Login con

Aifa

07 Marzo 2024

Malattie rare, rimborsabile in Italia farmaco orale pediatrico per neurofibromi plessiformi

Aifa ha approvato la rimborsabilità di selumetinib primo farmaco autorizzato per i neurofibromi plessiformi (PN) sintomatici e non operabili in pazienti pediatrici affetti da neurofibromatosi di tipo 1

di Simona Zazzetta


Malattie rare, rimborsabile in Italia farmaco orale pediatrico per neurofibromi plessiformi

Aifa ha approvato la rimborsabilità di selumetinib primo farmaco autorizzato per il trattamento dei neurofibromi plessiformi (PN) sintomatici e non operabili in pazienti pediatrici affetti da neurofibromatosi di tipo 1 (NF1) di età pari o superiore a tre anni. Il farmaco ha ricevuto l’approvazione condizionata in Unione Europea (UE), nel giugno 2021. La nuova opzione terapeutica è stata presentata alla stampa di settore da AstraZeneca, insieme ad Alexion, AstraZeneca Rare Disease in una conferenza stampa a Milano.

Accesso al farmaco può avere un impatto positivo sulla qualità della vita
La NF1 è una condizione genetica debilitante che in tutto il mondo colpisce una persona su 3.000 e che in Italia si stima coinvolga circa 20.000 pazienti. In una percentuale tra il 30 e il 50% delle persone affette da NF1, si sviluppano tumori sulle guaine nervose (neurofibromi plessiformi) che causano potenziali problemi clinici come deturpazioni, disfunzioni motorie, dolore, disfunzioni delle vie aeree, disturbi visivi e disfunzioni vescicali o intestinali. L'approvazione da parte di AIFA si basa sui risultati positivi dello studio SPRINT Stratum 1 di Fase II, sponsorizzato dal Programma di Valutazione della Terapia del Cancro (CTEP) del National Cancer Institute (NCI). Questo studio ha dimostrato che selumetinib riduce le dimensioni dei tumori inoperabili nei bambini, riducendo il dolore e migliorando la qualità della vita. I dati di sicurezza ed efficacia dello studio SPRINT di Fase II, con un follow-up più lungo, sono stati forniti come una delle condizioni per l'approvazione.

“L’accesso a selumetinib può avere un impatto positivo sulla qualità della vita, in particolare con una duratura riduzione del dolore – ha spiegato Maria Cristina Diana, UOC Neurologia Pediatrica e Malattie Muscolari IRCCS Istituto G. Gaslini, Genova. - Finora, il trattamento principale per i neurofibromi plessiformi è stato di natura chirurgica, ma è fondamentale sottolineare che, in circa il 50% dei pazienti, i neurofibromi plessiformi sono considerati inoperabili. Ciò significa che la resezione è impossibile senza aumentare significativamente la morbilità, spesso a causa della vicinanza a organi vitali, dell'invasività della lesione o del suo grado di vascolarizzazione. Un grande passo avanti è stato compiuto con l'introduzione del selumetinib, rappresentando la prima terapia farmacologica per il trattamento dei neurofibromi plessiformi sintomatici e inoperabili dai 3 anni di età, affetti da NF1. Questa opzione terapeutica offre nuove prospettive per i pazienti che altrimenti non avrebbero beneficiato della chirurgia”.

Associazioni pazienti: terapia farmacologica innovativa, dà nuove speranze
“Fino a pochi anni fa - ha aggiunto Antonella Cacchione, Area Clinica di Oncoematologia, Terapia Cellulare, Terapie Geniche e Trapianto Emopoietico, IRCCS Ospedale pediatrico Bambino Gesù, Roma - i piccoli pazienti con neurofibromi estesi e sintomatici erano costretti a subire multipli, ma incompleti, interventi chirurgici e a gestire il dolore o i deficit da compressione meccanica con terapie sintomatiche. Una terapia medica - oltretutto per via orale - non era mai stata disponibile per una patologia come il neurofibroma plessiforme, all’interno di una malattia rara (ma non troppo) come la NF1. Selumetinib mostra anche miglioramenti in termini di forza muscolare e di mobilità articolare e, più in generale, sui sintomi correlati al tumore. La nostra esperienza nella pratica clinica conferma questi dati e riteniamo che anche la riduzione del tempo di ospedalizzazione derivante dall'utilizzo di questa terapia sia un parametro importante da considerare”.

Positivo anche il commento congiunto delle Associazioni che rappresentano i pazienti italiani affetti da neurofibromatosi, ANANAS, Associazione Nazionale Aiuto per la Neurofibromatosi amicizia e solidarietà, A.N.F. – Associazione Neuro Fibromatosi e Associazione LINFA Lottiamo insieme contro le neurofibromatosi: “Accogliamo con grande soddisfazione la notizia dell’approvazione di una nuova soluzione terapeutica. La neurofibromatosi ha un impatto drammatico sulla vita di chi ne è affetto e i neurofibromi plessiformi, spesso a evoluzione rapida, possono incidere significativamente anche sui più semplici gesti quotidiani e porre seri ostacoli alla socialità. Ecco perché una terapia farmacologica innovativa, come quella oggi disponibile in Italia, dà nuove speranze ai pazienti, soprattutto ai più giovani, e alle loro famiglie”.

“La rimborsabilità di selumetinib è un risultato importante per i bambini affetti da neurofibromatosi di tipo 1 con neurofibromi plessiformi non operabili e testimonia il costante impegno di Alexion nel fornire farmaci trasformativi per le malattie rare”, afferma Anna Chiara Rossi, VP & General Manager Italy, Alexion, AstraZeneca Rare Disease. “Siamo orgogliosi di veder confermato il valore di questo impegno, che si esprime tanto nell’ambito dell’innovazione scientifica quanto nella collaborazione con le istituzioni sanitarie, per rendere disponibili i frutti di questa innovazione ai pazienti che ne hanno bisogno”. Selumetinib è approvato negli Stati Uniti, nell'Unione Europea, in Giappone, Cina e in diversi altri paesi per il trattamento di pazienti pediatrici con NF1 e PN sintomatico e non operabile.



TAG: AIFA, RIMBORSABILITà FARMACI, ASTRAZENECA, FARMACI, MALATTIE RARE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/04/2024

Agonisti del recettore del GLP-1 (dulaglutide, exenatide, liraglutide, lixisenatide e semaglutide): per il Prac dell'Ema le evidenze a disposizione non supportano la correlazione con pensieri e...

A cura di Redazione Farmacista33

15/04/2024

Una ricerca americana ha analizzato gli effetti degli interventi con antidepressivi, con psicoterapia o con l’approccio combinato dei due trattamenti in pazienti con ansi a e depressione e...

A cura di Sabina Mastrangelo

11/04/2024

L’efficacia dei beta-bloccanti nel trattamento dei pazienti colpiti da infarto del miocardio, considerata uno dei pilastri nella cura di eventi...

A cura di Redazione Farmacista33

11/04/2024

L’Agenzia italiana del farmaco ha approvato glofitamab, primo anticorpo bispecifico a durata fissa per il trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o ...

A cura di Giuseppe Tandoi

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Autunno in salute

Autunno in salute

A cura di Metagenics

Firmato nuovo accordo quadro per un’offerta dedicata alle parafarmacie italiane gestionale di ultima generazione, tra le sigle sindacali da MNLF, FEDERFARDIS...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top