Login con

Prodotti


Le italiane e i problemi vulvari

Le italiane e i problemi vulvari

A cura di Meclon Lenex

Le italiane e i problemi vulvari: conoscenza, gestione e risoluzione dei discomfort.  

I risultati della ricerca EMG Different per Meclon, brand di Alfasigma,al fianco del benessere intimo vulvare, rivelano nelle donne italiane alcuni dati fondamentali
● il 23 % del campione mostra scarsa conoscenza di sé, del proprio corpo e delle proprie esigenze.
● gestione scorretta delle problematiche relative ai disturbi vulvari nel 45% del campione intervistato;
● sottostima delle conseguenze e procrastinazione nella soluzione dei problemi intimi, infatti, solo il 37% delle donne italiane agisce prontamente;
● forte disagio nel parlare apertamente di intimità, che porta il 73% delle donne ad essere restia a chiedere consigli.  

Meclon, brand del gruppo Alfasigma da sempre al fianco delle donne nel loro benessere intimo, ha commissionato a EMG Different uno studio che va a investigare sul benessere intimo vulvare, coinvolgendo un campione di 1000 donne dai 18 ai 65 anni, rappresentativo della popolazione femminile italiana per età, per aree geografiche e ampiezza dei centri dei comuni italiani[1].  

L’obiettivo dello studio è stato quello di indagare quanto l’universo femminile conosce il proprio corpo, se prova o meno imbarazzo a parlare di benessere intimo con medici o farmacisti, quali sono le abitudini e i comportamenti che si è soliti adottare e come si agisce in caso di discomfort intimi della zona vulvare – come sensazioni di prurito, bruciore e irritazione.  

Ecco, dunque, i principali risultati che la ricerca ha messo in evidenza.  

Le italiane non conoscono il proprio corpo e sono preoccupate per il loro benessere intimo Innanzitutto, dalla ricerca di mercato si evince che c’è ancora una scarsa conoscenza del proprio corpo: quasi 1 donna su 4 (il 23%) pensa che vulva e vagina siano la stessa cosa, mentre il 17% del campione pensa che la vulva sia la parte interna e la vagina la parte esterna dell’apparato genitale femminile, quindi esattamente l’opposto.  

Più del 50% delle italiane, poi, si dice preoccupato del proprio benessere intimo: tra queste, la maggior parte delle giovanissime; il 74% delle 18-24enni intervistate e il 70% delle 25-34enni.

La principale causa di preoccupazione è dovuta a bruciori, pruriti, irritazioni, infiammazioni e disturbi che possono essere causati anche da agenti esterni come dermatiti da contatto e che vanno a interessare la parte più esterna dell’apparato genitale femminile, appunto la vulva.

Il benessere psicofisico influisce anche sul benessere intimo
Un aspetto interessante della ricerca è che sembra si stia instaurando la consapevolezza del fatto che il benessere psico-fisico influisce anche su quello intimo.

Il 45% delle donne intervistate ha dichiarato di non prestare maggiore attenzione al proprio benessere intimo vulvare in momenti delicati quali il cambio di stagione o in periodi di stress, non considerando che in questi casi specifici potrebbero esser più frequenti eventuali discomfort: la nota positiva è che, invece, il 64% del campione cambia effettivamente abitudini, per lo più iniziando ad usare prodotti specifici.

Tra le donne che in questi periodi pongono maggiore attenzione alla cura del benessere intimo vulvare, più della metà (61%) sono quelle che hanno già avuto disturbi intimi e hanno vissuto quindi il disagio in prima persona.

Parlare di benessere intimo è ancora un tabù, specie per le giovanissime
 Uno dei risultati meno incoraggianti della ricerca, invece, è che per le donne è ancora molto difficile parlare apertamente del loro benessere intimo, sia con i medici e sia con le persone a loro vicine.

Dai risultati della ricerca EMG Different, infatti, quasi 4 donne su 10 non si sentono del tutto a proprio agio a parlare di benessere intimo. È interessante notare come la percentuale più alta di quelle maggiormente a disagio si rileva anche stavolta nelle giovanissime (il 58% delle ragazze dai 18-24 anni e il 49% di quelle dai 25-34 anni).  

I motivi? Una donna su 2 manifesta in questo ambito problemi di autostima e di insicurezza (il 73% delle ragazze dai 18 ai 24 anni). Ma c’è anche una evidente difficoltà a capire quando cercare un confronto e a chi rivolgersi. Il 17% del campione affronta l’argomento esclusivamente con il medico specialista mentre, purtroppo, il 12% addirittura non ne parla mai con nessuno.  

