Login con

Salute benessere

05 Marzo 2024

Intestino irritabile: dieta a basso contenuto FODMAP allevia sintomi. I dati da studio italiano

Un nuovo studio italiano mostra che la dieta a basso contenuto di FODMAP (oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli fermentabili) è promettente nell’alleviare sintomi nei pazienti con sindrome dell’intestino irritabile

di Paolo Levantino - Farmacista clinico


Intestino irritabile: dieta a basso contenuto FODMAP allevia sintomi. I dati da studio italiano

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è uno dei disturbi più comuni dell’interazione intestino-cervello e si manifesta con sintomi quali gonfiore, dolore e cambiamenti nella frequenza delle feci. La sua prevalenza varia dal 3,8% al 12% nella popolazione generale, con una maggiore incidenza nelle donne. Le moderne pratiche di gestione dell'IBS sottolineano un approccio olistico che integra cure mediche, modifiche dietetiche e terapie psicologiche. Questo approccio globale, fornito da un team multidisciplinare, mira a responsabilizzare i pazienti per un’efficace autogestione della malattia nel tempo. Le linee guida italiane per la gestione dell’IBS suggeriscono una dieta tradizionale come approccio di prima linea, seguita da una dieta a basso contenuto di FODMAP (oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli fermentabili), in caso di fallimento.

Efficacia della dieta low-FODMAP
Gli studi sull'efficacia della dieta a basso contenuto di FODMAP nell'IBS riportano principalmente tassi di successo del 50-75%. L’approccio della dieta FODMAP top-down prevede tre fasi, si comincia con la restrizione FODMAP, seguita dalla graduale reintroduzione degli alimenti precedentemente eliminati per valutare la tolleranza e concludendo con la personalizzazione per creare una dieta modificata basata sulla tolleranza individuale. La personalizzazione e una reintroduzione graduale dei FODMAP potrebbe migliorare ulteriormente l’adattabilità e l’aderenza a lungo termine, fornendo ai pazienti un approccio su misura per la gestione dei sintomi dell’IBS.

Limitazioni della dieta low-FODMAP
Nonostante la sua efficacia nell’alleviare i sintomi (, la dieta a basso contenuto di FODMAP rimane associata a numerose sfide e limitazioni. Si notano difficoltà sociali e di stile di vita, comprese le spese e l’impatto sulla qualità della vita, con i tradizionali consigli dietetici ritenuti più convenienti e pratici. Le carenze nutrizionali, soprattutto di fibre e vitamine, il potenziale peggioramento della stitichezza e le alterazioni del microbiota, soprattutto legate alla riduzione del Bifidobacterium, destano preoccupazione e richiedono il monitoraggio e una sorveglianza attiva da parte degli operatori sanitari.  

Prospettive future
È essenziale continuare la ricerca per confermare gli effetti a lungo termine della dieta a basso contenuto di FODMAP sull'IBS, valutando le implicazioni a livello nutrizionale e del microbiota intestinale. Solo attraverso un approccio completo e personalizzato possiamo affrontare in modo efficace la complessità della gestione dell'IBS e migliorare la qualità della vita dei pazienti.

https://www.mdpi.com/2072-6643/16/3/370 

TAG: MALATTIE INTESTINALI, SINDROME DELL'INTESTINO IRRITABILE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/04/2024

La combinazione di componenti biologicamente attivi del Ginkgo biloba porta ad un miglioramento del recupero cognitivo precoce in pazienti colpiti da ictus...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

04/04/2024

La neofobia alimentare, cioè il rifiuto di cibi nuovi e non conosciuti, non afferisce alla sfera ampia dei disturbi alimentari ma gli studiosi la definiscono...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

27/03/2024

Con l’aggiunta di acido folico al sale alimentare aumenta in modo significativo il livello sierico di folato, suggerendo una nuova strategia efficace nella prevenzione delle...

A cura di Redazione Farmacista33

26/03/2024

Un nuovo studio, pubblicato sul Journal of Hypertension, ha dimostrato che l’integrazione con coenzima Q10 migliora significativamente le prestazioni fisiche negli adulti affetti da...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Per il mantenimento della struttura delle ossa

Per il mantenimento della struttura delle ossa

A cura di Lafarmacia.

Un recente studio, pubblicato sulla rivista Gut, ha mostrato che l’adozione di uno stile di vita sano potrebbe ridurre del 42% il rischio di sviluppare disturbi gastrointestinali

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top