al momento avevano il maggior numero di dipendenti in loco: Valore Italia, AstraZeneca, Human Technopole e Bio4Dreams.

Il progetto consisteva in un appello interno aziendale per raccogliere almeno 5 volontari per azienda per partecipare al programma. Era richiesto loro di svolgere alcune semplici attività, ovvero fotografare tutte le specie animali che vedevano intorno a loro all'interno di MIND quando andavano in ufficio o durante il loro tempo libero, e caricarle su iNaturalist, una rinomata piattaforma di citizen science.

"Questo," spiega l'esperta, "era inteso come un primo tentativo per far conoscere loro ciò che è stato fatto e per trasmettere il messaggio direttamente alle aziende. In modo che le iniziative legate alla biodiversità del quartiere potessero cominciare a essere incluse nei loro programmi aziendali di welfare per sensibilizzare su queste aree verdi presenti."

Non è stato un progetto semplice perché "non c'è ancora una visione comunitaria che permetta di seguire direzioni particolari. Tuttavia, ci sono aziende molto sensibili non solo a queste specifiche problematiche legate alla biodiversità, ma più in generale all'intenzione di collaborare per costruire una comunità." Il tentativo nell'ambito della Missione 2 è di "trasformare tutto questo lavoro in una buona prassi che possa essere replicata da altri, dagli attori di MIND in futuro, ma anche in altre aree della città. Insieme a LAND Italia, stiamo ora elaborando linee guida specifiche per mappare la biodiversità nei contesti di rigenerazione urbana."

Nonostante il progetto iniziale fosse per un giardino temporaneo, Foglieni rivela che stanno lavorando per estendere l'iniziativa.

Futurabili, l'iniziativa all'interno della Community House di MIND
Per quanto riguarda la Missione 3, "relativa all'accessibilità, all'identità e mirata a superare le barriere percepite" di MIND "come luogo chiuso ed esclusivo piuttosto che come un luogo che appartiene alla città e ai cittadini", l'iniziativa è iniziata con la creazione di una simbolica Community House. L'idea è nata con l'obiettivo di creare uno spazio per le entità di MIND e le organizzazioni non-profit della zona per collaborare e costruire iniziative in modo sinergico in uno spirito di scambio e impollinazione incrociata verso un superamento graduale delle barriere percepite. Esistono, infatti, punti di contatto in modo che insieme, "sia possibile creare iniziative molto interessanti e potenti che portino benefici sia agli attori interni che esterni."

"Un'azienda di MIND," continua Foglieni, "che ha mostrato particolare apertura da questo punto di vista è stata Rold. Con la Fondazione Triulza che fa da tramite con le organizzazioni del terzo settore della zona, li abbiamo accompagnati nella progettazione di un'iniziativa congiunta: Futurabili."

"La prima edizione di Futurabili consisteva in un programma di formazione e orientamento sulle professioni future per i giovani della zona su quattro temi. Ogni tema prevedeva l'organizzazione di una sessione di formazione. I partecipanti hanno potuto esplorare nuove competenze, utili poi in un percorso di carriera futuro ideale. Quindi, non solo lezioni frontali ma attività pratiche." Il formato è stato così apprezzato che è stata organizzata una seconda edizione dell'iniziativa, chiamata Futurabili per Baranzate, da ROLD, la Fondazione Triulza e un'altra organizzazione del terzo settore.

Nell'ambito delle iniziative temporanee per attivare l'area e per estendere la conoscenza su ciò che sta già accadendo a MIND verso l'esterno, T-Factor, in collaborazione con Edra e ITTBiomed, ha chiesto ai partner e alle aziende di MIND di condividere le loro scoperte scientifiche, studi e azioni innovative, diffondendo scienza e conoscenza.


Articolo tradotto in italiano dalla testata on line ITTBioMed:
https://www.ittbiomed.com/meanwhile-uses-and-biodiversity-minds-initiatives-for-students-and-workers/ 


TAG: SOSTENIBILITà, BIOTECNOLOGIA, SALUTE, BENESSERE, INNOVAZIONE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

03/04/2024

Fidia Farmaceutici è la prima multinazionale farmaceutica italiana di medie dimensioni ad ottenere la Certificazione Nazionale per la Parità di Genere

A cura di Redazione Farmacista33

02/04/2024

A partire dal 1° aprile, Roberto Bettin assume il ruolo di General Manager Southern Europe di embecta: Italia, Spagna, Portogallo e Grecia si uniranno come...

A cura di Redazione Farmacista33

29/03/2024

Il progetto di una start-up ha previsto la produzione di cristalli di ritonavir in ambiente di microgravità in capsula spaziale

A cura di Redazione Farmacista33

29/03/2024

Bene etico per patologie croniche e libera vendita in particolare la dermocosmesi. I dati del monitoraggio settimanale di New Line

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Obiettivo detersione corpo

Obiettivo detersione corpo

A cura di Lafarmacia.

Il Parlamento Europeo ha adottato una posizione decisiva sulla riforma farmaceutica dell'UE, con l'obiettivo di rivoluzionare la legislazione farmaceutica per...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top