Login con

Omeopatia

22 Ottobre 2020

Ricinus communis, profilo e azione


È una pianta perenne della famiglia delle Euforbiacee, originaria dell'Africa tropicale. Ha il fusto alto 2-3 m, foglie palmate e dentellate con frutti capsulati contenenti semi estremamente velenosi: ne bastano 4-5 per uccidere una persona. Utilizzato già nell'antico Egitto come olio per le lampade e per i massaggi e in India come lassativo depurativo due volte l'anno. Nell'Italia fascista era la "purga del sovversivo". Veniva inoltre utilizzato per ristrutturare i capelli sfibrati. Dalla macerazione in alcool dei semi di Ricinus communis, diluiti e succussi si ottiene la tintura madre contenente il 50% di un olio che è una miscela di trigliceridi e acidi grassi, il principale dei quali è l'acido ricinoleico, e di protidi di cui alcuni altamente tossici. L'ingestione di uno o due cucchiai di olio di ricino provoca un effetto emetico e una diarrea acquosa non irritante dovuti all'acido ricinico che si forma nell'intestino per emulsificazione e saponificazione dell'olio da parte della bile e succhi pancreatici. Dalla sperimentazione patogenetica (proovings) e dall'osservazione clinica si conferma un'azione galattogena, nota nella medicina popolare (impacchi sui seni con decotto di foglie di ricino).

Principali indicazioni cliniche

Le indicazioni cliniche nascono dalla legge di similitudine per cui Ricinus communis è utilizzato nella Gastroenterite con nausea intensa e diarrea; nelle coliche epatiche con discinesia biliare, nell'assenza o scarsità della montata lattea.

Sintomi e modalità di reazione

Sensazioni: di peso sullo stomaco e di dolori a cintura, di nausea, di tensione mammaria pulsante.

Posologia

Utilizzato a diluizioni medio basse, 5 - 9 Ch, per via sublinguale e a digiuno, cinque granuli due o tre volte al giorno.

Il simile cura il simile

La sua patogenesi deriva dall'osservazione clinica e dalla sperimentazione patogenetica, che confermano che l'effetto terapeutico si ottiene con diluizioni omeopatiche che curano quei disturbi provocati da dosi ponderali e/o tossiche di principi attivi.

Tiziana Di Giampietro
Si ringrazia Siomi (Società italiana di medicina integrata) per la gentile collaborazione.

TAG: PIANTE, FARMACOPEE OMEOPATICHE, SOCIETà ITALIANA DI OMEOPATIA E MEDICINA INTEGRATA (SIOMI), MEDICINALI OMEOPATICI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/02/2024

Nella legge Bilancio 2024 è prevista la norma che consente di riallineare le rimanenze iniziali del magazzino, tramite il pagamento di una imposta sostitutiva...

A cura di Francesca Giani

23/02/2024

L'europarlamentare Adam Jarubas (PPE) ha promosso un Roundtable Farmaceutico dell'UE per discutere le strategie per garantire l’accesso ai farmaci per la...

A cura di Cristoforo Zervos

23/02/2024

L’attenzione sulla possibilità di procedere al riscatto di laurea è rivolta anche all’impatto dell’inflazione sull’opzione agevolata. Dagli esperti...

A cura di Francesca Giani

23/02/2024

Ora in libreria “Marketing Farmaceutico Strategico” (Dario Flaccovio Editore),  il nuovo testo di Michela Pallonari, consulente di marketing strategico e business coach in diverse farmacie...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Giornata Mondiale Del Diabete

Giornata Mondiale Del Diabete

A cura di PIC Solution

Paola Minghetti è stata eletta per il prossimo triennio Presidente della SITELF, rinnovato anche il  Consiglio Direttivo

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top