Login con

Salute benessere

27 Febbraio 2024

Ipertensione. Protezione vascolare da estratto di bucce, semi e scarti di melagrana

Un team italiano ha testato un estratto ottenuto da bucce e semi di melagrana osservando effetti protettivi dai danni associati all’ipertensione

di Sabina Mastrangelo


Ipertensione. Protezione vascolare da estratto di bucce, semi e scarti di melagrana

Bucce e semi del frutto del melograno avrebbero benefici quanto la sua parte edibile. Un estratto ottenuto dalle parti non commestibili della melagrana, infatti, sarebbe utile nel ridurre il rischio cardiovascolare associato all’ipertensione. È quanto ha mostrato, attraverso esperimenti in vivo, un team italiano guidato da Giada Benedetti, del dipartimento di Farmacia dell’Università di Pisa. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Nutrients.

Il frutto del melograno: composti e proprietà
Il melograno è un albero che appartiene alla famiglia delle Punicaceae ed è ampiamente coltivato nelle regioni del Mediterraneo, oltre che in Asia, in Medio Oriente e in America. Il frutto contiene diversi polifenoli noti per gli effetti benefici sulla salute come tannini, antociani, flavonoidi, acidi organici e fenolici quali l’acido gallico ed ellagico, oltre che vitamine, terpeni e tocoferoli.

La forma principale in cui il frutto del melagrano viene consumato è in succhi o marmellate, ricavate dalla parte edibile e carnosa del frutto. La parte non edibile, però, costituisce circa la metà del peso ed è nota per contenere composti bioattivi benefici. Sebbene queste parti siano utilizzate per infuso, rappresentano una porzione consistente degli scarti dell’industria alimentare, anche se è stato evidenziato che i semi del melograno, per esempio, sono comunque una fonte ricca di acidi grassi e steroli.

La ricerca sull’estratto delle parti non edibili del frutto
Per lo studio, il team italiano ha valutato l’efficacia nel ridurre il rischio cardiovascolare di un estratto ottenuto per ‘cavitazione idrodinamica’, che utilizza acqua come solvente, sia del frutto intero che dalle parti non commestibili, tra cui semi e buccia. I campioni estratti, quindi, sono stati liofilizzati e analizzati per identificare e quantificare i composti fenolici presenti. I due prodotti, quindi, sono stati somministrati per via orale ad animali di laboratorio con ipertensione indotta.
Dai risultati è emerso che l’estratto idrodinamico dalle parti non edibili della melagrana sarebbe efficace nel contrastare l’ipertensione e nel prevenire le disfunzioni endoteliali e vascolari associati all’ipertensione, in modo simile a quanto osservato con l’estratto ottenuto dal frutto intero. Questo prodotto, poi, avrebbe mostrato effetti antifibrotici e antinfiammatori. Infine, somministrato per sei settimane ad animali di laboratorio con ipertensione, l’estratto dalle parti non edibili avrebbe mostrato la capacità di contenere in modo significativo un aumento della pressione sistolica, paragonabile all’effetto di un farmaco antipertensivo preso a riferimento.

Fonte:
Nutrients (2024); doi: 10.3390/nu16040506



TAG: IPERTENSIONE, INTEGRATORI, FITOTERAPIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/04/2024

La combinazione di componenti biologicamente attivi del Ginkgo biloba porta ad un miglioramento del recupero cognitivo precoce in pazienti colpiti da ictus...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

04/04/2024

La neofobia alimentare, cioè il rifiuto di cibi nuovi e non conosciuti, non afferisce alla sfera ampia dei disturbi alimentari ma gli studiosi la definiscono...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

27/03/2024

Con l’aggiunta di acido folico al sale alimentare aumenta in modo significativo il livello sierico di folato, suggerendo una nuova strategia efficace nella prevenzione delle...

A cura di Redazione Farmacista33

26/03/2024

Un nuovo studio, pubblicato sul Journal of Hypertension, ha dimostrato che l’integrazione con coenzima Q10 migliora significativamente le prestazioni fisiche negli adulti affetti da...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Giornata Mondiale Del Diabete

Giornata Mondiale Del Diabete

A cura di PIC Solution

Filippo Giordano, dopo 5 anni, lascia Novartis per assumere la responsabilità del Sud Europa di Insmed, con il ruolo di Head of South Europe, Italy, France and ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top