Login con

Farmacisti

28 Gennaio 2023

Reazioni avverse ai farmaci: allergie agli antibiotici, come riconoscerle. Ecco cosa bisogna sapere


Le allergie ai farmaci sono in molti casi autoriportate soprattutto per gli antibiotici. Quali sono segni e sintomi di allergia agli antibiotici?


Le allergie ai farmaci sono in molti casi autoriportate e questo succede in modo particolare per gli antibiotici. Nei Paesi ad alto reddito, a riferire un'allergia alla penicillina è il 5-15% dei pazienti, ma, nella maggior parte dei casi (> 95%), per questi pazienti eÌ altamente probabile che sia tollerata una nuova esposizione. La sovradiagnosi di allergie non è rara e tale situazione ha conseguenze importanti, comportando spesso l'uso non necessario di antibiotici alternativi. Ma quali sono segni e sintomi di allergia agli antibiotici? Quali le manifestazioni di minore entità che possono essere riferite ai farmacisti?

Allergia agli antibiotici: cosa è importante sapere

L'allergia agli antibiotici spesso eÌ sovradiagnosticata - anche se non va dimenticato che, pur essendo quelle gravi (es. shock anafilattico) rare, tali farmaci sono la causa più comune di reazioni immunologicamente mediate potenzialmente letali. La sovradiagnosi di allergia ha, comunque, conseguenze importanti, soprattutto perché l'erronea definizione di un paziente come allergico a un antibiotico spesso comporta l'uso non necessario di antibiotici alternativi. Alternative che possono essere meno efficaci per l'infezione da trattare e possono esporre il paziente ad altri effetti collaterali, a volte più tossici.
Per questo è di particolare importanza la diffusione di informazioni e buone pratiche e la preparazione degli operatori sanitari più a contatto con i pazienti. Al tema, non a caso, è dedicato un focus nel "Manuale antibiotici AWaRe", l'edizione italiana curata da Aifa del volume dell'OMS presentata settimana scorsa, che contiene raccomandazioni per gli operatori sanitari - farmacisti inclusi - per promuovere la cultura di un utilizzo ottimale e parsimonioso degli antibiotici.

Sovradiagnosi: in quali antibiotici sono più frequenti e come ridurle

Come emerge dal Manuale, le allergie ai farmaci - specialmente per gli antibiotici - sono spesso autoriportate, e "nelle cartelle cliniche, i pazienti sono spesso definiti come allergici a determinati antibiotici (in particolare ai beta-lattamici e ai sulfamidici) sulla base di una storia di allergia non verificata, vaga, sconosciuta o datata (ad es. > 10 anni) riportata dal paziente, il più delle volte di eruzioni cutanee. Nella maggior parte dei casi, questi pazienti non hanno una vera allergia all'antibiotico e possono tollerarlo in sicurezza. Anche perché, per quanto riportato dai pazienti esistono spesso spiegazioni alternative. Inoltre, è importante tenere presente che anche le vere allergie non sempre sono di lunga durata e possono diminuire o scomparire con il tempo (> 10 anni). Purtroppo, la maggior parte dei pazienti con una storia di allergia agli antibiotici non viene valutata per confermare l'esistenza (o la persistenza) dell'allergia.
In generale, gli antibiotici beta-lattamici sono tra i medicinali più efficaci e sicuri per molte infezioni ma sono anche quelli su cui è più frequente la sovradiagnosi di allergia. Evitare l'uso di questa classe, a meno che non sia chiaramente giustificato a causa di una grave allergia, espone il paziente al rischio di non ricevere un trattamento ottimale per la sua infezione.

Segni e sintomi: consigliato "un passaporto per le allergie" per il paziente

A ogni modo, segni e sintomi di allergia agli antibiotici possono variare in base alla gravitaÌ e possono andare da reazioni lievi gestibili in modo sicuro in ambito ambulatoriale con o senza necessitaÌ di trattamento sintomatico (es. antistaminici), a reazioni gravi che richiedono il ricovero in ospedale e anche il ricovero in terapia intensiva. Le reazioni immediate e ritardate possono essere gravi o non gravi.
Per quanto riguarda i sintomi gastrointestinali e il mal di testa non sono generalmente dovuti a una reazione allergica bensì a un'intolleranza all'antibiotico che può variare di intensità da persona a persona, oppure a un'infezione da Clostridioides difficile in caso di diarrea. La maggior parte delle reazioni allergiche agli antibiotici non sono gravi e spesso si presentano come lievi reazioni cutanee (più comunemente lievi eruzioni cutanee, orticaria e prurito) senza sintomi sistemici. Le reazioni gravi sono rare ma sono potenzialmente letali. Possono essere immediate o ritardate dopo la somministrazione dell'antibiotico.
In generale, si devono sospettare reazioni gravi immediate se c'eÌ coinvolgimento delle vie aeree, broncospasmo, respiro sibilante, angioedema (gonfiore del tessuto sottocutaneo con o senza orticaria) o anafilassi. Di solito, queste reazioni si sviluppano meno di 4 ore dopo l'assunzione dell'antibiotico.
Si devono invece sospettare reazioni gravi ritardate nei pazienti che hanno assunto un antibiotico e presentano sintomi cutanei gravi (es. un'eruzione cutanea dolorosa con vescicolazioni) e febbre, dolore articolare o segni di coinvolgimento d'organo (es. epatite). La trombocitopenia (bassa conta piastrinica), anemia emolitica (distruzione dei globuli rossi) e segni e sintomi di epatite o nefrite nei casi gravi sono indicativi di coinvolgimento d'organo. Di solito, queste reazioni si sviluppano più di 24 ore dopo l'assunzione dell'antibiotico.

Tutti i pazienti definiti allergici, a ogni modo, devono essere valutati attentamente e deve esserne determinato il livello di rischio di allergia agli antibiotici. I pazienti possono essere classificati in tre categorie di rischio per l'allergia agli antibiotici: rischio basso, moderato e alto. Il paziente deve essere istruito sugli eventuali antibiotici da evitare, e dovrebbe ricevere, se possibile, informazioni scritte, per esempio in un "passaporto per le allergie".

Francesca Giani

TAG: ALLERGIA AGLI ANTIBIOTICI, REAZIONI AVVERSE AI FARMACI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Una valida integrazione anche nei mesi più freddi

Una valida integrazione anche nei mesi più freddi

A cura di Lafarmacia.

La Sifap precisa che, in caso di carenza, se si ricorre a un preparato magistrale per medicinali a base di enzimi pancreatici la capsula deve avere...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top