Login con

diabete

20 Dicembre 2023

Dolore neuropatico nel diabete: benefici dai semi di Nigella sativa (cumino)

La neuropatia diabetica è una delle complicanze più comuni del diabete. I farmaci sintetici disponibili sul mercato hanno effetti collaterali e limitazioni per i pazienti diabetici 


La neuropatia diabetica è una delle complicanze più comuni del diabete. I farmaci sintetici disponibili sul mercato hanno effetti collaterali e limitazioni per i pazienti diabetici, la maggioranza dei quali appartiene alla fascia di età più alta. Dai semi della pianta medicinale Nigella sativa (comunemente nota come seme nero, cumino nero o Kalonji) si ricava un olio, i cui componenti principali sono p-cimene (circa 37%) e timochinone (circa 14%), utilizzato per trattare varie malattie.

Secondo la medicina persiana, la N. sativa ha effetti benefici sul dolore neuropatico e sui disturbi neurologici. In particolare, una revisione della letteratura mostra che il consumo di N. sativa, in varie forme, può aiutare i pazienti diabetici, riducendo l'appetito, l’assorbimento intestinale del glucosio, la gluconeogenesi epatica, i livelli di zucchero nel sangue, il colesterolo, i trigliceridi e il peso corporeo. Pertanto, in questo studio clinico in doppio cieco, Khodaie e collboratori hanno valutato l'effetto di somministrazioni topiche di N. sativa per otto settimane (tempi di follow up dopo 2, 4 e 8 settimane di trattamento) su 120 pazienti con neuropatia diabetica. I pazienti sono stati divisi in tre gruppi. Il primo gruppo ha ricevuto un prodotto topico a base di N. sativa sotto forma di unguento, al secondo gruppo è stato somministrato un placebo topico e il terzo ha ricevuto capsule di gabapentin da 300 mg. Per preparare un estratto acquoso, 100 grammi di semi di N. sativa sono stati bolliti per 20 minuti in un litro di acqua distillata. Dopo il raffreddamento e la filtrazione, il preparato è stato condensato mediante evaporatore rotante e l’estratto concentrato è stato usato per preparare un unguento al 10% di N. sativa. La cecità è stata effettuata nel primo e nel secondo gruppo. La neuropatia diabetica (DPN) è stata valutata prima e dopo il trattamento utilizzando il Michigan Neuropathy Screening Instrument (MNSI). Un punteggio MNSI ≥ 2.5 indicava presenza di DPN. Nel gruppo di pazienti che ha ricevuto il prodotto topico a base di N. sativa, l’intensità dei sintomi correlati a DPN è risultata ridotta per tutti i sintomi, tranne per la capacità di distinguere l’acqua calda da quella fredda. In particolare, è stata riscontrata una diminuzione statisticamente significativa del dolore eperdermico (che si verifica quando le coperte toccano le zone interessate) e del dolore alle gambe in movimento solo nel gruppo che ha ricevuto il prodotto topico di N. sativa e non negli altri due gruppi di trattamento.

Questo studio, quindi, ha mostrato come l'uso topico di N. sativa produca un miglioramento dei sintomi nei pazienti con neuropatia diabetica. Gli autori riportano come limite principale dello studio, la sua concomitanza con la pandemia di COVID-19; infatti, per ridurre il rischio di infezione, tutti i follow-up, ad eccezione della prima visita, sono stati effettuati telefonicamente. D’altra parte, l'uso topico del preparato rappresenta un punto a favore per pazienti che hanno difficoltà con l’uso di farmaci per via orale. Infine, la somministrazione topica di N. sativa non ha causato alcun effetto collaterale specifico, per cui viene riportata considerata come una potenziale opzione per trattare la neuropatia diabetica.  

Khodaie SA, Nikkhah H, Namiranian N, Abotorabi M, Askari M, Khalilzadeh SH, Khatibi Aghda A, Kamalinejad M. Topical Nigella sativa L. product: a new candidate for the management of diabetic peripheral neuropathy. Inflammopharmacology. 2023 Nov 13. doi: 10.1007/s10787-023-01338-2.  

Valentina Maggini

CERFIT AOU
Careggi  

TAG: DIABETE, DOLORE, PIANTE, NIGELLA SATIVA, FITOTERAPIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

05/04/2024

Il carciofo e il cardo sono piante erbacee perenni della famiglia delle Asteraceae le cui foglie sono state utilizzate nelle medicine tradizionali come depurativi

A cura di Fabio Milardo - erborista

22/03/2024

L'echinacoside, componente dell’echinacea, ha potenziali proprietà neuroprotettive ma anche di osteogenesi e angiogenesi

A cura di Fabio Milardo - erborista

14/03/2024

Nei paesi industrializzati il miglioramento dell’attesa di vita ha determinato un incremento dell’invecchiamento della popolazione associato ad un costante aumento delle patologie...

14/03/2024

La sinefrina e l’octopamina, molecole strutturalmente affini all’efedrina, sono normalmente presenti negli astratti del Citrus aurantium spp.

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

lL nuova linea di micronutrienti - Krono∙S

lL nuova linea di micronutrienti - Krono∙S

A cura di Giusto

Cube Labs, venture builder italiano nel settore Life Science, e FTherapeutics, cluster di società spagnolo specializzato in consulenza per la scoperta e lo sviluppo di nuovi farmaci, hanno...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top