Quando si parla di benessere vulvare le italiane conoscono i comportamenti da evitare ma spesso non li adottano
Per l’86% delle donne intervistate è importante prevenire eventuali disturbi vulvari adottando comportamenti idonei, ma quello che poi si evince nella realtà è che spesso - pur sapendo che taluni comportamenti sono sconsigliabili - li si adotta comunque, per praticità o abitudine. Ad esempio, il 34% delle intervistate è solita indossare abiti o pantaloni fascianti nonostante il 66% sia conscia del fatto che questa frizione possa provocare disturbi. Inoltre, il 32% indossa intimo sintetico nonostante per il 71% di loro è risaputo essere un’abitudine tendenzialmente dannosa o ancora, più della metà del campione (62%) utilizza abitualmente salvaslip e assorbenti esterni, consuetudine considerata potenzialmente critica da più di una donna su 2 (59%).
Nonostante ciò, la quasi totalità delle intervistate (96%) reputa il proprio benessere intimo vulvare buono o molto buono. Approfondendo l’indagine, però, si scopre che molte hanno avuto problemi in passato: il 73% delle donne, infatti, dichiara di aver sofferto di disturbi vulvari; tra i discomfort più diffusi il bruciore (42% delle intervistate) seguito da perdite (37%) e prurito (31%).  

Cosa fanno le donne in caso di discomfort intimo vulvare
In caso di problemi intimi, tra le italiane non c’è molto interventismo, anzi, di norma si attende nella speranza che passi il fastidio; chi agisce subito è una parte minoritaria dell'universo femminile (37%).  

Probabilmente alcune donne non sentono l’esigenza di intervenire anche perché non credono veramente che, se trascurati, i disturbi vulvari possano dare conseguenze più gravi[2]. Una nota positiva è che le persone a cui ci si rivolge in caso di necessità sono, in primis, i professionisti - per il 72% delle intervistate - che siano specialisti (44%) o medici generici (28%), mentre la farmacia rimane chiaramente un canale fondamentale per l’acquisto di un prodotto che si conosce già (31%) o per chiedere un consiglio (per il 24% delle donne). Ma anche in farmacia, in molte donne, permane una sensazione di disagio: il 73% di loro, infatti, non si sente a proprio agio a chiedere consiglio al farmacista, specie se di sesso maschile, perché considera la tematica imbarazzante e prova un senso di pudore.
Tra queste, l’88% delle donne che reputa il benessere intimo cattivo o addirittura pessimo, la maggior parte delle donne in premenopausa (l’82%) e il 79% delle giovanissime (tra i 18 e i 24 anni), senza eccezioni tra grandi città o piccoli centri abitati.  

Meclon, brand del gruppo Alfasigma, si prende cura del benessere intimo vulvare delle donne di ogni età con Meclon Lenex, il nuovo cosmetico in emulgel a base di Calendula, Propolsave™, Acido Ialuronico e Melatonina che lenisce, ripara e protegge dai fastidi intimi esterni.  

Alfasigma Alfasigma è una delle principali aziende farmaceutiche italiane con una forte vocazione internazionale. È un Gruppo presente in oltre 100 Paesi nel mondo nel quale lavorano circa 3.000 persone impegnate in ricerca, sviluppo, produzione e distribuzione. In Italia Alfasigma è leader nel mercato dei prodotti da prescrizione dove, oltre al forte focus sul gastro-intestinale, è presente in diverse aree terapeutiche primary care. È riconosciuta dal pubblico consumer per alcune referenze di automedicazione e integratori alimentari molto noti e radicati nel vissuto delle famiglie. La sede storica è Bologna a cui si affianca Milano, mentre i siti produttivi sono: in Italia, a Pomezia (RM), Alanno (PE), Sermoneta (LT) e Trezzano Rosa (MI) e all’estero a Tortosa in Spagna e a Shreveport (Louisiana) negli Stati Uniti. I laboratori di Ricerca&Sviluppo sono a Pomezia e nel Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso di Bergamo. La mission di Alfasigma è migliorare la salute e la qualità di vita delle persone, offrendo a caregiver e personale sanitario soluzioni terapeutiche secondo i più elevati standard di qualità e sicurezza. Per ulteriori informazioni, visitare www.alfasigma.it.
[1] Interviste condotte in modalità CAWI (Computer Aided Web Interview). EMG Different per Meclon, luglio 2023.   [2] Alla domanda “Quanto pensi che se si trascurano i disturbi vulvari ci possano essere conseguenze più gravi?”, il 30% risponde per nulla, poco o così così. Solo il 19% dichiara di esserne molto consapevole.

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Una menopausa in bellezza!

Una menopausa in bellezza!

A cura di Viatris

La Corte di Giustizia europea si è espressa in una sentenza pubblicata oggi sulle questioni pregiudiziali poste dalla Corte d’appello di Parigi in merito alla vicenda relativa a Doctipharma...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top