Login con

Farmacisti

22 Maggio 2023

Payback dispositivi medici, a rischio oltre mille aziende


Secondo uno studio Nomisma la scadenza prevista per il prossimo mese di giugno potrebbe mettere in difficoltà 1.400 aziende e 190.000 posti di lavoro

Sono oltre 1.400 le aziende e 190.000 i posti di lavoro che potrebbero essere a rischio a seguito della congiuntura non favorevole e della richiesta di payback per dispositivi medici. Lo sostiene uno studio realizzato da Nomisma per Pmi Sanità e Fifo Sanità Confcommercio: "L'impatto del payback sulle imprese della filiera dei dispositivi medici". L'indagine ha interessato 4.000 società della filiera dei dispositivi medici, attive in tutta Italia.


L'effetto pandemia sul comparto

Il comparto industriale - mette in evidenza Nomisma - ha appena attraversato una difficile congiuntura a causa della emergenza sanitaria: nel 2021, rispetto al periodo a cui si riferisce la richiesta di payback (2015-2018), risulta che una azienda su otto risulta ha cessato l'attività, è in liquidazione o in stato di insolvenza, mentre una su tre si trova in stato di sofferenza. Lo studio tira le somme di questi ultimi anni: «Mettendo insieme le aziende già in una situazione di squilibrio con quelle in difficoltà a seguito del payback, sono quasi 1.400 le imprese coinvolte. Si tratta di imprese che, peraltro, hanno già versato imposte per 3,8 miliardi di euro nei quattro anni interessati dalla richiesta di ripiano, ai quali si aggiungerebbe la relativa quota di payback (pari a 704 milioni di euro). L'impatto risulterebbe particolarmente gravoso sulle Pmi, tipicamente più fragili e meno capitalizzate, che sarebbero chiamate a versare un importo pari a oltre un terzo dei margini lordi e oltre il 60% degli utili prodotti nell'ultimo esercizio».
Effetto collaterale, «le aziende di settore che presentano perdite di esercizio sarebbero escluse dalle gare di appalto della pubblica amministrazione perché prive di un criterio di solidità generalmente richiesto, cosa che accentuerebbe ulteriormente la situazione di fragilità economica e finanziaria, impattando sulla tenuta dell'intero comparto».

In definiva lo studio mette in luce la difficile sostenibilità del settore, qualora gli obblighi del payback vengano confermati a livello istituzionale, con conseguenze negative sul sistema sanità nel suo complesso: «Oltre ai rischi occupazionali e di erosione del gettito, lo studio Nomisma segnala anche che la rete di fornitura si assottiglierebbe riducendo le scelte a disposizione delle stazioni appaltanti, con possibili ripercussioni negative anche sui prezzi di acquisto».

TAG: PAYBACK, AZIENDE FARMACEUTICHE, MERCATO FARMACEUTICO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/05/2024

A Napoli e provincia le farmacie che acquistano beni per lo sviluppo della Farmacia dei servizi riceveranno un contributo una tantum da parte di Federfarma provinciale

A cura di Redazione Farmacista33

13/05/2024

Le sigle di settore Unaftisp, Mnlf e Culpi non condividono le proposte rilanciate nei giorni scorsi da Assofarm sull’assistente del farmacista e il numero programmato di accesso...

A cura di Redazione Farmacista33

13/05/2024

In otto delle 10 farmacie comunali di Monza sono operativi sistemi robotizzati: velocizzano operazioni di magazzino e rifornimento lavorando soprattutto di notte per riposizionare i prodotti alle...

A cura di Redazione Farmacista33

13/05/2024

È stato siglato un protocollo d’intesa tra la Prefettura di Monza e Brianza e Federfarma, Assofarm e Ordine professionale per l’implementazione di sistemi di video sorveglianza all’avanguardia

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Clinique Smart Clinical Repair SPF 30

Clinique Smart Clinical Repair SPF 30

A cura di Clinique

L'Agenzia Italiana del Farmaco pubblica la 6^ edizione del Rapporto “Horizon Scanning: scenario dei medicinali in arrivo”. I nuovi farmaci con parere positivo dell'Ema

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top