Login con

Farmacisti

10 Giugno 2021

Contraccezione di emergenza, Tar conferma vendita in farmacia senza ricetta a minorenni


La pillola per la contraccezione di emergenza dei cinque giorni continuerà a essere dispensata dalle farmacie senza ricetta alle ragazze minori di 18 anni. La sentenza del Tar

La pillola per la contraccezione di emergenza, quella cosiddetta dei cinque giorni, continuerà a essere dispensata dalle farmacie senza ricetta alle ragazze minori di 18 anni. Lo ha stabilito il Tar del Lazio con una sentenza pubblicata il 4 giugno che respinge il ricorso che alcune associazioni avevano presentato per l'annullamento della Determina dell'Aifa dell'8 ottobre 2020 recante "modifica del regime di fornitura del medicinale per uso umano EllaOne (ulipristal); "nonché di ogni atto e provvedimento ad essa presupposto".

Tar: ricorso infondato, confermata validità Determina

L'Aifa, ricordano i giudici, aveva disposto l'eliminazione dell'obbligo di prescrizione medica per la commercializzazione del farmaco, presso le farmacie italiane, anche in favore delle ragazze minorenni con l'obiettivo di "evitare gravidanze adolescenziali a quelle minori che, per paura e pudore, non si rivolgono ai genitori ed al proprio medico onde farsi prescrivere la c.d. pillola del giorno dopo". Il tribunale ha però ritenuto infondati i diversi motivi del ricorso, in primo luogo confermando che all'Aifa spetta "la competenza ad adottare provvedimenti quali quelli di specie (classificazione di farmaci non soggetti a prescrizione medica)". E se per le Associazioni ricorrenti non sarebbero stati "attentamente valutati i possibili effetti abortivi", i giudici sottolineano che "sulla base di quanto autorizzato, il farmaco in questione avrebbe una funzione meramente antiovulatoria. Esso impedisce in altre parole la fecondazione". I giudici chiariscono che da parte loro si tratta di una disamina della documentazione tecnica sul tema e richiamano le "numerose fonti scientifiche dirette" citate nel "Razionale Scientifico e Regolatorio" del 16 dicembre 2019, nello specifico linee guida approvate da federazioni e società scientifiche internazionali, che da un lato sono dirette "ad escludere problematiche di salute quale che sia l'età di chi assume" il farmaco e dall'altro "ad escludere una ulteriore portata antinidatoria". I dubbi posti dalle ricorrenti riguardano anche eventuali effetti tossici sul fegato che "non sarebbero stati considerati" ma per il Tar trattasi di "opinioni o meglio di mere asserzioni ipotetiche, prive di più specifici approfondimenti scientifici, estrapolate tra l'altro non da una rivista specializzata ma da un pur autorevole e diffuso quotidiano che, in quanto tale, di certo non può entrare a far parte del necessario bagaglio tecnico e scientifico da porre alla base di taluni dossier amministrativi, manifestando a tal fine un ruolo sostanzialmente irrilevante".

Smic: ha prevalso la letteratura internazionale

«La letteratura mondiale ha dimostrato a piene mani che non vi sono rischi nella assunzione del farmaco per la contraccezione di emergenza né nelle maggiorenni né nelle minorenni - commenta Emilio Arisi, presidente della Società medica italiana della contraccezione - e che anzi la possibilità di andare direttamente in farmacia ad acquisire il farmaco ha certamente ridotto i numeri delle gravidanze indesiderate e quindi dell'aborto volontario, come dimostrano le relazioni ministeriali degli ultimi anni. In altri termini l'assenza di necessità di una prescrizione medica semmai ha portato dei grandi vantaggi per le minorenni, e per la società in senso lato. E ora la sentenza del Tar conferma tutto questo» «Il tribunale fa riferimento alla letteratura internazionale, che assume come dato di evidenza il meccanismo d'azione del farmaco e la sua rispondenza ai criteri stabiliti per i farmaci dispensabili senza obbligo di prescrizione, affermando che il ricorso delle associazioni cattoliche era basato solo su opinioni e su un unico studio, peraltro discutibile da un punto di vista metodologico - sottolineano Filomena Gallo, segretaria dell'associazione Luca Coscioni -. È auspicabile che le opinioni e le posizioni ideologiche personali, ovviamente legittime, non abbiano diritto di cittadinanza nella pratica medica e nella ricerca scientifica, che hanno come unico fine la salute delle persone».

Simona Zazzetta

TAG: CONTRACCETTIVI ORALI, PILLOLA DEI CINQUE GIORNI DOPO, PILLOLA ANTICONCEZIONALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Contrastare la perdita di compattezza ed elasticità della pelle

Contrastare la perdita di compattezza ed elasticità della pelle

A cura di Bios Line

Il virus respiratorio sinciziale è tra i virus più comuni nell'infanzia ma colpisce anche gli adulti. Sì ad anticorpo monoclonale preventivo e vaccino: le ...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top