Login con

Farmacisti

08 Luglio 2021

Biotecnologie, Assobiotec: settore in crescita. Ecco report annuale


Il 2020 è stato un anno di crescita per le imprese biotech attive in Italia: a fine anno erano 721 con un fatturato più alto del 23% rispetto al 2019. Il rapporto Assobiotec-Federchimica

Il 2020 è stato un anno di crescita per le imprese biotech attive in Italia: a fine 2020 erano 721, con un fatturato più alto del 23% rispetto al 2019. Il dato emerge dal rapporto annuale Assobiotec-Federchimica ed Enea, "Le imprese di biotecnologia in Italia. Facts&Figures - Aggiornamento congiunturale 2021".

Fatturati 2020 in crescita vs 2019

Il report mostra un trend di crescita del settore per le principali variabili economiche, sebbene a tassi più contenuti rispetto a quelli rilevati fino al 2016. Solo il dato sul fatturato totale delle imprese (oltre 11 miliardi di euro) mostra un lieve arretramento nel 2019 sul 2018, ma senza modifiche significative di operatività e redditività. In deciso aumento, invece, il fatturato biotech delle imprese a capitale italiano specializzate nella R&S biotecnologica, che rispetto all'anno precedente, cresce nel 2019 di oltre il 23%, ben al di sopra della media annua del 12,3% registrata fra il 2014 e il 2019. Da evidenziare anche l'aumento registrato, sempre per queste imprese, negli investimenti in R&S intra-muros, salito nel 2019 dell'11,4% rispetto all'anno precedente e del 46,7% rispetto al 2014, a fronte di una crescita nello stesso periodo 2014-2019 di circa il 31,5% per la spesa in R&S intra-muros del complesso delle imprese italiane. La stessa dinamica di crescita relativa alle imprese a controllo italiano, che dedicano almeno il 75% dei propri investimenti in R&S alla ricerca nelle biotecnologie, si rileva sostanzialmente anche per la variabile degli addetti al biotech in generale (oltre 13mila), e alla ricerca nelle biotecnologie, determinando quindi un continuo aumento del peso di tali imprese sul totale del settore in Italia.

In espansione imprese che sviluppano applicazioni biotecnologiche

Sebbene l'attività delle imprese biotecnologiche rimanga in gran parte concentrata nell'ambito della salute, tra il 2014 e il 2019 si registra una tendenziale espansione delle quote relative alle imprese che sviluppano applicazioni biotecnologiche per l'industria e l'ambiente, oltre che per l'agricoltura e la zootecnia. Per questi stessi settori, fra il 2014 e il 2019 ancora più velocemente è cresciuto il volume degli investimenti in R&S intra-muros biotecnologica, con incrementi del 52% per industria e ambiente e del 64% per agricoltura e zootecnia. Nel complesso, tuttavia, tali investimenti restano ancora decisamente concentrati nell'ambito della salute umana per l'88%. La quota di imprese di micro o piccole dimensioni supera l'80% del totale del settore, mentre le grandi imprese rappresentano il 9% dell'intera popolazione in analisi. Con una quota in continua crescita sul totale, oltre il 20% nel 2020, le start-up innovative contribuiscono significativamente all'espansione in termini di numero di imprese del settore delle biotecnologie in Italia. A livello territoriale, l'assetto del settore non presenta modifiche sostanziali. La presenza delle imprese biotech italiane è diffusa su tutto il territorio nazionale e, sebbene si registri una lieve crescita di quota delle regioni del Mezzogiorno (dal 16,6% del 2014 al 19,2% del 2019), il settore rimane concentrato per più del 60% nel Nord del Paese. La concentrazione è ancora maggiore per le variabili economiche, con oltre l'85% del fatturato da attività biotech e più del 75% degli investimenti in R&S intra-muros che continuano ad essere realizzati in sole tre regioni: Lombardia, Lazio e Toscana. Unica regione meridionale che emerge per quota sul totale del numero di imprese e di investimenti in R&S è la Campania.

Biotech è asset su cui puntare

Secondo il presidente Assobiotec-Federchimica, Riccardo Palmisano, il biotech "è universalmente riconosciuto quindi come un asset sul quale i Paesi sviluppati non possono non puntare per una ripartenza economica che sia anche sostenibile. Oggi siamo a un bivio cruciale ed è il momento, come sistema Paese, di scegliere di seguire finalmente la strada dell'innovazione. Abbiamo, grazie al Next Generation Eu e al Pnrr, risorse mai viste prima e un'attenzione delle istituzioni e dell'opinione pubblica su diverse priorità sulle quali da anni chiediamo interventi di policy". "Sono tanti i segnali incoraggianti - osserva ancora - per lo sviluppo del settore che stanno arrivando dal Governo: l'innalzamento del credito d'imposta da 4 a 20 milioni, la nuova identità e missione data dal Mise a Fondazione Enea Biomedical Tech con anche l'idea di raddoppiare la dotazione della Fondazione con altri 400 milioni a disposizione delle startup focalizzate sul biotech. E ancora la detassazione del capital gain per chi investe in startup e pmi innovative, solo per citarne alcuni. Tutti segnali incoraggianti, che fanno ben sperare e che ci fanno dire, con un pizzico di orgoglio, che i semi che in questi anni abbiamo gettato, hanno finalmente la possibilità di germogliare, fermo restando una rapida implementazione delle necessarie riforme, a partire dalla semplificazione burocratica che ad oggi frena pesantemente il nostro settore".

TAG: TECNOLOGIA BIOMEDICA, TECNOLOGIA, BIOTECNOLOGIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Combattere e prevenire i primi malanni di stagione dei più piccoli

Combattere e prevenire i primi malanni di stagione dei più piccoli


Angela Margiotta farmacista e presidente dell’associazione Farmaciste Insieme, nel giorno di San Valentino ha pubblicato un post sui social sul supporto alle...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top