Login con

Omeopatia

03 Novembre 2022

Baryta iodata, profilo e azione


Lo ioduro di bario è una polvere cristallina bianca. La sua tossicità si manifesta sui sistemi linfonodale e arteriolare ed è molto simile a quella di Baryta carbonica ma le adenopatie sono più piccole e più dure, forse a causa della presenza dello ione iodio. Incrementa la leucocitosi, indurisce e infiltra le ghiandole, soprattutto le tonsille e il seno (mastite, tumore), provoca opacità corneali, provoca malnutrizione fino alla cachessia in bambini che hanno una crescita stentata e non crescono come dovrebbero, ma non manifestano nanismo che invece è spesso presente in Baryta carbonica.

Principali indicazioni cliniche

L'impressione generale data dal paziente Baryta iodata è quella di essere affetto da danni severi del sistema immune. La tiroide è la prima ad essere interessata con sintomi di ipertiroidismo: tremori, svenimenti ed esoftalmo. I bambini manifestano ritardo fisico e mentale, sono poco freddolosi, magri ma voraci, soffrono di angine frequenti con ipertrofie laterocervicali. Negli adulti è frequente una ipertensione arteriosa da ateriosclerosi.

Sintomi psichici

Man mano che la patologia progredisce, si evidenziano casi di depressione con occasionali esplosioni di rabbia e pianto. In questa fase i sintomi assomigliano a Pulsatilla, ma le ghiandole linfatiche gonfie dovrebbero far pensare a Baryta iodata.

Modalità

Sensazioni: Sensazione di pienezza, debolezza e svenimenti durante le mestruazioni abbondanti, pulsazione del polso veloce e pieno, ghiandole sensibili al tatto.
Aggravamento: prima di mangiare e a digiuno; prima e durante le mestruazioni; sdraiato sulla schiena; dal calore in generale; dalla pressione. Lo sforzo, il movimento e soprattutto il camminare lo peggiorano. Miglioramento: all'aria aperta fredda, dopo aver mangiato.

Posologia

Diluizioni dalla 5 alla 30 CH, in base alla sintomatologia locale o generale o mentale e alla similitudine.

Il simile cura il simile

La sua azione tossicologica si esercita soprattutto sull'apparato linfatico e vascolare dove provoca indurimento e ingrossamento delle ghiandole e sclerosi arteriolare. Microdosi diluite e dinamizzate di ioduro di bario stimolano il miglioramento clinico.

Tiziana Di Giampietro
Si ringrazia Siomi (Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata) per la gentile collaborazione.

TAG: TIROIDE, SISTEMA IMMUNITARIO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Le nuove linee guida cliniche dell’Endocrine Society sviluppano indicazioni per l'uso della vitamina D per ridurre il rischio di malattia in soggetti senza indicazioni per il trattamento o per test...

A cura di Redazione Farmacista33

12/07/2024

Le nuove linee guida cliniche dell’Endocrine Society sviluppano indicazioni per l'uso della vitamina D per ridurre il rischio di malattia in soggetti senza indicazioni per il trattamento o per test...

A cura di Redazione Farmacista33

12/07/2024

I farmaci temono il caldo e in estate, è necessario qualche accorgimento in più per conservarli correttamente. Aifa pubblica un piccolo vademecum per conservare e utilizzare correttamente i...

A cura di Redazione Farmacista33

12/07/2024

Un maggiore consumo di cereali integrali, ma anche di tutti gli alimenti contenenti fibre, diminuisce il rischio di sviluppare alcune tipologie di cancro. Il parere del World Cancer Center...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Love Edition: la nuova limited di Curaprox omaggia l’Amore

Love Edition: la nuova limited di Curaprox omaggia l’Amore

A cura di Curaprox

L'EMA ha raccomandato la revoca dell'autorizzazione per acido obeticolico (Ocaliva), un farmaco per la colangite biliare primitiva, dopo una revisione che ha mostrato che i benefici non superano i...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top