Login con

Farmacisti

22 Febbraio 2022

Caro energia e bollette, varato pacchetto di aiuti per imprese e famiglie. Ecco chi ne beneficia


Ci sono interventi di emergenza e di prospettiva nello schema di Decreto Energia varato dal Consiglio dei ministri, con misure di interesse per imprese e famiglie


Ci sono interventi di emergenza, per calmierare nel breve i costi dell'energia, e di prospettiva, per evitare altre crisi come quella in corso, nello schema di Decreto Energia varato dal Consiglio dei ministri di venerdì. Un pacchetto di misure, per un totale di 8 miliardi di euro, che prorogano quelle già adottate di contrasto al caro bollette, stanziano sostegni alle filiere produttive e imprimono un'accelerazione sul fronte delle sorgenti rinnovabili. Misure di interesse per imprese e famiglie, che cercano di mitigare una situazione che ha ricadute anche sulla filiera. Tra queste anche un fondo da 15 milioni in favore dei famigliari professionisti sanitari e sociosanitari deceduti per Covid. Ecco nel dettaglio quanto previsto e chi ne può beneficiare.

Caro Bollette, gli aumenti per imprese e famiglie

Il caro energia è un tema che sta preoccupando tutti i settori e tutti i livelli della società, sia per l'impatto sulle famiglie, che rischia di acuire ulteriormente situazioni di disagio e, come ha sottolineato venerdì in conferenza stampa il ministro dell'Economia Daniele Franco, «può tradursi in un minore potere d'acquisto», sia per le imprese, che sconteranno una «minore competitività». Anche da parte della filiera si è sollevato da più parti un grido d'allarme, nel timore che il caro energia possa mettere a rischio la tenuta del sistema. Una recente stima di Confesercenti ha segnalato come i "costi di energia elettrica e gas per famiglie e piccole imprese siano in crescita rispettivamente del +131% e del +94% rispetto allo stesso periodo del 2021. Un aumento che - in termini reali - corrisponde ad una spesa aggiuntiva di 765 euro all'anno per le utenze domestiche. Per le imprese, poi, gli aumenti sono ancora più forti: un negozio di commercio alimentare di ortofrutta pagherà nel 2022 4.371 euro, 1.754 in più del 2021; un parrucchiere 8.108, per una maggiorazione di 3.307 euro sull'anno precedente; un bar 12.295 euro (+5.648 euro rispetto al 2021) e un ristorante 26.160 euro, con una spesa aggiuntiva vicina ai 12mila euro in più (+11.780)".

Dagli oneri di sistema all'Iva sul gas: ecco gli interventi del Governo

Da parte del Governo, diversi sono stati gli interventi per rallentare il caro bollette e in questi ultimi mesi sono stati erogati oltre 11 miliardi di euro - 1,2 miliardi nel III trimestre 2021, 3,5 miliardi nel IV trimestre 2021 e 5,5 miliardi nel I trimestre 2022. Ultimo in ordine di tempo è il cosiddetto decreto Energia varato dal consiglio dei Ministri di venerdì e circolato in bozza, che prevede uno stanziamento totale di 8 miliardi di euro, di cui 6 destinati proprio a imprese e famiglie. Nel dettaglio, un primo pacchetto di misure, circa tre miliardi, viene stanziato per bloccare gli oneri di sistema fino al 30 giugno, annullando le aliquote "applicate alle utenze domestiche e alle utenze non domestiche in bassa tensione, per altri usi, con potenza disponibile fino a 16,5 kW e alle utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW, anche connesse in media e alta/altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli elettrici in luoghi accessibili al pubblico". Confermata poi la riduzione dell'Iva al 5% e degli oneri generali per il settore gas, anche per le fatture emesse per i consumi stimati o effettivi dei mesi di aprile, maggio e giugno 2022. Mentre sul fronte delle famiglie viene previsto anche il rafforzamento del bonus sociale per nuclei con ISEE di circa 8.000 euro o di 20.000 nel caso di famiglie numerose, ma anche per clienti con domestici in gravi condizioni di salute. Inoltre, "per le imprese a forte consumo di energia elettrica che hanno subito un aumento dei costi di oltre il 30% rispetto al 2019 è riconosciuto un contributo straordinario a parziale compensazione dei maggiori oneri sostenuti, sotto forma di credito di imposta, pari al 20 per cento delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata nel secondo trimestre 2022". Alle imprese a forte consumo di gas naturale "è riconosciuto, a parziale compensazione dei maggiori oneri sostenuti per l'acquisto del gas naturale, un contributo straordinario, sotto forma di credito di imposta, pari al 15 per cento della spesa sostenuta per l'acquisto del medesimo gas, consumato nel primo trimestre solare dell'anno 2022, per usi energetici diversi dagli usi termoelettrici". Per quanto riguarda poi le misure di prospettiva, "il decreto include un programma di accelerazione sul fronte delle sorgenti rinnovabili, in particolare per il fotovoltaico, con un intervento di semplificazione per l'installazione sui tetti di edifici pubblici e privati e in aree agricole e industriali". E per "quanto attiene al sostegno alle filiere produttive, il decreto interviene su due settori in particolare che sono interessati da grandi trasformazioni in corso: automotive e microprocessori".

