Login con

Farmacisti

25 Maggio 2022

Malattie autoimmuni, 130mila pazienti non accedono a farmaci biologici. Nuovi strumenti per ampliare cure


In Italia si stima un totale di circa 130mila pazienti affetti da patologie autoimmuni afferenti che non accedono alle cure biologiche adeguate alla condizione clinica


Tra artrite reumatoide, psoriasi, colite ulcerosa sono circa 130mila i pazienti che non accedono alle cure biologiche giudicate adeguate alla loro condizione clinica. È il dato emerso nel corso di un convegno organizzato a Roma dall'Italian Biosimilars Group di Egualia da cui è stata rilanciata la proposta di un nuovo strumento di policy a disposizione delle amministrazioni sanitarie: il "gain sharing", un indicatore clinico in grado di misurare il numero di pazienti eleggibili all'uso del biologico per una specifica patologia, ma non trattati. Al convegno "Accesso ai farmaci biologici: dal sottotrattamento al gain sharing", hanno partecipato le società scientifiche SIR, IG-IBD e SIDeMaST, le associazioni dei pazienti APMARR, ANMAR, AMICI E ADIPSO e rappresentanti del mondo istituzionale.

Le aree interessate dal basso accesso ai farmaci biologici

In Italia si stima un totale di circa 130mila pazienti affetti da patologie autoimmuni afferenti all'area della reumatologia, della gastroenterologia e della dermatologia che non accedono alle cure biologiche giudicate adeguate alla loro condizione clinica. Il dibattito ha preso le mosse dalle analisi realizzate da CliCon - Health, Economics & Outcome Research, società di ricerca guidata dall'economista Luca Degli Esposti: che ha illustrato i dati. "Per la reumatologia, prendendo in considerazione il 2017 è stato stimato un numero di pazienti affetti da artrite reumatoide pari a 320mila unità, di cui 43mila trattati con farmaci biologici. Ma almeno il 10% dei restanti 275mila - circa 27 mila pazienti - presentano almeno uno dei criteri di eleggibilità previsti dalle linee guida scientifiche allo stesso trattamento". "Per la gastroenterologia, con la medesima metodologia di proiezione a livello nazionale - ha proseguito Degli Esposti - su un totale di circa 237mila diagnosi di Morbo di Crohn o Colite Ulcerosa, sono circa 20mila i pazienti trattati con farmaci biologici (12% del totale) contro una quota di circa il 28% pazienti affetti dalle patologie considerate ritenuto idoneo per un trattamento con farmaci biologici, per un totale di circa 68mila pazienti". "In campo dermatologico infine - ha concluso - su un totale di oltre 1.4 milioni di pazienti identificati con diagnosi di psoriasi, circa il 4% (ca 56mila) è in trattamento con farmaci biologici e ce ne sono quasi altrettanti - circa 54mila - potenzialmente eleggibili allo stesso trattamento".

Meno spesa per i farmaci più costi per ricoveri e prestazioni

Dalle tre analisi si evidenzia il fatto che "esiste un'ampia platea di pazienti che non accede o accede con grave ritardo ad una categoria di medicinali capaci di rallentare o modificare l'evoluzione della malattia, garantendo una migliore qualità di vita e riducendo anche le ricadute economiche sul Ssn". "L'analisi economica ha rivelato costi sostanzialmente sovrapponibili tra pazienti che fanno uso di farmaci biologici e pazienti che potrebbero farne ma non ne fanno uso - ha confermato Degli Esposti - a variare è però la composizione dei relativi costi: ad una maggiore spesa farmaceutica per i pazienti in trattamento con farmaci biologici si contrappone una maggiore spesa per ricoveri e prestazioni specialistiche nei pazienti che, pur eleggibili al biologico, non ne fanno uso".

Gain sharing, nuovo strumento che indica pazienti elegibili ma non trattati

Di qui la proposta di un nuovo strumento di policy pensato per essere messo a disposizione delle amministrazioni sanitarie: il "gain sharing". "È uno strumento che affianca ai tradizionali indicatori economici sull'utilizzo dei farmaci biologici a minor costo, un indicatore clinico in grado di misurare il numero di pazienti eleggibili all'uso del biologico per una specifica patologia, ma non trattati. La lettura combinata dei due indicatori - ha concluso Degli Esposti - permetterà di programmare ex ante il reinvestimento delle risorse liberate per contenere il fenomeno del sotto trattamento". Stefano Collatina, coordinatore dell'Italian Biosimilars Group di EGUALIA, ha sottolineato come il "risparmio generato dovrebbe consentire a più pazienti di essere trattati all'interno del budget esistente mentre grazie agli accordi di gain sharing gli ospedali ed i centri prescrittori potrebbero trattenere almeno parte del risparmio ottenuto grazie alla concorrenza generata dai farmaci biosimilari per destinarlo ad incrementare l'accesso al trattamento nelle aree terapeutiche dove è stato generato e dove emergono evidenze di sotto trattamento". E ha aggiunto: "Vorremmo che l'Agenas ed il Ministero della Salute si facessero promotori di un osservatorio permanente di monitoraggio del fenomeno con le Regioni, affinché le best practices sul modello del gain sharing diventino la risposta concreta ai pazienti almeno in queste aree terapeutiche".

TAG: MALATTIE AUTOIMMUNI, ARTRITE REUMATOIDE, COLITE ULCEROSA, PSORIASI, FARMACI BIOLOGICI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Dottor Ettore Stuani Skin Care

Dottor Ettore Stuani Skin Care


L’industria cosmetica nazionale cresce sul mercato interno e sui mercati internazionali: i consumi cosmetici crescono nel 2023 e le esportazioni raggiungono...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top