Login con

Farmacisti

13 Gennaio 2023

Iva, fatture elettroniche e registratori di cassa: tra modifiche e proroghe, ecco le novità fiscali di inizio anno


Ci sono diversi interventi, tra modifiche e proroghe, diventati operativi a partire dal nuovo anno in tema fiscale e di adempimenti per farmacisti e farmacie. Ecco un punto su cosa c'è da fare


Dal regime Iva per i prodotti e le prestazioni legate all'emergenza Covid all'aliquota relativa ai beni per l'igiene femminile e ai prodotti per l'infanzia, sino all'estensione del divieto di fatturazione elettronica per le spese mediche inviate al sistema Tessera sanitaria. Sono diversi gli interventi, tra modifiche e proroghe, operativi a partire dal nuovo anno in tema fiscale e di adempimenti per farmacisti e farmacie.

Cambia l'Iva sui prodotti femminili e per l'infanzia

Una prima modifica ha riguardato l'Iva e in particolare, con la legge Bilancio 2023, dal primo gennaio alle cessioni di prodotti per la protezione dell'igiene intima femminile (assorbenti e tamponi) non compostabili viene applicata l'IVA al 5%. La medesima aliquota vale anche per le cessioni di alcuni prodotti per l'infanzia: latte in polvere o liquido; preparazioni alimentari di farine, semole, semolini, amidi, fecole o estratti di malto condizionate per la vendita al minuto; pannolini; seggiolini per gli autoveicoli. E sempre dal primo gennaio anche il regime Iva di esenzione relativo ai beni e servizi necessari a fronteggiare l'emergenza Covid-19 ha registrato modifiche.
In particolare, come rileva una recente circolare di Federfarma "alle cessioni della strumentazione per diagnostica per Covid-19 (quali per esempio test Covid), che presentino i requisiti indicati nella direttiva n.98/79 o nel Regolamento n.2017/745, nonché alle cessioni di vaccini anti Covid-19 - non possibile per le farmacie, sarà applicabile l'aliquota IVA del 5%". Resta "confermato - alla stregua di quello che accadeva fino a oggi - il metodo della ventilazione dei corrispettivi per le farmacie che intendono avvalersene".

Beni e servizi legati all'emergenza Covid: ecco cosa succede

Per quanto riguarda invece "l'effettuazione dei tamponi e la somministrazione dei vaccini, essendo prestazioni sanitarie, verrà mantenuto un regime di esenzione". Ma va sottolineato, come scrive, che "non facendo più capo alla normativa emergenziale anti Covid bensì alla disposizione ordinaria relativa alle prestazioni di diagnosi e cura effettuate nell'esercizio di professioni sanitarie riconosciute ('art. 10 n. 18 del Dpr. 633/72) non consentirà più la detrazione "a monte" dell'Iva corrisposta sugli acquisti dei beni/prestazioni di servizi afferenti alle suddette prestazioni".
In quest'ultimo caso, quindi, continua la circolare, "qualora i ricavi per le operazioni esenti effettuate dalla farmacia dovessero superare lo 0,50% dei ricavi complessivi, troverà applicazione il pro-rata sulla detrazione dell'IVA a monte, con la conseguenza che una quota dell'IVA pagata a monte potrà diventare indetraibile e, quindi, divenire un costo per la farmacia, determinando cosiÌ un potenziale minor margine relativamente ai tamponi praticati. Per completezza di informazione, si segnala che i corrispettivi afferenti ai servizi, anche se vengono certificati a mezzo di documento commerciale, non rientrano nella liquidazione dell'IVA della farmacia che si avvale della ventilazione dei corrispettivi".

Proroghe su fatturazione elettronica e registratori di cassa

Tra gli interventi a valere dall'inizio dell'anno poi c'è anche l'estensione "al periodo d'imposta 2023 del divieto di fatturazione elettronica tramite il Sistema di interscambio (SdI) - già in vigore nel 2019, 2020, 2021 e 2022 - per i soggetti (tra cui le farmacie), tenuti all'invio dei dati al Sistema TS ai fini dell'elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata. Tali operatori devono quindi continuare a emettere le fatture in formato cartaceo e a trasmettere i dati al Sistema TS secondo le ordinarie modalità. Il divieto di emettere fattura elettronica riguarda anche chi, pur non essendo obbligato a inviare i dati al Sistema TS, fattura prestazioni sanitarie effettuate nei confronti delle persone fisiche".

Infine, per quanto riguarda i registratori di cassa è stata prorogata dall'Agenzia delle Entrate «fino al 31 dicembre 2024 la possibilità per l'Agenzia di approvare, in via transitoria, le modifiche necessarie per l'adeguamento dei registratori di cassa adattati a "registratore telematico", già immatricolati e per i quali è scaduto il provvedimento di approvazione del relativo modello. Lo slittamento consente di adattare gli apparecchi già in dotazione alle caratteristiche tecniche richieste per registrare, memorizzare e trasmettere all'Amministrazione finanziaria i dati fiscali introdotti, relativi ai corrispettivi giornalieri incassati. La proroga si è resa necessaria affinché i produttori possano modificare, per i soli fini fiscali, anche quei modelli ancora molto diffusi altrimenti non più aggiornabili".

TAG: FARMACIE, GOVERNO, IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA), FATTURA ELETTRONICA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

13/06/2024

I risultati del Rapporto del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea sul Profilo e sulla Condizione occupazionale dei laureati 2024

A cura di Francesca Giani

31/05/2024

La gestione dei minor disease nelle farmacie di comunità è uno strumento efficace per ridurre i costi sanitari. Importante la formazione: l'Università di Milano, in collaborazione con la Sifac ha...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

31/05/2024

Dalla cronaca locale arrivano ancora una volta segnali di criticità del servizio farmaceutico. A Bolzano i dipendenti delle farmacie comunali hanno “un carico inaccettabile di ore di lavoro...

A cura di Simona Zazzetta

30/05/2024

In Francia, si sta verificando il primo grande sciopero dei farmacisti da almeno dieci anni. Le serrande delle farmacie sono abbassate per attirare l’attenzione su diverse questioni. Per i...

A cura di Simona Zazzetta

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Stitichezza da stress: un aiuto da Fave di Fuca

Stitichezza da stress: un aiuto da Fave di Fuca


Partono nelle farmacie associate a Federfarma Verona che aderiscono al progetto servizi di telemedicina tra i quali Ecg, holter cardiaco, holter pressori. Necessaria ai cittadini una ricetta bianca...

A cura di Giulia Vismara

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top