Login con

Integrazione

20 Dicembre 2023

Obesità, microbiota alterato aumenta il rischio di disturbi metabolici. Ecco gli studi

Un disequilibrio del microbiota causato da sostanze esterne all’organismo, alimenti compresi, altera il sistema endocrino favorendo il rischio di obesità

di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare


Obesità, microbiota alterato aumenta il rischio di disturbi metabolici. Ecco gli studi

La prevalenza dell’obesità e dei disturbi metabolici è un problema di salute pubblica ormai globale: caratterizza tutte le età e preoccupa in modo particolare per la fascia pediatrica, visto che sovrappeso e obesità infantile aumentano il rischio di incorrere in disturbi metabolici da adulti. L'eccessivo consumo calorico e uno stile di vita sedentario sono notoriamente i principali fattori che contribuiscono all'obesità ma l'aumento dei casi è sempre più spesso messo in relazione con la produzione e l’uso di sostanze chimiche (Vrijheid et al., 2014). Non solo. Ci sono evidenze recenti che indicano chiaramente che anche l'esposizione a sostanze estranee al nostro organismo, gli xenobiotici appunto, può interferire con l'adipogenesi e l'equilibrio energetico.  

Microbio
ta e metaboliti coinvolti nell’insorgenza dell’obesità
Un ampio progetto collaborativo – Efsa’s Fellowship Programme (EU-FORA) - sta finanziando una serie di studi e di ricerche per rispondere alla crescente necessità di una corretta analisi del rischio nella catena alimentare in un’ottica di prevenzione di salvaguardia della salute.
In particolare, l’attenzione è focalizzata sul microbiota. Un'analisi approfondita dei dati sull’uomo ha ormai messo in evidenza quanto l'interazione tra il microbiota e i metaboliti giochino un ruolo cruciale nell’insorgenza di obesità (Watanabe et al., 2023).  

Variazioni nell’equilibrio della componente microbica intestinale in risposta a stimoli dovuti alla presenza di molecole chimiche come i contaminanti provenienti dall’ambiente esterno (alimenti compresi), alterano infatti la funzionalità del sistema endocrino, favorendo il rischio di obesità. I progetti in corso si focalizzano proprio sul microbiota, gli xenobiotici, le sostanze chimiche alteranti il sistema endocrino (EDC), l’obesità, l’infiammazione e i probiotici. La combinazione di dieta, stile di vita e di esposizione a xenobiotici alimentari - classificati come sostanze chimiche che alterano il microbiota (MDC) - potrebbe determinare una disbiosi, sviluppando fenotipi alterati, a sua volta correlata all'obesogenesi.  

La somministrazione di 
ceppi microbici specifici potrebbe prevenire l’obesità
Le ricerche hanno lo scopo di capire quali trattamenti specifici possono far fronte a questi modelli alterati e agli squilibri conseguenti. In questo senso, lo studio di probiotici di nuova generazione (NGP) attraverso la coltura del microbiota, potrebbe contribuire a contrastare e riparare gli effetti di diverse sostanze obesogene. Lo scopo del progetto EU-FORA – dicono i ricercatori - è proprio quello di raccogliere informazioni e strategie chiave per la ricerca diretta dei gruppi microbici (taxa) e la coltura di NGP che potrebbero essere somministrati per prevenire l'obesità e la disbiosi endocrina ad essa correlata. Le strade che possono essere percorse comprendono: l’osservazione della composizione del microbiota nei pazienti affetti da obesità (è noto che il microbiota delle persone obese è diverso da quello di chi non lo è); la valutazione della funzionalità, sviluppando strategie dirette al microbiota per la coltura di questi taxa; la sperimentazione mirata applicando i criteri che hanno avuto esiti positivi in studi clinici riguardanti gli NGP. Nuovi microrganismi isolati o coltivabili provenienti da microbiota intestinale sano, specificamente correlati agli effetti di neutralizzazione degli obesogeni xenobiotici, potrebbero quindi essere utilizzati per attenuare i disturbi metabolici.

Specie batteriche con proprietà antinfiammatorie potrebbero aiutare nel trattamento della colite
Inoltre, grazie all'analisi combinata dei dati colturali e di sequenziamento si è riusciti identificare taxa specifici che influenzano le caratteristiche della comunità microbica intestinale, evidenziando, per la prima volta, potenziali biomarcatori del microbiota associati all'esposizione agli xenobiotici e ai fenotipi obesogenici. 
Un esempio riguarda proprio il BPA (Bisfenolo A), un contaminante degli alimenti proveniente da alcuni imballaggi in plastica: con i risultati di questo lavoro, dicono gli autori, si apre una promettente strada di ricerca, in cui la fisiopatologia dell'infiammazione aggravata proprio dal BPA potrebbe potenzialmente essere modificata da specie batteriche tolleranti e caratterizzate da spiccate proprietà antinfiammatorie, offrendo un potenziale mezzo per alleviare l'impatto negativo del BPA sull'infiammazione e sulla colite.    

Fonti:
Vrijheid et al. 2014 https://ehp.niehs.nih.gov/doi/full/10.1289/ehp.1307204
Watanabe et al. 2023 https://www.nature.com/articles/s41591-023-02248-0

TAG: MICROBIOTA, STILE DI VITA, OBESITà, MICROBIOMA, METABOLISMO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/02/2024

Un nuovo studio, pubblicato su Pharmaceuticals, mostra che la palmitoiletanolamide può essere utile nel ridurre la gravita e la durata dell’emicrania  ...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

13/02/2024

Un nuovo studio dimostra che bassa glutammina negli atleti di sport da combattimento può aumentare il rischio di infezioni respiratorie

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

13/02/2024

Al Meyer di Firenze sperimentata dieta che esclude alimenti con azione infiammatoria in pazienti pediatrici con malattia di Crohn: è un aiuto per la remissione ...

A cura di Redazione Farmacista33

08/02/2024

Olio extravergine d'oliva, sinergia di composti per la prevenzione di malattie: la ricerca conferma i benefici per la salute di questo alimento simbolo della...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La protezione solare che rispetta gli oceani

La protezione solare che rispetta gli oceani

A cura di Uragme

Amazon e la società produttrice di alcuni dispositivi a tabacco riscaldato sono state sanzionate dall’Antitrust per pubblicità ingannevole: non...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top