Login con

Farmacisti

06 Maggio 2023

Salute mentale dei farmacisti peggiorata dopo la pandemia. Segnali, cause e ricadute del burnout


Il burnout dei farmacisti è peggiorato dalla pandemia e scarseggiano politiche per migliorare la situazione. Lo rileva una survey di Pharmacy Times


Nella fase post pandemica i farmacisti presentano livelli di burnout superiori a quelli percepiti prima della pandemia, con elevato livello di "esaurimento" i cui segnali più frequenti sono irritabilità o impazienza con colleghi, pazienti, bassa produttività e riluttanza ad alzarsi/andare al lavoro. A rilevare il dato è la survey "Burnout and Mental Health" condotta nel 2023 da Pharmacy Times, rivista dedicata ai farmacisti americani.

I risultati: aumento del carico di lavoro e poche misure contro il burnout

Sono stati intervistati 194 farmacisti a cui è stato chiesto quali fossero i loro livelli di esaurimento, i driver e i sintomi di questo esaurimento e quali misure avevano adottato i loro luoghi di lavoro per migliorare il problema.
Alla valutazione della loro sensazione di esaurimento, su una scala da 1 a 7, dove 1 è "per niente" e 7 è "estremamente", il punteggio medio è stato di 5,89. Scendeva, però, a 3,82 quando dovevano valutare la sensazione di burnout prima della pandemia di COVID-19. La pandemia ha esacerbato i sentimenti di esaurimento, infatti i risultati hanno indicato una media di 6 su 7.

Un fattore significativo riguarda la carenza di personale, che a sua volta aumenta i sentimenti di sopraffazione ed esaurimento nel personale rimanente. Infatti, alla domanda se il burnout avesse contribuito alla carenza di personale presso la propria struttura, il 75,8% degli intervistati ha risposto di sì. Secondo i farmacisti intervistati i fattori chiave del burnout "il carico di lavoro" è stata la risposta principale (21,7%). Altri driver significativi individuati sono: l'equilibrio tra lavoro e vita privata (16,1%), le metriche delle prestazioni impegnative o irragionevoli (15,2%), la gestione (14,3%) e gli elevati volumi di pazienti e prescrizioni (13,1%).
Mentre, i sintomi da esaurimento più comuni individuati dalla survey sono: irritabilità o impazienza con colleghi, pazienti o altri (17,3%); mancanza di energia o produttività (12,1%) e riluttanza ad alzarsi/andare al lavoro ogni mattina (11,6%).
Alcuni luoghi di lavoro hanno adottato misure per migliorare le condizioni di lavoro e alleviare il burnout, ma solo il 39,2% ha confermato questo trend. Inoltre, gli sforzi da parte delle aziende sono stati valutati positivamente da poco meno un intervistato su 10 (9,3%).
Le risposte evidenziano che le conseguenze dirette da burnout vanno a inficiare la qualità della presa in carico del paziente e dell'assistenza sanitaria. Nonostante il desiderio nel prendersi carico di ulteriori responsabilità, le attività relative a vaccinazioni, test point-of-care e cure primarie, ed incombenze quotidiane, molti farmacisti si trovano nell'impossibilità di svolgere altri compiti.

Burnout: chi ne soffre e come riconoscerlo

La sindrome da burnout (letteralmente "bruciato" o "scoppiato") è un processo graduale che si sviluppa nel tempo e deriva da una condizione di stress cronico e durevole associato all'ambiente lavorativo. L'insoddisfazione e la prostrazione possono anche trasformarsi in depressione e in altri disturbi più complessi da affrontare. Il burnout può avvenire in qualsiasi ambito lavorativo in cui ci siano condizioni molto stressanti, ma è spesso correlato alle "helping professions", cioè quelle professioni impegnate in ambito sociosanitario fino a quello della sicurezza. I campanelli d'allarme sono sia fisici sia emotivi. I sintomi fisici sono: insonnia, cefalea, mal di stomaco, non riesce a recuperare nonostante le possibilità di riposo, tachicardia, tensioni muscolari. A livello emotivo e cognitivo troviamo: distacco emotivo, resistenza a recarsi al lavoro, nervosismo, frustrazione, mancanza di iniziativa, difficoltà di concentrazione.

Come iniziare ad affrontare il burnout

Bisogna ricordare che ci sono metodi per i farmacisti e il personale della farmacia nel gestire e affrontare il burnout. Jessica Louie, farmacista e Assistant Professor alla West Coast University, consiglia di concentrarsi su ciò che si può controllare e aggiunge: "Non puoi cambiare il verificarsi di un evento stressante, ma puoi cambiare il modo in cui interpreti e rispondi a questi eventi. Inoltre, ricorda che è più probabile che il burnout si verifichi durante le fasi di transizioni della vita".

Anche i responsabili dell'ambiente di lavoro e del personale devono essere coinvolti. "In primo luogo - dice Louie- rendetevi conto che il burnout non è un problema semplice che si risolve dall'oggi al domani con una strategia valida per tutti. In secondo luogo, il burnout e il benessere sono processi: non vengono conquistati, sono reimpostati".

Per tutti i lavoratori investire su sé stessi e muoversi verso i propri obiettivi è importante, ma per evitare un eccessivo carico di stress bisogna assicurarsi di "avere obiettivi chiari su cui lavorare". Pensare agli obiettivi per i prossimi 2-5 anni e ridurli in traguardi annuali, trimestrali, mensili e settimanali. Conclude l'esperta: "Festeggia le piccole vittorie nel mentre. Il lavoro fa parte della nostra vita, non è tutta la nostra vita".

Fonte:

https://www.pharmacytimes.com/view/pharmacists-report-high-levels-of-burnout-resulting-in-understaffing-and-alternative-career-paths  

TAG: FARMACISTI, SALUTE, BURNOUT, PANDEMIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Autunno in salute

Autunno in salute

A cura di Metagenics

I pediatri segnalano una riacutizzazione dei casi di streptococco che può durare fino a primavera, e aumento anche dei casi di morbillo in Italia e in Europa ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top