Login con

Farmacisti

28 Aprile 2022

Epatiti pediatriche sconosciute: sintomi a cui prestare attenzione. I casi segnalati


In molti paesi sono stati segnalati casi di epatiti di origine sconosciuta nei bambini. Dal Ministero della salute un circolare sulla situazione epidemiologica e i principali sintomi


In relazione alle epatiti acute a eziologia sconosciuta nei bambini, in tutti in Paesi in cui sono stati segnalati casi si è al lavoro per individuarne le cause. Al momento, i casi nel mondo sono circa 190 e in Italia ci sarebbero 20 segnalazioni. Nel nostro Paese è stata attivata una rete ad hoc e la situazione è monitorata dall'Iss. Intanto, dal Ministero della salute è stata emanata una circolare che traccia il quadro della situazione epidemiologica e ripercorre i principali sintomi.

Casi di epatite acuta sconosciuta in bambini: la situazione epidemiologica

A livello complessivo, a tracciare una prima mappa è l'Oms che, al 21 aprile, rileva almeno 169 casi segnalati da 11 Paesi nella regione europea: nel dettaglio, sono 114 nel Regno Unito, 13 in Spagna, 12 in Israele, 9 negli Stati Uniti, 6 in Danimarca, 5 in Irlanda, 4 nei Paesi Bassi, 2 in Norvegia, 2 in Francia, 1 in Romania e 1 in Belgio. Per quanto riguarda il nostro Paese, al 22 aprile, secondo quanto riferisce il Ministero della salute, "sono giunte in totale 11 segnalazioni che fanno riferimento a pazienti individuati in diverse Regioni italiane (Abruzzo, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Sicilia, Toscana e Veneto). Si tratta quindi di segnalazioni relative a casi sporadici sparsi sul territorio nazionale. Di questi, due risultano come casi "confermati", mentre altri due sono definiti come possibili (in quanto di età superiore ai 10 ma comunque inferiori ai 16). Per quanto riguarda un paziente, il ricovero è avvenuto prima di gennaio; altri 2 casi sono in corso di valutazione per possibili ulteriori cause eziologiche e 4 sono definibili come sospetti. Caratteristica per tutti i casi è che i virus comuni che causano l'epatite virale acuta (virus dell'epatite A, B, C, D ed E) non sono stati rilevati", mentre "una positività per Adenovirus o per SARS-CoV-2 eÌ stata per ora riportata in due casi sospetti". A scorrere le pagine della cronaca odierna, da quanto riportano le agenzie, a ogni modo, sembrerebbero essere emerse altre situazioni su cui sono in corso gli esami: per il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ospite di 'TimeLine' su SkyTg24 le segnalazioni sono salite a «20 e a 8 i casi sospetti».

In corso le indagini sulle cause. Tra le ipotesi causa virale

Se ci sia un vero e proprio eccesso di casi in Italia rispetto alla norma non è ancora chiaro: "ogni anno in Italia, come negli altri Paesi, si verifica un certo numero di epatiti con causa sconosciuta, e sono in corso analisi per stabilirlo". Per cercare di individuare le cause "le indagini sono in corso in tutti i Paesi che riportano casi. Le autorità sanitarie che stanno indagando nel Regno Unito, dove si eÌ verificata la maggior parte dei casi fino a oggi, ritiene, sulla base delle caratteristiche cliniche ed epidemiologiche dei casi in esame, che una causa infettiva sia la più probabile, ed in particolare l'infezione da Adenovirus". Una ipotesi che non convince comunque l'Iss, "in quanto questo tipo di virus normalmente non è associato a malattie epatiche". Secondo quanto si legge nella circolare del Ministero, "le infezioni da Adenovirus sono comuni e di solito provocano una malattia lieve, con sintomi simili al raffreddore, vomito e diarrea. La maggior parte delle persone infettate da un Adenovirus non presenta complicazioni. Gli Adenovirus non causano comunemente l'epatite, che eÌ una complicazione rara, nota di solito tra gli individui immunocompromessi. Si potrebbe ipotizzare o la comparsa di una nuova variante in circolazione che causi una grave epatite nei bambini, o che una variante comunemente in circolazione stia colpendo soprattutto bambini più piccoli forse immunologicamente non protetti in relazione alla minore circolazione di Adenovirus durante la pandemia COVID-19". A ogni modo, secondo quanto riferisce l'ultima comunicazione di Iss, "al momento nessuna delle teorie formulate sull'origine ha avuto un riscontro attraverso evidenze scientifiche". Va detto poi che "quanto alle ipotesi di possibile esposizione a sostanze tossiche, informazioni dettagliate raccolte attraverso un questionario relativo a cibi, bevande, abitudini personali dei casi non hanno evidenziato esposizioni comuni. Le indagini tossicologiche sono in corso".

La sintomatologia: attenzione a comparsa di ittero

Per quanto riguarda infine la sintomatologia, secondo la circolare del ministero, sulla base delle segnalazioni, "la presentazione clinica dei casi identificati al momento nel Regno Unito risponde a una grave epatite acuta, con livelli aumentati di enzimi epatici (AST o ALT maggiori di 500 IU/L) e in molti casi, con ittero. I casi hanno riportato sintomi gastrointestinali, tra cui dolore addominale, diarrea e vomito nelle settimane precedenti. La maggior parte dei pazienti non presentava febbre. Non eÌ stato identificato alcun legame con il vaccino anti COVID-19" anche perché molti bambini colpiti sono sotto i 5 anni, fascia d'età per cui non c'è il vaccino. Sileri invita comunque a prestare attenzione «a valutare quali sintomi si presentano, se i bambini hanno sintomi influenzali con l'apparato gastroenterico coinvolto, bisogna informare il pediatra di fiducia e il medico di famiglia, ma non ci deve essere preoccupazione. Un possibile campanello d'allarme è l'ittero». Intanto, la commissaria europea alla salute Stella Kyriakides, invita gli Stati dell'Unione europea a condividere tutte le informazioni possibili e chiarisce che "Ecdc pubblicherà domani una prima valutazione".

Francesca Giani

Segnalazioni e raccomandazioni
Il Ministero sollecita la segnalazione di ogni eventuale caso di epatite acuta che risponda alla definizione di caso attualmente adottata dall'OMS, a:
Ministero, Direzione Generale della Prevenzione sanitaria, (Ufficio 5 - Prevenzione delle Malattie Trasmissibili e Profilassi Internazionale) e all'Istituto Superiore di Sanità (Dipartimento di Malattie Infettive), ai seguenti indirizzi:
malinf@sanita.it
epa2022@iss.it
Le e-mail di segnalazione dovranno contenere il seguente oggetto:
SEGNALAZIONE CASO EPATITE DI ORIGINE SCONOSCIUTA

TAG: SEGNI E SINTOMI, FEGATO, EPATITE, MINISTERO DELLA SALUTE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

My Happy

My Happy

A cura di ESTEE LAUDER

Allestire la cassetta di pronto soccorso in farmacia con i propri prodotti rientra nell’autoconsumo aziendale, ecco come regolarsi per la gestione fiscale ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top