Al netto degli aiuti gli aumenti per le imprese restano gravosi

Problema risolto? Secondo la Cgia di Mestre no: "Abbiamo stimato per il primo semestre di quest'anno un aumento del costo delle bollette di luce e gas di 44,8 miliardi di euro, di cui 15,4 in capo alle famiglie e 29,4 alle imprese" si legge in una nota di sabato dell'Ufficio studi. "Se dall'importo complessivo (44,8 miliardi) storniamo le misure di mitigazione messe in campo con la legge di Bilancio 2022 (3,8 miliardi), quelle introdotte nel decreto per il contrasto ai rincari energetici del 21 gennaio scorso (1,7 miliardi) e i 5,5 miliardi approvati ieri (importo, quest'ultimo, al netto degli aiuti erogati a Regioni e enti locali), l'extra costo da pagare rimane di 33,8 miliardi di euro: 8,9 sulle spalle delle famiglie e 24,9 su quelle delle aziende". D'altra parte, "gli incrementi di prezzo delle bollette sono talmente importanti che il saldo da pagare rimane comunque elevato. Per questo, secondo l'Ufficio studi della CGIA, "il Governo dovrebbe essere più incisivo, cosiÌ come hanno fatto molti altri paesi europei. Spagna e Francia, ad esempio, hanno imposto dei tetti agli aumenti delle bollette per un periodo temporaneo. Polonia, Portogallo, Grecia, ed Estonia, invece, hanno previsto anche sconti o azzeramenti totali delle tariffe di rete, rinviandone nel tempo gli aumenti o ponendoli a carico del bilancio dello Stato".

Il fondo per gli operatori sanitari vittime del Covid-19

A ogni modo, oltre alle misure per l'energia, il decreto prevede stanziamenti a favore delle Regioni - circa 400 milioni di euro - in particolare per far fronte alle maggiori spese relative alla crisi pandemica, altri 250 milioni per i farmaci antivirali e un fondo da 15 milioni in favore dei famigliari professionisti sanitari e sociosanitari deceduti per Covid. «Ringraziamo il Governo per la sensibilità mostrata per aver sostenuto l'iniziativa che dà vita a un fondo di 15 milioni di euro a sostegno delle famiglie dei professionisti sanitari deceduti per Covid-19» ha commentato Andrea Mandelli, Presidente Fofi. «Un giusto e doveroso riconoscimento del valore dell'attività svolta dai professionisti sanitari, colleghi e amici, che durante questa delicatissima e tragica fase della pandemia, hanno messo la propria vita a servizio della tutela della salute dei cittadini. Il loro impegno, la loro dedizione alla professione per il bene della salute pubblica, insieme al loro ricordo, rimarranno vivi nella memoria degli Ordini professionali».

Francesca Giani

TAG: GOVERNO, MINISTERO DELL'ECONOMIA, CONSIGLIO DEI MINISTRI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/03/2024

Antonello Mirone (Federfarma Servizi), richiama l'attenzione sui costi del lavoro per il settore della distribuzione intermedia alla luce del rinnovo del Ccnl commercio, che riguarda...

A cura di Redazione Farmacista33

25/03/2024

Gli specializzandi di farmacia ospedaliera hanno manifestato a Roma per chiedere tirocini professionalizzanti retribuiti equiparati a quelli svolti da medici specializzandi ...

A cura di Simona Zazzetta

20/03/2024

Una survey lanciata da Conasfa tra i farmacisti collaboratori monitora le cause alla base dell’abbandono della professione: la retribuzione resta la criticità principale, ma non soddisfano i ...

A cura di Francesca Giani

20/03/2024

Comunicare temi di salute online e sui social è un’attività che si è molto diffusa soprattutto dall’epoca Covid in poi  e...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Nascono le nuove Gallette Cioccolato Bianco,  Mandorle e Caramello Performa

Nascono le nuove Gallette Cioccolato Bianco, Mandorle e Caramello Performa


In occasione della Giornata mondiale della Salute che si è celebrata il 7 aprile nelle Farmacie Benu è stata avviata una campagna di screening gratuiti che per...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top