Login con

integratori

05 Ottobre 2023

Prevenzione cardiovascolare, ridurre livelli di colesterolo Ldl: nutraceutici in studio

La prevenzione primaria mirata a ridurre i livelli di colesterolo LDL nei soggetti a basso rischio o a rischio intermedio è la sfida per ridurre la mortalità per malattie cardiovascolari. Ne parlano gli esperti di Sic e Sinut

di Redazione Farmacista33


Prevenzione cardiovascolare, ridurre livelli di colesterolo Ldl: nutraceutici in studio

In Italia le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte e la sfida è la prevenzione primaria mirata a ridurre i livelli di colesterolo LDL nei soggetti a basso rischio o a rischio intermedio o asintomatici. Un obiettivo che si può raggiungere modificando gli stili di vita e il supporto di sostanze nutraceutiche. Lo sottolineano Pasquale Perrone Filardi, Direttore della Scuola di specializzazione in Malattie dell’Apparato Cardiovascolare, Università “Federico II” di Napoli e Presidente della Società Italiana di Cardiologia (Sic) e Giuseppe Derosa dell’Università di Pavia e della Fondazione IRCSS Policlinico San Matteo di Pavia e Responsabile dell’area Diabete della Società Italiana di Nutraceutica (Sinut).

Prevenzione primaria: modificare i propri stili di vita e ridurre Ldl
“Le linee guida internazionali 2019 ESC/EAS – spiega Perrone Filardi - dedicano molta attenzione al tema della prevenzione primaria soprattutto nei soggetti asintomatici che possono avere difficoltà a percepire la necessità di correggere i possibili fattori di rischio. Le raccomandazioni che ci arrivano evidenziano la necessità di modificare i propri stili di vita ma non solo, sottolineano anche il ruolo che le sostanze nutraceutiche possono ricoprire”.
Lo stile di vita è centrale per valutare il rischio cardiovascolare ma è altrettanto importante comprendere quando i valori di LDL rappresentano un campanello d’allarme. “Negli ultimi anni – prosegue l’esperto - assistiamo a un cambio di paradigma. Si potrebbe affermare che non esiste un valore normale di LDL, ma esiste un valore commisurato al rischio cardiovascolare che si può individuare rilevando i parametri di riferimento oltre il colesterolo (pressione, peso, presenza di altre patologie, abitudine al fumo e fattori ambientali). Una valutazione personalizzata che rende la prevenzione primaria ancora più strategica”.  

Nutraceutici, quando dieta e attività fisica non bastano

Se dieta e attività fisica non riescono a incidere in modo risolutivo e non si è ancora in una situazione che richiede l’impiego di terapie farmacologiche (quindi con un rischio cardiovascolare lieve/moderato), il ricorso ai nutraceutici può aiutare ad abbassare i livelli di LDL. “Nel considerare l’impiego dei nutraceutici per abbassare i livelli di colesterolo tra gli aspetti fondamentali da tenere in considerazione c’è la sicurezza. – afferma Derosa. - L’Italia ha una lunga tradizione di eccellenza in questo campo. Oggi sappiamo dalla clinica che ci sono diversi componenti attivi sicuri ed efficaci sulla riduzione del colesterolo; a questo riguardo uno studio in corso e che verrà ultimato nei prossimi mesi con una formula a base di berberina, fitosterolo, olea europea, carciofo e fieno greco sta portando a risultati significativi dopo un solo mese di trattamento a conferma di come una strategia di intervento attento su una popolazione a basso rischio possa incidere sul rischio cardiovascolare”.  

I due esperti indicano 5 regole fondamentali da seguire:
1) indagare i livelli di LDL,
2) valutare la presenza di altre patologie,
3) comprendere se lo stile di vita che si sta seguendo è corretto o deve essere modificato,
4) analizzare ulteriori fattori di rischio modificabili,
5) considerare il nutraceutico più indicato in base alle esigenze e alle evidenze disponibili. - conclude Perrone Filardi. -
“Per questo motivo il medico, in prima linea nel promuovere la cultura della prevenzione, rimane il referente principale a cui rivolgersi in collaborazione virtuosa con il farmacista di riferimento” conclude Perrone Filardi.

TAG: FARMACISTI, INTEGRATORI ALIMENTARI, NUTRACEUTICA, MALATTIE CARDIOVASCOLARI, COLESTEROLO DELLE LIPOPROTEINE HDL, FARMACI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/02/2024

Uno studio pubblicato su Nature evidenza che una dieta con elevato contenuto di proteine potrebbe aumentare il rischio di aterosclerosi

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

21/02/2024

Un nuovo studio clinico, pubblicato sull’International Journal Experimental and Therapeutic Medicine, mostra che l’integrazione con acido ialuronico riduce...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

16/02/2024

Un nuovo studio, pubblicato su Pharmaceuticals, mostra che la palmitoiletanolamide può essere utile nel ridurre la gravita e la durata dell’emicrania  ...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

13/02/2024

Un nuovo studio dimostra che bassa glutammina negli atleti di sport da combattimento può aumentare il rischio di infezioni respiratorie

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Supportare i professionisti sanitari

Supportare i professionisti sanitari

A cura di CGM Italia

Una nuova revisione sistematica, pubblicata Journal of Cutaneous Medicine and Surgery, mostra che la teledermatologia può rappresentare uno strumento ...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top