Login con

Alimentazione

13 Giugno 2024

Stili alimentari, GenZ incline a nutrizione sostenibile e responsabile

Le abitudini alimentari della Generazione Zeta propendono per i prodotti bio e per la sostenibilità. L'attenzione alla cura del corpo

di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare


Stili alimentari, GenZ incline a nutrizione sostenibile e responsabile

Cos’è il cibo per la cosiddetta Generazione Zeta, cioè i nati fra il 1997 e il 2012 che oggi hanno fra i 12 e i 27 anni? Quali significati gli attribuiscono? Insomma, qual è il rapporto con il cibo di una generazione ormai parte attiva della popolazione - tra la scuola dell’obbligo, istruzione universitaria e/o le prime esperienze lavorative? 

Secondo l’ampia indagine Capgemini Report 2022 sui principali trend di consumo in 10 Paesi nel post-pandemia, compresa l’Italia, la GenZ rappresenta il 32% della popolazione globale: caratterizzato da una forte diversità etnica sarà la generazione più istruita, vera nativa digitale. In merito alle aspettative economiche avrà il livello di reddito aggregato in più rapida crescita rispetto a qualsiasi altra fascia demografica, destinato a raggiungere i 33 trilioni di dollari entro il 2030, superando il potere d'acquisto dei Millennials entro il 2031. 

Secondo l’Osservatorio Giovani & Futuro dell’Istituto Piepoli i giovani di questa generazione costituiscono un gruppo molto eterogeneo. Non solo perché il gruppo si divide ancora fra chi fa vita in famiglia ed è quindi economicamente dipendente e chi è ai primi anni di vita lavorativa. Se oltre alle variabili sociodemografiche infatti «si considerano le variabili psicografiche degli individui emergono esperienze soggettive e sociali, che plasmano la personalità delle persone e non solo il loro profilo». E non ultimi vanno considerati i tempi: superata la pandemia, tra eventi geopolitici e cambiamento climatico ce ne è abbastanza per riconoscere quanto incertezza e insicurezza siano parte del loro sentire. Eppure, questo fa di loro una generazione concreta e flessibile, portata alla sperimentazione. «La GenZ si percepisce come una generazione più aperta e inclusiva delle precedenti, dimostrando maggiore sensibilità su parecchie tematiche: ambientali, sociali, di genere e anche alimentari» (F. Ansaldi, MK 1-2024). 

Un’indagine Ipsos

Da una ricerca condotta da Ipsos per l’Osservatorio Cirfood District su 500 ragazze e ragazzi fra i 16 e 26 anni, emerge quanto tengano in massima considerazione un sistema alimentare sostenibile e responsabile, che si traduce nella valorizzazione degli aspetti nutrizionali e nella provenienza biologica del cibo (o più genericamente caratteristiche quali l’assenza di trattamenti con pesticidi sintetici e fertilizzanti). Sembrano attenti a ciò che mangiano prediligendo alimenti semplici (36%), prodotti Made in Italy (38%), sostenibili (27%) e rispettosi del benessere animale (26%). 

In generale il 73% del campione si dice soddisfatto del proprio peso e il 67% della propria forma fisica, sottolineando l’importanza di corretti stili alimentari e dello sport, ma dichiara di fare una certa fatica a mantenere l’equilibrio tra alimentazione e salute (il 27% dichiara quanto sia sempre o spesso difficile, il 44% complesso).

Alimenti che ricorrono spesso sono la pizza (50%) e la pasta (42%), ma anche frutta fresca (42%), carne bianca (39%), riso e cereali (38%). La dieta ideale comprende anche succhi di frutta (40%) e caffè (38%). 

Il 66% ha dichiarato di mangiare fuori casa almeno una volta alla settimana, in ristoranti (22%), fast food (19%) e pub (13%), ristoranti giapponesi (11%) e Doner Kebab (10%) anche per ragioni di socialità, convivialità e curiosità di assaggiare cibi diversi dal solito.

Lo stesso studio, tuttavia, ha delineato dei cluster a cui possono essere ricondotti i giovani della ricerca, che meglio spiegano il reale rapporto quotidiano con il cibo, spesso diverso da quanto dichiarato. Le quattro aree dividono il campione in: 

  • i pacificati (44%), il cui rapporto con il cibo è sereno e il pasto è un momento di relazione ma sostanzialmente con poche variazioni;
  • i compiaciuti (16%), informati e portati all’alimentazione naturale ma estremamente attenti alla cura del corpo anche per poterlo esibire;
  • gli esigenti (15%) che scelgono preferibilmente alimenti salutari ma che mangiano in modo monotematico; 
  • gli sregolati (25%), in conflitto con la propria immagine e in generale in bilico tra un’alimentazione “veloce”, poco curata e il rischio di disturbi alimentari.

Proprio l’ultimo gruppo, che rappresenta una ampia parte del campione fa dire a Enzo Risso, direttore scientifico Ipsos e docente alla Sapienza di Roma che dall’indagine «emerge una fotografia dicotomica di questa generazione»: da un lato si riconosce il rapporto titubante con il cibo e l’incertezza tra realtà e modelli stereotipati; dall’altro emerge la consapevolezza sui temi della sostenibilità e dell’importanza del cibo come leva per la socialità e le relazioni. 

TAG: DIETA, PRODOTTI SALUTISTICI, STILE DI VITA, ATTIVITà FISICA, NUTRIZIONE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/07/2024

Il 4 luglio a Roma presso la Sala del Refettorio della Camera dei Deputati si è tenuto un incontro su Integratori alimentari: analisi del mercato e prospettive di sviluppo nell’attuale quadro...

A cura di Simona Zazzetta

12/07/2024

Le nuove linee guida cliniche dell’Endocrine Society sviluppano indicazioni per l'uso della vitamina D per ridurre il rischio di malattia in soggetti senza indicazioni per il trattamento o per test...

A cura di Redazione Farmacista33

12/07/2024

Un maggiore consumo di cereali integrali, ma anche di tutti gli alimenti contenenti fibre, diminuisce il rischio di sviluppare alcune tipologie di cancro. Il parere del World Cancer Center...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

12/07/2024

Recenti studi hanno evidenziato l'importanza degli acidi grassi omega-3 nel ridurre l'infiammazione. Un nuovo studio pubblicato sul Journal of Cosmetic Dermatology esplora l'effetto di questi...

A cura di Simona Zazzetta

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Dalla natura, difesa e benessere per la gola

Dalla natura, difesa e benessere per la gola

A cura di Viatris

Che cosa fare se si viene morsi da una zecca? E se punti da una vespa o da un calabrone? Quanto è pericolosa la puntura della zanzare tigre. Una breve guida della Società Italiana di Medicina...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top