Login con

Integratori alimentari

30 Marzo 2023

Produzione alimentare innovativa: tecniche di evoluzione assistita delle colture


Quando si parla di sostenibilità della filiera alimentare ci si riferisce alla necessità di trasformare i sistemi di produzione in modo da diminuire sensibilmente il loro impatto ambientale in termini di consumo di risorse, di produzione di scorie, di costi economici e sociali. Per raggiungere questo obiettivo c'è un importante aspetto da considerare, che riguarda lo sviluppo tecnologico tanto nei processi di trasformazione delle materie prime quanto nella loro produzione in campo, perché la disponibilità e qualità del cibo siano garantite per tutti.

Alimenti da Tecniche di evoluzione assistita (TEA) non sono Ogm

"La nostra agricoltura - sostiene in un comunicato il Crea, il Consiglio per la ricerca in agricoltura, deve oggi fronteggiare sfide epocali quali i cambiamenti climatici e la crescente siccità, nel quadro degli obiettivi del Green Deal europeo". Significa per esempio sviluppare la capacità di produrre riducendo l'uso di fitofarmaci e di fertilizzanti.
Per fare questo tuttavia sono necessarie, sostiene l'Ente, anche nuove varietà di colture che garantiscano la produttività elevata, la resistenza a nuove condizioni climatiche e agli agenti nocivi biotici ed abiotici, l'equilibrio nutrizionale e, ovviamente, la sostenibilità.
Oggi è possibile produrre materie prime vegetali con queste caratteristiche ricorrendo alle Tecniche di Evoluzione Assistita (TEA) cioè tecniche di biologia, sviluppate negli ultimi 10 anni, che consentono di correggere il DNA delle piante e quindi di selezionare caratteri specifici utili per l'agricoltura che difficilmente sarebbero ottenibili con altri metodi. In un position paper pubblicato lo scorso 14 marzo Crea ne sottolinea l'importanza e chiede che da un punto di vista legislativo siano ben distinte da quelle che danno origine agli organismi geneticamente modificati.
Le Tea non sono paragonabili infatti alle tecniche transgeniche. Nelle piante ottenute con le TEA non c'è DNA di altri organismi: il patrimonio genetico utilizzato è invece solo quello delle piante stesse.

Le tecniche TEA più diffuse. Ecco come funzionano

Due sono le TEA più diffuse: genome editing e cisgenesi. Con il genome editing piccole mutazioni vengono inserite in modo mirato in specifici geni, capaci di modificare la funzione del gene stesso. Cisgenesi è invece il trasferimento di un gene integro tra due varietà della stessa specie o di specie sessualmente compatibili. Si riproduce in questo modo il trasferimento di un gene come avviene naturalmente con un incrocio, limitandosi al trasferimento del solo gene di interesse.
La buona notizia è che la ricerca sulle TEA in Italia è molto avanzata, soprattutto per le maggiori colture alla base della nostra alimentazione. Si parla di piante editate o cisgeniche capaci di accrescere la sostenibilità delle colture attraverso la riduzione dei trattamenti fitosanitari, come ad esempio piante di pomodoro resistenti alle piante parassite (ma anche allo stress salino e idrico), basilico resistente alla peronospora, frumento duro resistente all'oidio, viti resistenti a peronospora e oidio, nonché melo resistente alla ticchiolatura. Ma anche piante con migliorate caratteristiche produttive, qualitative o nutrizionali come orzo e frumento editati per aumentare la resa potenziale, agrumi arricchiti di composti antiossidanti e senza semi; melanzane e viti senza semi, pomodori a più alto valore nutrizionale.

Sperimentazione solo nei laboratori

Questo enorme lavoro di sperimentazione è ad oggi rimasto confinato nei laboratori, dice Stefano Vaccari, Direttore Generale del CREA. Le piante già selezionate con le TEA e quelle che saranno selezionate nei prossimi anni sono una grande opportunità "purché però ci sia la possibilità di testarle in campo, una opzione al momento preclusa".
Mondo della ricerca e mondo della produzione alimentare italiani si trovano d'accordo nel chiedere che la sperimentazione si possa continuare e che per le TEA ci sia una legislazione di riferimento ad hoc, non accorpata a quella estremamente limitante degli OGM.
I maggiori progressi dell'agricoltura e quindi dell'uomo - dice Vaccari - sono sempre stati accompagnati dai progressi nella genetica. A giugno la Commissione dovrà presentare un progetto di normativa in relazione a queste tecniche. Crea chiede alle istituzioni europee una legislazione per le TEA che permetta di dare valore ad un miglioramento genetico in grado di adattare le piante alle nuove condizioni climatiche, alle esigenze della società e consentire così di produrre cibo di qualità e sostenibile per tutti.

Francesca De Vecchi
Tecnologa alimentare

TAG: AGRICOLTURA, ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI, SOSTENIBILITà

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

07/05/2024

Un nuovo studio, condotto dai ricercatori della Concordia University e pubblicato sulla rivista Physical Activity and Nutrition ha mostrato che l’integrazione di mirtillo rosso migliora le...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

02/05/2024

L’arsenico inorganico è considerato un contaminante alimentare da monitorare per stabile un livello massimo accettabile che non causi effetti avversi nella popolazione. Nel 2009 il gruppo di...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

23/04/2024

Una review fa il punto sui composti bioattivi e sui potenziali benefici della forma ‘invecchiata’ dell’Allium sativum

A cura di Sabina Mastrangelo

18/04/2024

L’alimentazione a base vegetale (plant-based) è associata a numerosi benefici per la salute, tra cui il miglioramento della pressione sanguigna, il controllo glicemico, i livelli di lipidi,...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Regenerate, contro l'erosione dello smalto

Regenerate, contro l'erosione dello smalto

A cura di Unilever

Ridurre i carichi di lavoro del farmacista, introducendo la figura dell’Assistente, un tecnico adeguatamente formato, e rendere la carriera di farmacista dipendente un lavoro professionalmente...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top