Login con

Farmacisti

07 Novembre 2021

Distribuzione intermedia, indagine Censis: alto valore sociale, ma senza interventi servizio a rischio


La distribuzione intermedia è un tassello essenziale dell'assistenza farmaceutica e la crisi pandemica ha messo in luce la capacità di garantire continuità e accessibilità

La distribuzione intermedia è un tassello essenziale dell'assistenza farmaceutica e questa consapevolezza fa ormai parte del vissuto quotidiano degli italiani. Proprio la crisi ha messo in luce la capacità di garantire continuità, accessibilità, sicurezza nelle cure e di sostenere la rete delle farmacie nel supporto ai pazienti. Punti di forza, questi, da valorizzare nel processo di riammodernamento del servizio sanitario nazionale, ma che, al contempo, richiedono da parte pubblica una riflessione sulla sostenibilità del comparto. Sono questi alcuni spunti emersi dal Convegno "Il ruolo essenziale della Distribuzione Intermedia per la Sanità territoriale: lo Studio Censis e le Aziende dei Farmacisti" organizzato ieri da Federfarma Servizi nella cornice di FarmacistaPiù, che è stato anche occasione per riflettere sulla recente ricerca sul valore sociale della filiera che Federfarma Servizi, in partnership con Adf, ha commissionato all'Istituto di ricerca socioeconomica Censis (Centro studi investimenti sociali).

Indagine Censis mette in luce valore sociale distribuzione intermedia

«È un dato di fatto» è stato l'intervento di Daniele Ferretti, ricercatore Censis, «che la pandemia abbia acceso un cono di luce sull'attività della distribuzione intermedia, la cui importanza oggi è riconosciuta da tutti i cittadini. Dall'indagine, che abbiamo condotto attraverso questionari sottoposti a un campione rappresentativo di 1000 persone, sono emerse sostanzialmente tre istantanee di questi 20 mesi di pandemia in grado di restituire il valore sociale del comparto. La prima è legata alle prime fasi del lockdown, quando si è verificata la chiusura di tutte le attività, a eccezione di quelle ritenute essenziali. In quei giorni abbiamo scoperto alcuni eroi della quotidianità, dai medici ai farmacisti, ma abbiamo anche visto garantita, sempre e ovunque, la consegna di farmaci e dispositivi medici. La farmacia ha potuto essere uno dei pochi presidi territoriali rimasti attivi, in maniera omogenea e universale». La seconda fotografia è legata alle fasi più recenti, «alle necessità del Servizio sanitario di effettuare attività di contact tracing attraverso i tamponi, preventive attraverso i vaccini, e per la continuità della vita economica e sociale attraverso il green pass. Anche in questo caso il contributo delle farmacie è stato decisivo e ormai è diffusa la consapevolezza tra i cittadini che alla base ci sia stata una attività distributiva capace di garantire rapidità nella disponibilità dei prodotti, standard di sicurezza, versatilità nell'adattamento alle richieste di parte pubblica». Infine, c'è l'ultima immagine che «ci proietta nel futuro, nel ridisegno della sanità territoriale in corso in questo periodo. Qui a emergere tra i cittadini è l'idea che, in un ampliamento della funzione sanitaria delle farmacie, verso un potenziamento della prossimità, vada valorizzato, al contempo, anche il servizio essenziale della distribuzione intermedia».

Mirone: il sistema va sostenuto per reggere alla sfida della riforma della sanità

«Sono tutti dati importanti» ha aggiunto Antonello Mirone, presidente di Federfarma Servizi, «ma c'è un concetto da sottolineare: la territorializzazione della sanità può essere efficace se il legame tra farmacia e distribuzione intermedia, in particolare quella di proprietà dei farmacisti che noi rappresentiamo, viene tutelato e valorizzato anche in futuro. La rete delle farmacie e della distribuzione intermedia rappresentano una eccellenza del nostro Paese. Ma tale asset va anche salvaguardato. Guardo a esperienze di alcuni Stati europei, come la Francia, dove a sostegno del settore, in difficoltà, sono state allocate risorse. Non si tratta solo di garantire sostenibilità al comparto, ma di creare le condizioni per avviare quel processo di potenziamento della prossimità. Il sistema va sostenuto in maniera integrata in tutte le sue parti».

Dalla pandemia è emersa prova di coesione

Non a caso, se «di fronte alla prova della emergenza sanitaria, la filiera ha tenuto» ha commentato Alfredo Procaccini, vicepresidente di Federfarma, «è perché ha agito in maniera coesa. Ciascuno ha dato il suo contributo per il comune obiettivo della salute dei cittadini. In questi mesi tragici sono davvero poche le strutture che hanno potuto restituire un senso di utilità, di vicinanza ai cittadini. La collaborazione è stata incredibile. Ora, c'è tanta strada da fare per il futuro, ma va fatta insieme». «Come categoria» ha aggiunto Roberto Pennacchio, vicepresidente di Federfarma Servizi e presidente dell'Ordine di Latina, «possiamo dire di essere orgogliosi e di avere qualcosa che molti ci invidiano. Abbiamo un sistema rodato che, anche in momento di crisi, è stato capace di organizzare dalla mattina alla sera un supporto sanitario ai cittadini e al Ssn, dai vaccini ai tamponi. Sono convinto che non avremmo potuto sopportare un tale urto se non avessimo nel tempo costruito una categoria forte e in sintonia. Questo è un valore che mi auguro che tutti i colleghi comprendano».

Francesca Giani

TAG: DISTRIBUZIONE DEI FARMACI, FARMACISTAPIù

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

20/02/2024

Nella Giornata del personale sanitario si riconosce l’impegno, la professionalità e l’impegno congiunto di tutti gli operatori tutelano la salute, compresi...

A cura di Redazione Farmacista33

20/02/2024

È alle battute finali il ddl cosiddetto Milleproroghe, che, dopo l’ok alla Camera, è approdato al Senato per la conversione in legge, che deve concludersi...

A cura di Francesca Giani

19/02/2024

Il Consiglio dei ministri ha deliberato, su proposta del ministro della Salute Orazio Schillaci, la nomina dei capi dei nuovi dipartimenti del ministero della Salute, istituiti in seguito alla...

A cura di Redazione Farmacista33

16/02/2024

Campagna informativa per la prevenzione del tumore al seno a Verona con oltre 5 mila mini-opuscoli informativi in distribuzione attraverso farmacie e medici di...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Corso Olii Essenziali e Vegetali

Corso Olii Essenziali e Vegetali

A cura di Naturlabor

Per la maggior parte degli europei, gli agrumi sono il simbolo del Mediterraneo. Gli agrumi sono stati a lungo presenti in Italia, conosciamo affreschi che raffigurano limoni o cedri sulle pareti...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top