Login con

Farmacisti

20 Giugno 2023

Covid-19, inquinamento aria incide su rischio di infezione e mortalità. Nuovi dati dall’Iss


Il progetto EpiCovAir dimostra esiste un legame tra incidenza di casi e mortalità Covid e l'esposizione di lungo periodo (2016-2019) ad alcuni fra i principali inquinanti atmosferici nel nostro Paese


I dati raccolti in Italia dal progetto EpiCovAir in due studi pubblicati hanno rilevato che esiste un legame tra incidenza di casi e mortalità Covid e l'esposizione di lungo periodo (2016-2019) ad alcuni fra i principali inquinanti atmosferici nel nostro Paese: biossido di azoto (NO2) e particolato atmosferico (PM2.5 e PM10). Lo segnala l'Istituto Superiore di Sanità (ISS) e l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente (ISPRA-SNPA), in collaborazione con la Rete Italiana Ambiente e Salute (RIAS), che hanno promosso EpiCovAir, progetto epidemiologico nazionale di ricerca su COVID-19 e inquinamento promosso. I dati sono stati presentati oggi durante un webinar nella sede dell'ISS.

Infezione e decessi per COVID-19 hanno incidenza e letalità più alte nelle aree del nord Italia

Le indagini hanno riguardato circa 4 milioni di casi di SARS-CoV-2 e 125 mila decessi registrati dal Sistema Nazionale di Sorveglianza Integrata COVID-19 tra i 60 milioni di italiani residenti in 7.800 comuni durante le prime tre ondate epidemiche (da febbraio 2020 a giugno 2021), con un'incidenza di 67 casi infetti su 1.000 abitanti e un tasso di letalità di 31 decessi ogni 1.000 persone contagiate.

La distribuzione geografica dell'infezione e dei decessi per COVID-19 mostra incidenza e letalità più alte nelle aree del nord Italia, che hanno anche più elevati livelli di inquinamento atmosferico di lungo periodo. Questo vale particolarmente nella prima ondata dell'epidemia, che si è originata e propagata a partire dalle regioni settentrionali, mentre le distribuzioni dei casi e dei decessi per COVID-19 sono più omogenee sul territorio nazionale nella seconda e terza fase pandemica.

Le associazioni con l'inquinamento atmosferico, più forti tra i soggetti anziani, rivelano che in Italia l'incidenza di nuovi casi cresce significativamente dello 0.9%, dello 0.3% e dello 0.3% per ogni incremento di 1 microgrammo per metro cubo (ìg/m3) nei livelli di esposizione di lungo periodo a NO2, PM2.5 e PM10, rispettivamente.

Lo stesso vale per i tassi di letalità per COVID-19 che aumentano dello 0.6%, dello 0.7% e dello 0.3% ad ogni innalzamento di 1 ìg/m3 nell'esposizione cronica rispettivamente agli stessi inquinanti.

Necessario agire tempestivamente per ridurre le emissioni di inquinanti atmosferici ed il loro impatto sanitario

Le analisi effettuate, spiegano gli autori, tengono conto di numerose variabili geografiche, demografiche, socio-economiche, sanitarie, così come della mobilità della popolazione durante la pandemia grazie ai dati forniti da ENEL X sui flussi di traffico per tutti i comuni italiani.

"I risultati conseguiti da EpiCovAir - afferma Ivano Iavarone, coordinatore del Progetto, - sono coerenti con le più recenti evidenze disponibili nella letteratura scientifica internazionale, e supportano la necessità di agire tempestivamente per ridurre le emissioni di inquinanti atmosferici ed il loro impatto sanitario, in linea con la recente proposta della Commissione Europea di una nuova Direttiva sulla qualità dell'aria e di contrasto alla crisi climatica".

"Sotto questo punto di vista, e non potendo escludere futuri rischi epidemici," dichiarano congiuntamente i Presidenti ISS ed ISPRA-SNPA Silvio Brusaferro e Stefano Laporta "sarà importante individuare strategie sinergiche ed intersettoriali di prevenzione integrata che su scala europea, nazionale, regionale e locale accelerino l'implementazione di politiche improntate sui co-benefici, attraverso interventi strutturali in settori chiave quali i trasporti, l'industria, l'energia e l'agricoltura".

Environ Health Perspect. 2023 May;131(5):57004. doi: 10.1289/EHP11882. Epub 2023 May 11
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/37167483/

Epidemiol Prev. 2023 May-Jun;47(3):In press. doi: 10.19191/EP23.3.A605.025.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/37154300/

TAG: INQUINAMENTO DELL'ACQUA, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITà, COVID-19

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Come combattere il caldo ai piedi d’estate?

Come combattere il caldo ai piedi d’estate?

A cura di Tecniwork

Si è spento a 95 anni Alessandro Rigamonti, farmacista, per due decenni Presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Varese e fondatore dell’Afi

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top