Login con

Nutrizione

23 Aprile 2024

Aglio nero. Proprietà antinfiammatorie e antiossidanti degli estratti bioattivi

Una review fa il punto sui composti bioattivi e sui potenziali benefici della forma ‘invecchiata’ dell’Allium sativum

di Sabina Mastrangelo


Aglio nero. Proprietà antinfiammatorie e antiossidanti degli estratti bioattivi

L’aglio nero, la forma fermentata a temperatura e umidità predefinite dell’aglio, avrebbe proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, con potenziale attività anti cancro, grazie alla formazione di composti bioattivi derivanti dal processo di ‘invecchiamento’. A mostrarlo, in una review pubblicata sull’International Journal of Molecular Sciences, sono Agnieszja Stepien e colleghi dell’Università di Rzeszow, in Polonia. 

L’aglio nero e le sue proprietà
L’aglio nero è la forma fermentata dell’Allium sativum, sottoposto a un processo a temperature e grado di umidità definiti, per un determinato periodo di tempo. In questo modo, l’aglio perde il sapore pungente che lo caratterizza, derivato dalla presenza di alliina, oltre a perde il caratteristico odore, mentre la consistenza diventa da gommosa a gelatinosa e il colore si scurisce tra marrone e nero.

Negli ultimi anni c’è stato un crescente interesse verso le proprietà benefiche sulla salute dell’aglio nero in quanto ricco di diversi composti bioattivi, principalmente con attività antiossidante. Come conseguenza del processo di fermentazione, infatti, il profilo chimico cambia rispetto all’aglio fresco, a favore fenoli, flavonoidi, piruvato, S-allil-cisteina (SAC) e S-allil-mercaptocisteina dalle proprietà antiossidanti. Inoltre, l’aglio nero presenta un maggior contenuto di composti organici contenenti zolfo. 

 Attività antiossidante e antinfiammatorie dell’aglio nero
I composti antiossidanti presenti nell’aglio nero sarebbero responsabili dell’effetto di contrasto degli effetti dannosi legati alle specie reattive dell’ossigeno che, se non tenute sotto controllo, possono portare a stress ossidativo che a sua volta può essere responsabile di infiammazione e tumori. Secondo i ricercatori polacchi, però, il metodo di preparazione dell’aglio nero influisce sull’attività antiossidante. Così, quando viene utilizzata l’acqua come solvente, l’aglio tenderebbe ad avere proprietà antiossidanti più elevate rispetto a quando si utilizza l’alcool. 

Per quel che riguarda, invece, l’attività antinfiammatoria, i responsabili di questa proprietà sarebbero il piruvato e la SAC che sono in grado di sopprimere la produzione di citochine pro infiammatorie. E questa azione antiinfiammatoria si estenderebbe ad altri livelli, con l’aglio nero che sarebbe in grado di regolare efficacemente i livelli di zucchero nel sangue, ridurre la perossidazione lipidica e mitigare lo stress ossidativo. Di conseguenza, l’aglio nero potrebbe essere un prezioso componente nella gestione o nella prevenzione delle condizioni associate ad infiammazione cronica, come concludono gli stessi autori. 

Stepien A. E. et al., Anti-cancer and anti-inflammatory properties of black garlic. International Journal 

TAG: INTEGRATORI, SALUTE, NUTRIZIONE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

07/05/2024

Un nuovo studio, condotto dai ricercatori della Concordia University e pubblicato sulla rivista Physical Activity and Nutrition ha mostrato che l’integrazione di mirtillo rosso migliora le...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

02/05/2024

L’arsenico inorganico è considerato un contaminante alimentare da monitorare per stabile un livello massimo accettabile che non causi effetti avversi nella popolazione. Nel 2009 il gruppo di...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

18/04/2024

L’alimentazione a base vegetale (plant-based) è associata a numerosi benefici per la salute, tra cui il miglioramento della pressione sanguigna, il controllo glicemico, i livelli di lipidi,...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

16/04/2024

Uno studio ha analizzato gli effetti acuti e nel lungo periodo del consumo di biscotti dolcificati con neotamo, stevia rebaudioside M, o saccarosio sulle risposte di appetito ed endocrine in adulti...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Regenerate, contro l'erosione dello smalto

Regenerate, contro l'erosione dello smalto

A cura di Unilever

La cachessia indotta dal cancro può comportare una diminuzione delle funzioni fisiche e del tasso di sopravvivenza e gli effetti terapeutici degli approcci convenzionali, tra cui la farmacoterapia,...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top