Login con

Farmacisti

15 Ottobre 2022

Laurea abilitante, tirocinante e tutor professionale: nuove figure in farmacia. Mansioni, compiti e requisiti


Il tutor professionale è una delle figure che viene dettagliata dalle novità introdotte con la disciplina relativa alla laurea abilitante, che ha interessato anche la facoltà di Farmacia e ha previsto un diverso ruolo per il tirocinio e nuovi requisiti per il tirocinante


Il tutor professionale è una delle figure che viene dettagliata dalle novità introdotte con la disciplina relativa alla laurea abilitante, che ha interessato anche la facoltà di Farmacia e ha previsto un diverso ruolo per il tirocinio e nuovi requisiti per il tirocinante. Il percorso relativo alle modifiche dell'ordinamento didattico è in itinere, ma c'è chi, all'interno della categoria, inizia a interrogarsi su cosa cambierà in termini operativi in farmacia.

Laurea abilitante: percorso in itinere. Cresce l'attenzione

La laurea abilitante, che riguarda alcune professioni regolamentate, tra cui quella di odontoiatra, farmacista, veterinario e psicologo - L. 163/2021 - mira a rendere l'esame conclusivo del corso di studi universitario (classe LM-13 per il settore) abilitante all'esercizio della professione di farmacista, prevedendo, all'interno di questo percorso, che almeno 30 crediti formativi universitari vengano acquisiti con lo svolgimento di un tirocinio pratico-valutativo, che culmina con una valutazione delle competenze professionali acquisite, distinta rispetto all'esame di laurea. Le modalità di attuazione del carattere abilitante e le modifiche dell'ordinamento didattico necessarie per rendere la laurea concretamente abilitante sono state demandate a decreti attuativi. Il percorso è in fieri e un passaggio è stato il decreto interministeriale di luglio (651 del 5 - 7 2022), reso pubblico sul sito del Mur, con ancora alcuni step in corso, che, tra gli altri punti, ha declinato le modalità di svolgimento del tirocinio pratico valutativo e della prova pratica di valutazione.

Le regole del tirocinio per le farmacie

In questa direzione, un primo aspetto da sottolineare riguarda le attività e i requisiti del percorso professionalizzante e delle figure a esso sono collegate. Come si legge nel testo pubblicato sul sito del Mur, "il tirocinio pratico-valutativo eÌ un percorso formativo a carattere professionalizzante finalizzato all'acquisizione delle competenze necessarie per lo svolgimento delle attività del farmacista nell'ambito del Servizio sanitario nazionale. I corsi di laurea magistrale a ciclo unico comprendono un periodo di sei mesi, anche non continuativi, di tirocinio professionale da svolgersi presso una farmacia aperta al pubblico e/o una farmacia ospedaliera o presso i servizi farmaceutici territoriali posti sotto la sorveglianza del servizio farmaceutico. L'attività di tirocinio eÌ svolta per non più di 40 ore a settimana, per un totale di 900 ore, di cui almeno 450 da svolgersi presso una farmacia aperta al pubblico, e corrisponde a 30 crediti formativi universitari".
In particolare, "la presenza in farmacia avviene nei giorni in cui la farmacia presta servizio e con l'assistenza del tutor professionale l tirocinio può essere svolto, come detto anche per periodi non continuativi, in ogni caso non inferiori a un mese, in un numero di sedi ospitanti non superiore a tre. Il numero di tirocinanti accolti dalla farmacia eÌ pari al rapporto massimo di un tirocinante per ogni farmacista strutturato a tempo pieno".

Il tirocinante: requisiti per accedere al percorso e compiti specifici

Ma quali sono i requisiti per lo studente per accedere al tirocinio?
Lo studente "deve essere in possesso di alcuni requisiti minimi:
a) aver acquisito almeno 160 CFU ed essere iscritto almeno al quarto anno del corso di laurea;
b) aver superato due esami caratterizzanti, di cui uno di Chimica farmaceutica (SSD CHIM/08) e uno di Farmacologia (SSD BIO/14);
c) aver almeno frequentato uno dei corsi di Tecnologia farmaceutica (SSD CHIM/09);
d) aver acquisito la disponibilità allo svolgimento dell'attività formativa da parte del responsabile della farmacia ospitante e/o della farmacia ospedaliera o dei servizi farmaceutici territoriali nonchéì del tutor professionale e del tutor accademico;
e) aver ritirato presso l'ateneo il "Diario del tirocinante", predisposto su modello conforme a quello approvato dalla Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani d'intesa con la CRUI.

