Login con

Farmacisti

20 Ottobre 2022

Gemmato: difendere la farmacia è difendere il diritto alla salute


«Oggi difendere la farmacia italiana significa difendere il diritto alla salute del popolo italiano. Non è difesa di interessi di bottega o attività lobbistica: mentre in pandemia altre professioni sanitarie sparivano e lasciavano buchi assistenziali sul territorio, noi farmacisti, in ogni angolo del Paese, eravamo sempre presenti, facendo tamponi e quant'altro. La nostra è una comunità umana prima che professionale». L'intervento di Marcello Gemmato, responsabile sanità di Fratelli d'Italia, era il più atteso nella serata di apertura di FarmacistaPiù, visto che spetterà con ogni probabilità alla leader del suo partito la guida del governo che a breve verrà insediato.

E Gemmato, in un lungo intervento all'interno del dibattito tra i farmacisti parlamentari, parla chiaro. Sulle Case della comunità previste dal Pnrr come asset principale della medicina territoriale: «Aprire 1.350 case di comunità sul territorio significa che ognuna di esse avrebbe un bacino di utenza di 40/50.000 abitanti. Ma questa non è una medicina di prossimità, si rischia di creare delle cattedrali nel deserto. Farmacie territoriali e Medici di medicina generale sono già essi case di comunità. Senza contare che quelle che si vogliono istituire necessitano di fondi per la spesa ordinaria, non previsti però dal Pnrr: personale, energia e via dicendo. Mi rendo conto che il Piano di ripresa e resilienza non è modificabile ma un indirizzo si può pure indicare». La farmacia italiana, per Gemmato, deve avere l'ambizione di rappresentare un partner primario del Servizio sanitario nazionale: «Abbiamo fatto i tamponi a 15 euro, nel pubblico lo stesso tampone quanto costava? Possiamo offrire le stesse prestazioni del servizio pubblico alla metà del costo, e mantenendo un certo margine. Farmacia edi servizi sì ma servizi complessi: in questo senso possiamo anche contribuire a snellire le liste d'attesa». Fermo restando che «la farmacia vive di farmaco: il trinomio farmaco-farmacia-farmacista va sempre salvaguardato. I farmaci devono tornare in farmacia: innovativi, antitumorali... Tanto più che l'indagine parlamentare che ho avviato nella precedente legislatura su distribuzione diretta e per conto, e che non si è conclusa a causa della caduta del governo Draghi, stava dimostrando che con la "diretta" non vi è risparmio, semmai disagi per il cittadino: orari limitati di apertura, lontananza dalle strutture pubbliche». Chiude Gemmato facendo cenno al rischio che l'industria farmaceutica, settore primario dell'economia nazionale, riduca gli investimenti in Italia. Tra le cause il permanere di meccanismi assurdi come quello del payback.

 

Fondi per la sanità: non tornare al pre pandemia

Roberto Bagnasco, farmacista e parlamentare di Forza Italia, manifesta anch'egli molti dubbi sulle Case di comunità, che rischiano di essere scatole vuote, mancando i denari per renderle effettivamente operative. Ma il timore principale è che, dopo il periodo particolare dell'emergenza Covid, che ha visto la sanità pubblica ricevere ingenti finanziamenti, ora si torni alla situazione pre pandemia: «Non si tratta di spese ma di investimenti sulla salute pubblica ma i fondi che si prevede di stanziare nei prossimi anni non sono sufficienti, bisogna dirlo apertamente». Il rilancio della professione del farmacista, a volte denigrata ingiustamente, è stato evidente, grazie alle vaccinazioni e ai tamponi in farmacia ma quelli che ci attendono, secondo Bagnasco, non sono tempi facili: «Non vi nascondo che ci sono parecchie nubi da affrontare»

Due gli spunti di discussione forniti da Carlo Maccari, farmacista di Fratelli d'Italia. Il primo sulla farmacia dei servizi, ottima cosa nei principi ma di realizzazione assai variegata sul campo: «Bisogna uniformare le regole su tutto il territorio nazionale, mentre qui normative e tariffe sui servizi variano da provincia a provincia, creando forti disuguaglianze tra i cittadini che se ne vogliono avvalere». Altro nodo cruciale, la distribuzione del farmaco attraverso il canale pubblico: «La forte regionalizzazione in sanità conseguita alla riforma costituzionale del 2001 fa sì che ogni Regione intraprenda politiche tutte sue, comprese quelle che coinvolgono Poste Italiane per la consegna del farmaco. E un domani, perché no, Amazon o altri operatori globali».

Infine Marta Schifone, farmacista campana, anch'essa di Fratelli d'Italia, riconosce alla Fofi e alla gestione di Andrea Mandelli la lungimiranza di avere puntato l'obiettivo, anni fa, sulla farmacia dei servizi: «Un traguardo alla fine raggiunto, una grande intuizione della Federazione».

Giuseppe Tandoi

TAG: FARMACIA DEI SERVIZI, DISTRIBUZIONE PER CONTO, FARMACISTAPIù, SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE, DISTRIBUZIONE DIRETTA, SERVIZIO SANITARIO REGIONALE, MARCELLO GEMMATO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/04/2024

Farma Lavoro e Edra presentano un evento per valorizzare il ruolo chiave del farmacista nella società moderna. Appuntamento a Roma il 23 aprile presso l'Auditorium dello Stato maggiore...

A cura di Redazione Farmacista33

16/04/2024

Rinnovate le indicazioni per la contribuzione all’Ente bilaterale prevista dal contratto nazionale delle farmacie private, che è obbligatoria. Anche per quest’anno vengono confermate le...

A cura di Francesca Giani

11/04/2024

Ci sono delle novità emerse dalle ultime riunioni della Commissione nazionale Ecm, che ribadiscono anche le modalità di conteggio dei crediti da spostamento ...

A cura di Francesca Giani

10/04/2024

In alcune università sono previste le prove pratico valutative e le sessioni di laurea per gli studenti di Farmacia e Ctf che abbiano optato per il percorso...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Affrontare la stitichezza nei cambi di stagione - Fave di Fuca

Affrontare la stitichezza nei cambi di stagione - Fave di Fuca


Nasce l’Executive Master in “Clinical pharmacy - management dei disturbi minori e della farmacia dei servizi” un percorso promosso da Milano School of management dell’università statale di...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top