Login con

farmaceutica

26 Aprile 2024

Farmaceutica, Europa più competitiva e resiliente: le strategie da adottare secondo Efpia

Efpia e le aziende e associazioni che ne fanno parte hanno chiesto al Consiglio Europeo di garantire la resilienza economica dell'Unione europea, la sua competitività globale, la sua leadership tecnologica e la sua attrattività come sede di affari

di Cristoforo Zervos


Farmaceutica, Europa più competitiva e resiliente: le strategie da adottare secondo Efpia



Efpia e le aziende e associazioni che ne fanno parte, sostengono l'appello dei leader dell'UE per un nuovo Patto Europeo per la Competitività e richiedono una strategia dedicata alla Salute e alle Scienze della Vita come parte di una strategia più ampia. Dettagliata nelle conclusioni della Riunione Speciale del Consiglio Europeo (17-18 aprile 2024), la richiesta mira a garantire la resilienza economica dell'Unione, la sua competitività globale, la sua leadership tecnologica e la sua attrattività come sede di affari.

Nello specifico, parlando delle conclusioni del Consiglio, la direttrice generale di EFPIA, Nathalie Moll, ha dichiarato: "È evidente che i leader dell'UE sono profondamente consapevoli della sfida competitiva che l'Europa sta affrontando. Nel nostro settore, abbiamo assistito a una riduzione del 25% della nostra quota di investimenti globali in R&D negli ultimi vent'anni. Considerando che il settore contribuisce più di ogni altro al saldo commerciale dell'UE, le poste in gioco non potrebbero essere più alte. Nel contesto dell'elaborazione dell'Agenda Strategica 2024-2029, l'Unione Europea sta valutando l'introduzione di un innovativo ‘Patto per la Competitività’. Al suo interno, si prevede l'implementazione di una specifica strategia dedicata alla Salute e alle Scienze della Vita. Questa mossa strategica è vista come un potenziale catalizzatore per contrastare il declino in corso, rovesciare le tendenze negative e fondare un'Europa più salubre, competitiva e resistente alle sfide future.

Perché una strategia dedicata alla salute e alle scienze della vita?

Oltre ad essere uno dei maggiori contribuenti al bilancio commerciale dell'UE, il settore è unico nel creare valore sociale migliorando la salute, oltre a guidare la crescita. Inoltre, reinveste una percentuale maggiore di entrate in ricerca e sviluppo rispetto a qualsiasi altro settore, impiegando 2,7 milioni di persone altamente qualificate in tutta Europa e favorendo un ecosistema di piccole aziende biotecnologiche, ospedali universitari e accademici. Un'industria farmaceutica basata sulla ricerca sarà cruciale affinché l'Europa riacquisti la sua competitività e costruisca resilienza economica e sanitaria di fronte all'insicurezza globale continua.

È ora di colmare il divario

Negli ultimi anni, altre regioni del mondo come gli Stati Uniti e la Cina sono diventate più competitive e attraenti per gli innovatori. Stiamo assistendo a un crescente trasferimento di risorse come ricerca e sviluppo, prove cliniche, produzione avanzata e competenze scientifiche e accademiche verso aree con strategie più ambiziose per le scienze della vita. L'appello alla Commissione per fornire valutazioni d'impatto e controlli sulla competitività di alta qualità potrebbe essere arrivato troppo tardi per la formulazione della revisione della Legislazione Farmaceutica dell'UE, tuttavia il Consiglio ha l'opportunità, finalizzando la propria posizione sulla proposta, di garantire che questa nuova legislazione potenzi, piuttosto che degradare, la competitività europea per una delle industrie più grandi e strategicamente importanti della regione.

Moll ha continuato affermando: "Questo chiaro segnale dei leader dell'UE deve riflettersi nelle priorità della Commissione per il prossimo mandato. Dobbiamo creare condizioni che favoriscano e stimolino la ricerca e lo sviluppo nella regione, supportando investimenti in produzione sostenibile di alta tecnologia mantenendo catene di approvvigionamento globali aperte. L'Europa ha disperatamente bisogno di un patto per la competitività con una strategia sanitaria e di scienze della vita completa per un futuro più sano, resiliente e competitivo".

https://www.efpia.eu/news-events/the-efpia-view/statements-press-releases/efpia-swings-behind-council-s-call-for-a-european-competitiveness-deal/

TAG: UNIONE EUROPEA, EFPIA, LEGISLAZIONE, MERCATO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

13/05/2024

Approvato dall’Assemblea annuale dei Soci Unifarco il bilancio 2023 con ricavi consolidati a 165,5 milioni (+12,6%), EBITDA a 22 milioni (+20,0%) e utile a 7,7 milioni (+1,9%)

A cura di Redazione Farmacista33

13/05/2024

Talea group lancia nuova linea di prodotti a marchio Farmaè, punta prevalentemente sul segmento degli integratori, che rappresentano il 36% del fatturato di Gruppo 

A cura di Redazione Farmacista33

10/05/2024

Nella settimana numero 18 il mercato del canale farmacia è in graduale risalita con un recupero di oltre 2 punti. In crescita anche gli ingressi: +4,4%: Monitoraggio di New Line Ricerche di Mercato...

A cura di Redazione Farmacista33

10/05/2024

La Francia, pochi giorni fa, ha avanzato una proposta per incrementare gli sforzi volti a ricollocare la produzione di farmaci considerati essenziali a livello europeo

A cura di Cristoforo Zervos

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Per il benessere della gola irritata

Per il benessere della gola irritata

A cura di Lafarmacia.

Sono diversi gli aspetti in cui il farmacista può intervenire quando si parla di gestione del dolore cronico1. Con il suo contributo, questo operatore sanitario può avere un impatto positivo sulla...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top