Login con

Influenza

12 Gennaio 2024

Sindromi simil-influenzali, circolazione in calo ma ancora alta: verso superamento del picco

Secondo la sorveglianza RespiVirNet l’incidenza delle sindromi simil-influenzali è in calo ma resta alta stiamo superando il picco con circolazione sostenuta anche nelle prossime settimane

di Redazione Farmacista33


Sindromi simil-influenzali, circolazione in calo ma ancora alta: verso superamento del picco

Nella prima settimana del 2024 il numero dei casi di sindromi simil-influenzali è in netto calo, ma sempre nella fascia di intensità alta: l’incidenza è scesa a 16,5 casi per mille assistiti, mentre nella settimana precedente si era raggiunto il picco con 18,3 secondo i dati aggiornati rispetto a quanto diffuso la scorsa settimana a seguito dei ritardi di notifica. Scende anche la proporzione dei campioni positivi ad influenza sul totale dei campioni analizzati (34% vs 46%).  Lo affermano i bollettini della sorveglianza RespiVirNet pubblicati oggi. 

Verso superamento del picco, ma circolazione ancora alta
“Sia i dati epidemiologici che microbiologici sembrano indicare che stiamo superando il picco, anche se è fortemente probabile una circolazione sostenuta anche nelle prossime settimane, facilitata dalla riapertura delle scuole - commenta Anna Teresa Palamara, che dirige il dipartimento Malattie Infettive dell’Iss -. Continuiamo a raccomandare pertanto le vaccinazioni per le persone più a rischio, ancora utili in vista della ‘coda’ della stagione che durerà ancora diverse settimane, e una sana prudenza nei comportamenti. Resta valida la raccomandazione di non assumere antibiotici, inutili in caso di infezioni virali, se non su indicazione del proprio medico, e di recarsi al pronto soccorso solo se strettamente necessario”.

Nel dettaglio la sorveglianza epidemiologica segnala che è stato raggiunto il picco di incidenza di sindromi simil-influenzali (ILI) in Italia nell’ultima settimana del 2023 con un valore di 18,3 casi per mille assistiti. Nella prima settimana del 2024 si osserva, infatti, un netto calo dell’incidenza che è pari a 16,5 casi per mille assistiti (18,3 nella settimana precedente). Si sottolinea che a tale aumento concorrono diversi virus respiratori sebbene predominino quelli dell’influenza (maggiori dettagli nel Rapporto Virologico 2024-01). L’incidenza è in netta diminuzione nelle fasce di età pediatriche e maggiormente nei bambini al di sotto dei cinque anni in cui l’incidenza è pari a 33,6 casi per mille assistiti (47,2 nella settimana precedente), stabile negli adulti e anziani. Tutte le Regioni/PPAA, tra quelle che hanno attivato la sorveglianza, registrano un livello di incidenza delle sindromi simil-influenzali sopra la soglia basale. Scendono a due le Regioni/PPAA in cui è stata raggiunta la soglia di intensità “molto alta” dell’incidenza (Abruzzo, Sardegna).
“Anche se è sempre difficile fare previsioni sull’andamento della stagione, un calo così netto fa pensare che il picco sia stato raggiunto – afferma Antonino Bella, responsabile della sorveglianza epidemiologica RespiVirNet e curatore del bollettino epidemiologico -. Sono comunque possibili oscillazioni al rialzo, soprattutto nei bambini, favorite dalla riapertura delle scuole”.

Virus circolanti: influenza tipo A e B, sarsCov2, Rsv
Per quanto riguarda il monitoraggio dei virus circolanti, nella settimana 01/2024, la percentuale dei campioni risultati positivi all’influenza sul totale dei campioni analizzati risulta pari al 34%. Tra i virus influenzali, quelli di tipo A risultano largamente prevalenti (99%) rispetto ai virus di tipo B e appartengono per la maggior parte al sottotipo H1N1pdm09. Tra i campioni risultati positivi dall’inizio della stagione, il 19% è positivo per SARS-CoV-2, il 12% per RSV, il 44% per influenza A, mentre i rimanenti sono risultati positivi per altri virus respiratori.

“I dati virologici confermano che i virus influenzali prevalgono tra quelli respiratori circolanti – afferma Simona Puzelli, responsabile della sorveglianza virologica RespiVirNet e curatrice del report virologico -. In particolare, tra i virus influenzali di tipo A il sottotipo prevalente è H1N1pdm09, che rappresenta il 77,7% di tutti i virus influenzali identificati finora nella stagione 2023-2024”:       

Per saperne di più
https://respivirnet.iss.it/pagine/rapportoInflunet.aspx 

TAG: INFLUENZA, INFLUENZAVIRUS A, TOSSE, RAFFREDDORE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

05/04/2024

L'Italia investe nella formazione universitaria l'1,5% della spesa pubblica, contro il 2,3% della media Ue: si posiziona sotto Germania, Francia e Spagna. I...

A cura di Francesca Giani

05/04/2024

Uno studio recente, presentato durante la 14° Conferenza Europea sul Cancro al Seno,  evidenzia l’importanza di includere l’esercizio fisico come parte integrante della cura ...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

05/04/2024

Il nuovo Codice della strada ha ricevuto il primo via libera ed è arrivato alcuni giorni fa alla Camera: prevede una revisione del concetto di “condotta...

A cura di Redazione Farmacista33

04/04/2024

Le terapie digitali rappresentano un’opportunità per l’assistenza domiciliare del paziente cronico e sono un approccio particolarmente innovativo in cui gli “algoritmi” possono diventare...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Delicatezza, protezione e rispetto per tutti i tipi di pelle

Delicatezza, protezione e rispetto per tutti i tipi di pelle

A cura di Viatris

Uno studio recente, presentato durante la 14° Conferenza Europea sul Cancro al Seno,  evidenzia l’importanza di includere l’esercizio fisico come parte integrante della cura ...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top