Login con

Europa

23 Aprile 2024

Carenza farmaci, in aumento in Inghilterra post-Brexit. Autorizzazioni ritardate e ritardo importazioni

Le carenze di farmaci nel Regno Unito hanno subito un incremento notevole tra il 2020 e il 2023, con il doppio dei casi. A segnalarlo è un rapporto pubblicato dal think tank Nuffield Trust

di Cristoforo Zervos


Carenza farmaci, in aumento in Inghilterra post-Brexit. Autorizzazioni ritardate e ritardo importazioni

Le carenze di farmaci nel Regno Unito hanno subito un incremento notevole tra il 2020 e il 2023, con il doppio dei casi. A segnalarlo è un rapporto pubblicato giovedì dal think tank Nuffield Trust. Questo fenomeno è stato attribuito in parte alle ripercussioni della Brexit, che potrebbe "indebolire significativamente" la capacità del paese di affrontare le problematiche relative alle catene di approvvigionamento.

Secondo la ricerca, le aziende farmaceutiche hanno segnalato ben 1.643 avvisi di possibili carenze di medicinali nel 2023, rispetto ai 648 del 2020, anno in cui il Regno Unito ha lasciato l'Unione Europea (UE). Questo aumento delle carenze ha coinvolto trattamenti essenziali, inclusi antibiotici e farmaci per l'epilessia, portando il governo a rimborsare più frequentemente le farmacie che acquistavano farmaci a un costo superiore al normale. Il numero delle concessioni di prezzo, ovvero le volte in cui il governo ha dovuto rimborsare le farmacie per l'acquisto di farmaci a un costo superiore a quello standard, è salito drasticamente. Prima del 2016, si registravano mediamente 20 episodi di questo tipo al mese, ma verso la fine del 2022, il numero ha raggiunto un picco di 199 episodi mensili. Sebbene le carenze di farmaci siano un problema crescente anche negli Stati Uniti e in Europa, il Regno Unito è a rischio maggiore a causa della svalutazione della sterlina e dall'uscita dalle catene di approvvigionamento dell'UE. Il rapporto ha inoltre evidenziato che le carenze sono state aggravate dai cambiamenti nei modelli di domanda, dovuti al modo in cui i medici prescrivono i medicinali nel Regno Unito, e dalla riduzione dei budget del Servizio Sanitario Nazionale (NHS). "Sappiamo che molti dei problemi sono globali e riguardano catene di importazione fragili dall'Asia, messe sotto pressione dalle chiusure dovute al COVID-19, dall'inflazione e dall'instabilità globale", ha affermato Mark Dayan di Nuffield Trust. "Tuttavia – ha continuato Dayan - l’uscita dall'UE ha introdotto nel Regno Unito ulteriori complicazioni: i prodotti non fluiscono più così facilmente attraverso i confini con l'UE e, a lungo termine, le nostre difficoltà nel concedere approvazioni per nuovi medicinali potrebbero significare che avremo meno alternative disponibili." Il rapporto ha anche rilevato che il Regno Unito è stato più lento dell'UE nell'approvare nuovi farmaci. Nel 2023, tra i farmaci autorizzati in Europa, 56 hanno ricevuto l'approvazione nel Regno Unito solo in un secondo momento. Inoltre, otto di questi non sono stati approvati, mentre soltanto quattro sono stati autorizzati più rapidamente rispetto l’UE.

https://www.reuters.com/world/uk/uk-drug-shortages-swell-amid-brexit-supply-woes-think-tank-data-shows-2024-04-18/?user_email=b2915af3c9e6e5499ea538d23344420c568b396b0c1133dad6c936d4c9ea8d88

https://www.nuffieldtrust.org.uk/research/the-future-for-health-after-brexit#:~:text=Key%20recommendations,maintaining%20links%20to%20EU%20counterparts 

TAG: CARENZA DI FARMACI, EUROPA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

13/05/2024

Nathalie Moll, direttore generale di EFPIA, ha pubblicato un articolo in cui evidenzia i rischi legati all'attuazione del nuovo Regolamento europeo sull'Health Technology Assessment (HTA)

A cura di Cristoforo Zervos

10/05/2024

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) ha completato un’analisi completa del Programma Esteso di Immunizzazione (EPI) che opera ormai da 50 anni. I dati dello studio sono stati pubblicati su...

A cura di Cristoforo Zervos

10/05/2024

Raccolti 40.000 mila euro grazie l’evento tenutosi il 7 maggio al Teatro Mostra d'Oltremare - Napoli dedicato alla memoria della professoressa Gabriella Fabbrocini, docente di dermatologia e...

A cura di Redazione Farmacista33

09/05/2024

Il Parlamento europeo ha adottato una serie di misure, proposte dalla Commissione nel gennaio 2024, finalizzate a migliorare la disponibilità di strumenti diagnostici in vitro 

A cura di Cristoforo Zervos

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Crema calmante magnesio

Crema calmante magnesio

A cura di Resultime

La Commissione europea ha chiesto agli Stati membri di raccogliere negli anni 2025, 2026 e 2027 i dati relativi alla presenza del nichel in alimenti e acqua per definire i nuovi livelli massimi...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top