Login con

Integratori alimentari

28 Aprile 2022

Malattie infiammatorie intestinali: la dieta equilibrata per il controllo dei sintomi


Le malattie infiammatorie intestinali (IBD) sono un gruppo eterogeneo di disturbi che colpiscono il tratto gastrointestinale, includendo morbo di Crohn (CD) e colite ulcerosa (UC), con una sintomatologia molto diversa e poco specifica. L'ipotesi prevalente le attribuisce ad una anormale risposta immunologica della mucosa contro antigeni ubiquitari, come la flora batterica residente, in persone con una predisposizione genetica. L'aumento delle diagnosi, soprattutto nei paesi industrializzati, dagli anni 70 del 1900 in poi, ha fatto pensare che ci fosse un nesso o un ruolo potenziale di alcuni fattori ambientali, come lo stile di vita, la dieta, la suscettibilità alle varianti genetiche, il microbiota intestinale e un'alterata risposta immunitaria.

Linee guida nutrizionali internazionali per il trattamento delle malattie infiammatorie intestinali

Da un punto di vista dietetico mancano ad oggi linee guida nutrizionali internazionali per il trattamento dei pazienti. Si pensa che la dieta possa avere un ruolo nello sviluppo di IBD: per il suo impatto sulla composizione microbica, sull'integrità della barriera intestinale e sull'immunità dell'ospite. Modificazioni a carico di specifici gruppi alimentari possono causare un serie di eventi - disbiosi, alterazione della barriera intestinale, risposta immunitaria e danno alle mucose - che concorrono a sviluppare IBD. Ad oggi però non ci sono prove sufficienti per capire come la dieta influenzi lo sviluppo della malattia, nelle sue varie espressioni. Quello che si evince, dal comportamento dei malati, è invece il suo ruolo nel controllo dei sintomi. I pazienti tendono a regolare l'alimentazione in modo da alleviare i disturbi più comuni, come dolore addominale e diarrea. Come emerge da un recente studio pubblicato sulla rivista Nutrients, spesso vengono deliberatamente esclusi alcuni tipi di alimenti o nutrienti: per lo più glutine, prodotti lattiero-caseari o FODMAP (oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli fermentabili).

I cibi da evitare. Dubbi sul glutine

Il glutine in particolare viene spesso eliminato anche da chi non ha una diagnosi di celiachia, per il timore che possa peggiorare i sintomi. Nonostante questo, non sono state osservare differenze fra chi segue una dieta senza glutine e chi consuma glutine, quando si considerano il ricovero, le complicanze e l'intervento chirurgico. Sebbene sia stato osservato un effettivo miglioramento dei sintomi sono necessari ulteriori studi prima di raccomandare la dieta senza glutine come trattamento nutrizionale, chiariscono gli autori. Fra i cibi evitati ci sono latticini, alcolici, frutta e verdura, bevande gassate e cibi piccanti. Dallo studio emerge invece che la Dieta Mediterranea, che avrebbe dei potenziali benefici non è molto seguita. In alcuni casi, per il timore del riacutizzarsi della malattia, le restrizioni auto-prescritte dai pazienti sono così severe da causare carenze importanti. Proprio la mancanza di un protocollo dietetico di riferimento porta gli autori a consigliare la consulenza nutrizionale nei pazienti con IBD: fornire il giusto apporto di energia, micronutrienti, in particolare folati, ferro, calcio, vitamina B12, vitamina D e fibre, garantisce al contempo il beneficio derivante dal controllo della sintomatologia e un adeguato stato nutrizionale.

Francesca De Vecchi
Tecnologa alimentare

TAG: LINEE GUIDA, DIETA, MORBO DI CROHN, COLITE ULCEROSA, MALATTIE INFIAMMATORIE DELL'INTESTINO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

04/04/2024

La neofobia alimentare, cioè il rifiuto di cibi nuovi e non conosciuti, non afferisce alla sfera ampia dei disturbi alimentari ma gli studiosi la definiscono...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

27/03/2024

Con l’aggiunta di acido folico al sale alimentare aumenta in modo significativo il livello sierico di folato, suggerendo una nuova strategia efficace nella prevenzione delle...

A cura di Redazione Farmacista33

26/03/2024

Un nuovo studio, pubblicato sul Journal of Hypertension, ha dimostrato che l’integrazione con coenzima Q10 migliora significativamente le prestazioni fisiche negli adulti affetti da...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

21/03/2024

Un nuovo studio clinico, pubblicato sulla rivista Nature, ha mostrato risultati promettenti dell’efficacia dello squalene nel ridurre i tassi di mortalità e prevenire la ri-ospedalizzazione tra...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

My Happy

My Happy

A cura di ESTEE LAUDER

L’efficacia dei beta-bloccanti nel trattamento dei pazienti colpiti da infarto del miocardio, considerata uno dei pilastri nella cura di eventi...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top