Login con

Farmacisti

26 Ottobre 2021

Influenza stagionale, Ecdc: impatto grave su anziani e fragili. Vaccinarsi e mantenere distanza e mascherine


L'influenza stagionale potrebbe avere impatto grave su anziani e categorie fragili a rischio complicanze a causa del virus influenzale A/H3N2

L'influenza stagionale potrebbe avere impatto grave su anziani e categorie fragili a rischio complicanze, a causa del virus influenzale A/H3N2 che "colpisce le persone anziane in modo sproporzionato" rispetto alle altre, "ed è associato a una minore efficacia del vaccino". Chi lavora in un ambiente sanitario o in una casa di cura dovrebbe assicurarsi di essere vaccinato contro Covid e l'influenza prima dei mesi invernali. In ogni caso è consigliabile mantenere le misure anti-Covid anche per contrastare l'influenza stagionale. Queste le indicazioni comunicate da Pasi Penttinen, capo del programma antinfluenzale dell'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie in una nota dell'Agenzia, sulla base dei rilevamenti precoci del virus dell'influenza stagionale.

Ridotta efficacia vaccini contro sottotipo A/H3N2

La nota precisa che al momento il numero complessivo di rilevamenti di casi di influenza nella maggior parte dei Paesi dell'Unione europea e dello Spazio economico europeo (Ue/See) è "ancora basso" ma "insolitamente precoce". In particolare, il principale sottotipo virale segnalato nei casi registrati in Ue/See durante l'ultimo mese è l'A/H3N, particolarmente aggressivo negli anziani e in grado di contrastare l'effetto del vaccino. Per l'Ecdc è "un segno che la prossima stagione influenzale potrebbe essere pesante" e che nei vari Paesi le tempistiche dell'influenza stagionale "potrebbero variare" rispetto ai modelli attesi. «I rilevamenti precoci del sottotipo A/H3N2 sono un'indicazione che l'influenza 2021/2022 potrebbe essere grave, anche se non possiamo sapere con certezza come andrà la prossima stagione - afferma Penttinen. - Un forte aumento delle infezioni influenzali durante l'attuale pandemia di Covid-19 - avverte - potrebbe avere gravi conseguenze per gli anziani e le persone con un sistema immunitario debole, e caricare di un peso aggiuntivo i sistemi sanitari già messi a dura prova dall'emergenza coronavirus. È quindi importante prendere le precauzioni necessarie e proteggere coloro che sono più a rischio», esorta Penttinen.

Vaccinazione degli operatori sanitari prima dell'inverno

«La vaccinazione contro Covid e influenza - aggiunge - fornisce una buona protezione contro le malattie gravi. Coloro che lavorano in un ambiente sanitario o in una casa di cura dovrebbero assicurarsi di essere vaccinati sia contro Sars-CoV-2 sia contro l'influenza prima dei mesi invernali». L'Ecdc sottolinea che vaccini anti-influenza e anti-Covid e farmaci antivirali "assunti il ​​più rapidamente possibile dopo l'insorgenza dei sintomi influenzali, sono sicuri ed efficaci nel trattamento dell'influenza e sono generalmente raccomandati per casi gravi o in rapida progressione. Le loro proprietà profilattiche - precisa l'Ecdc - sono utili anche come misura preventiva in caso di focolai nelle case di cura".

Ecdc raccomanda vaccini, distanziamento e mascherine

L'Ecdc inoltre raccomanda ci mantenere le misure anti-Covid anche per contrastare l'influenza stagionale, con riferimento a strategie come distanziamento e mascherine: "Durante la stagione 2020-2021si è verificata una notevole diminuzione, maggiore del 99% del numero di infezioni influenzali rilevate in Unione europea/Spazio economico europeo, con numeri simili a quelli segnalati durante i periodi interstagionali. Ciò indica che gli interventi non farmacologici, come evitare gli assembramenti non necessari e il mantenimento delle misure igieniche, sono efficaci non solo nel frenare la diffusione di Sars-CoV-2, ma anche dell'influenza". «La nostra esperienza con la pandemia di Covid-19 - afferma Penttinen - ci ha dato ulteriori prove che interventi non farmacologici come il distanziamento fisico e le misure igieniche possono frenare efficacemente la diffusione dell'influenza. Ciò è particolarmente importante da considerare in ambienti come case di cura e strutture sanitarie».

TAG: INFLUENZA, VACCINAZIONE, EUROPEAN CENTRE FOR DISEASE PREVENTION AND CONTROL (ECDC)

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Leave-In Treatments che proteggono il colore dei capelli - Aveda

Leave-In Treatments che proteggono il colore dei capelli - Aveda

A cura di Aveda

Per sopperire alla carenza di farmaci industriali a base di enzimi pancreatici si può valutare con il medico prescrittore il ricorso a mix di enzimi da allestire in laboratorio galenico ...

A cura di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top