Login con

Integratori alimentari

17 Febbraio 2022

Alghe, nuova fonte alimentare per l’uomo sostenibile per l’ambiente


La Commissione europea e l'Agenzia esecutiva europea per il clima, le infrastrutture e l'ambiente (CINEA) stanno lavorando ad una piattaforma europea, che coinvolgerà anche la filiera di produttori, con l'obiettivo di accelerare e promuovere lo studio e la produzione di alghe per la nutrizione umana e non solo. La finalità, infatti, sarebbe duplice: rendere disponibile una fonte alimentare alternativa e a minore impatto ambientale e avere a disposizione una materia prima per applicazioni industriali sostenibili come la produzione di plastica biodegradabile, per esempio. Le alghe inoltre aiuterebbero gli sforzi di salvaguardia degli ecosistemi marini perché contribuirebbero a ridurre la CO2, fosforo e azoto nei mari.

Uso in cucina, proprietà organolettiche e profili nutrizionali

Le alghe edibili non hanno ancora mai costituito una fonte alimentare alternativa nelle abitudini dietetiche europee. In Europa sono per lo più conosciute per gli usi nelle cucine etniche asiatiche, anche se hanno trovato buona diffusione come materia prima di diete vegane. Per la cucina vengono usate diverse varietà di alghe caratterizzate da differenti profili nutrizionali: le alghe brune, come il kombu, usato per fare il dashi (un tipo di brodo alla base della cucina giapponese); quelle verdi, come la lattuga di mare; e le alghe rosse, come il nori che è l'alga tipicamente impiegata per gli involtini di sushi (è fra le più diffuse e appartiene al genere Porphyra. Dal punto di vista sensoriale hanno una caratteristica peculiare: conferiscono il cosiddetto umami, il gusto sapido dovuto dall'azione sinergica di alcune molecole quali acido glutammico, altri nuleotidi come i guanilati e gli inosinati, sodio e potassio, che sono presenti naturalmente, in buona quantità e in proporzioni diverse da prodotto a prodotto nelle alghe kombu e nori, per esempio, ma anche in alimenti come i funghi shiitake e i fermentati tipo miso, salsa di soia e il Parmigiano Reggiano.

Novel food ricco di omega 3, fibre e vitamine

Un certo numero di alghe commestibili sono già state riconosciute come "nuovi alimenti" (novel food) in Europa. Un recente lavoro pubblicato su Nutrition Review ha fatto il punto delle ricerche e degli aspetti ancora da chiarire in merito ai benefici nutrizionali, ai rischi che il consumo di questi prodotti comporta e alle criticità che bisogna valutare per una produzione su scala industriale. La composizione nutrizionale di alghe marroni, rosse e verdi comunque varia molto in funzione di specie, stagione, coltivazione e luogo di raccolta ed è difficile generalizzare. Le alghe hanno un basso apporto in termini di calorie. Il contenuto proteico varia dal 5 al 19% nelle alghe marroni, da 0.67% al 45% in quelle rosse e dal 3.42% to 29.80% in quelle verdi: un buon contenuto aminoacidico per grammo, molto simile alla carne, sebbene si consumino meno alghe in termini di porzione. Il contenuto di grassi delle alghe tende ad essere basso rispetto a peso a secco totale, e anche questo molto variabile in funzione della stagione (più alto in inverno e più basso in estate) e così anche la composizione di acidi grassi PUFA, che varia dal 6.7% della Ulva lactuca al 69.1% di Undaria pinnatifida. Interessante il contenuto in fibre, soprattutto per la loro funzionalità. Studi in vitro hanno approfondito e confermato gli effetti prebiotici di alcuni componenti che fermentati nel colon favoriscono la produzione acidi grassi a corta catena e quindi lo sviluppo del microbiota intestinale. Cinque grammi di alghe brune (una porzione), in generale, apportano fino al 14% della fibra giornaliera raccomandata. In alcune alghe la presenza di alginati, molecole con proprietà addensanti, può aiutare a controllare l'appetito poiché conferisce senso di sazietà. Abbondante in generale e in proporzione diversa in funzione del tipo di alga, la presenza di polifenoli, minerali e vitamine (le alghe nori sono ricche di vitamina A e B12).

Criticità da accumuli di metalli pesanti

Non c'è dubbio, conclude l'articolo, che il profilo nutrizionale delle alghe sia interessante, ma in relazione all'ambiente in cui vivono e si sviluppano le alghe sono organismi che tendono anche ad immagazzinare composti, alcuni contaminanti, che vanno limitati e che quindi possono ridurre le potenzialità delle alghe come alimento della dieta quotidiana. Si è visto che possono accumulare i metalli pesanti eventualmente presenti nell'acqua contaminata, come arsenico, alluminio, cadmio, piombo, silicio, stronzio e stagno, (tipo e quantità di contaminazione variano comunque a seconda della pianta e del suo habitat). Attenzione al consumo di alghe va posta da chi soffre di alcune patologie: per la presenza di iodio, assorbito dall'acqua di mare o di potassio, non sono indicate rispettivamente per chi soffre di disturbi della tiroide o ha problemi cardiaci e renali. L'interesse verso questi prodotti è giustificato, soprattutto se si considera la possibilità di estrarre principi nutrizionali funzionali, con la prospettiva di applicazione nell'ambito della neutraceutica e dell'integrazione. Sono però necessarie ulteriori prove da studi di intervento per valutare i benefici nutrizionali delle alghe marine e l'efficacia dei loro componenti bioattivi, conclude lo studio.

Francesca De vecchi

Fonti

Nutrition Reviews 77 (5) (2019)

TAG: ALGHE, ALIMENTI, AMBIENTE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/04/2024

Uno studio ha analizzato gli effetti acuti e nel lungo periodo del consumo di biscotti dolcificati con neotamo, stevia rebaudioside M, o saccarosio sulle risposte di appetito ed endocrine in adulti...

A cura di Redazione Farmacista33

08/04/2024

La combinazione di componenti biologicamente attivi del Ginkgo biloba porta ad un miglioramento del recupero cognitivo precoce in pazienti colpiti da ictus...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

04/04/2024

La neofobia alimentare, cioè il rifiuto di cibi nuovi e non conosciuti, non afferisce alla sfera ampia dei disturbi alimentari ma gli studiosi la definiscono...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

27/03/2024

Con l’aggiunta di acido folico al sale alimentare aumenta in modo significativo il livello sierico di folato, suggerendo una nuova strategia efficace nella prevenzione delle...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Rapida biodegradabilità dello sciroppo naturale

Rapida biodegradabilità dello sciroppo naturale


Il presidente di Farmindustria Marcello Cattani rivolge gli auguri di buon lavoro al nuovo presidente di Confindustria Emanuele Orsini e alla sua squadra

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top