A essere descritti poi sono anche alcuni compiti. Durante lo svolgimento del tirocinio, il tirocinante:
a) indossa il camice bianco con un cartellino identificativo indicante la qualificazione di tirocinante, rilasciato dall'Ordine professionale della provincia nel cui territorio eÌ ubicata la farmacia ospitante;
b) fornisce al tutor professionale, con cadenza periodica, una reportistica dell'attività svolta, al fine di consentire la verifica dell'apprendimento e l'aggiornamento del diario del tirocinante;
c) si attiene alle norme di tutela della privacy, garantendo la riservatezza per quanto attiene ai dati, alle informazioni e alle conoscenze acquisiti durante lo svolgimento del tirocinio.

La figura del tutor professionale: caratteristiche e mansioni

Un altro passaggio importante riguarda le altre figure, quella del tutor accademico - cioè il docente incaricato di seguire lo studente nel percorso di tirocinio, interagendo con il tutor professionale - e, appunto, il tutor professionale. In particolare, quest'ultimo "eÌ un farmacista iscritto all'albo con almeno due anni di attività professionale, designato dal titolare o direttore della farmacia ospitante e/o direttore della farmacia ospedaliera o dei servizi farmaceutici territoriali e dipendente della stessa, che ha la responsabilità di seguire e assistere direttamente il tirocinante durante la pratica professionale, garantendo l'osservanza delle modalità di svolgimento del tirocinio".
Ma quali sono le sue mansioni? Il tutor professionale in particolare deve:
a) seguire lo studente nel tirocinio ed interagire con il tutor accademico per il miglior espletamento del tirocinio medesimo;
b) concordare con il tirocinante l'orario giornaliero del tirocinio in farmacia, le eventuali variazioni dell'orario e le modalità pratiche di svolgimento;
c) curare e accertare che il tirocinio sia svolto in modo appropriato;
d) certificare sul "Diario del tirocinante" l'effettivo impegno orario del tirocinante, trascrivere una sintesi periodica dell'attività svolta e una valutazione complessiva delle attività svolte.

L'acquisizione dei 30 CFU di tirocinio pratico valutativo eÌ condizione necessaria per l'ammissione all'esame finale. Va infine ricordato che il tirocinio deve comprendere contenuti minimi ineludibili di valenza tecnico- scientifica e pratico operativa dell'attività del farmacista, tra cui indicativamente anche questi ambiti:
- la deontologia professionale;
- la conduzione e lo svolgimento del servizio farmaceutico;
- la somministrazione/dispensazione, conservazione e preparazione dei medicinali;
- le prestazioni erogate nell'ambito del SSN;
- l'informazione ed educazione sanitaria della popolazione;
- la gestione imprenditoriale della farmacia e tutti i servizi previsti dalla normativa vigente;
Tali ambiti sono specificati ed integrati in un protocollo predisposto dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani d'intesa con la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, sentito il CUN e la Conferenza delle Scienze del Farmaco.

Francesca Giani

TAG: CORSO DI LAUREA IN FARMACIA, TUTOR, FARMACISTA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

10/05/2024

Ridurre i carichi di lavoro del farmacista, introducendo la figura dell’Assistente, un tecnico adeguatamente formato, e rendere la carriera di farmacista dipendente un lavoro professionalmente...

A cura di Redazione Farmacista33

08/05/2024

Arriva da Treviso la segnalazione della difficoltà delle farmacie nel reclutare farmacisti: negli ultimi mesi c’è un’impennata delle uscite dal servizio, anche di giovani farmacisti, senza...

A cura di Redazione Farmacista33

07/05/2024

Con il decreto Semplificazioni al farmacista, verranno concessi/richiesti nuovi servizi, la farmacia andrà sempre più a rafforzare la sua centralità e il ruolo sanitario del farmacista verrà...

A cura di Francesca Giani

06/05/2024

Il Movimento nazionale liberi farmacisti (Mnlf) chiedono che in occasione del rinnovo del Ccnl ci sia “aumento vero degli stipendi e degli straordinari” e che gli scatti di livello siano “resi...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

L'importanza di dormire respirando bene

L'importanza di dormire respirando bene


La Maca, scientificamente conosciuta come Lepidium Meyenii, è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Brassicaceae, originaria delle Ande centrali del Per

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top