Login con

Politica e Sanità

23 Luglio 2015

Prezzi farmaci, Rossi (Toscana): diritto delle Regioni negoziare sconti


«Le case farmaceutiche tengono troppo alto il costo del farmaco salvavita che sconfigge l'epatite C e la Regione Toscana ha messo a gara il farmaco per garantire, a prezzi più bassi, l'accesso a una popolazione più ampia rispetto a quella prevista dal piano nazionale Aifa». Lo ha sottolineato Enrico Rossi, presidente della Regione in un post sul suo profilo Facebook dopo l'audizione in Commissione Sanità al Senato sui nuovi farmaci contro l'epatite C e l'obiettivo dell'eradicazione. «Noi ci avvarremo di quel piano, ma vogliamo fare di più, perché eradicare nel più breve tempo possibile la malattia è guadagno di salute e risparmio per il Sistema sanitario nazionale», afferma invitando le altre Regioni a fare altrettanto: «L'Aifa non ha tra le sue funzioni quella di proteggere prezzi e assetti di mercato impedendo la possibilità di ulteriori sconti su ulteriori forniture. Pertanto io invito anche le altre Regioni a seguire l'esempio della Toscana. In gioco ci sono valori fondamentali e la salute dei nostri concittadini». Obiettivo della Regione è «curare tutti i 26.000 malati di epatite C toscani nel più breve tempo possibile. L'Aifa, che fissa e contratta il prezzo massimo di rimborso a carico del Ssn, ha già fatto questo per tutta Italia e per la Toscana, cui spettano 3.500 pazienti da trattare entro un anno e mezzo. Malati a cui le nostre strutture somministreranno il farmaco ai prezzi trattati dall'Agenzia nazionale». Ma le considerazioni di Rossi vanno oltre. «Vogliamo fare di più e somministrare il farmaco ad una popolazione ben più ampia. Le Regioni hanno tutto il diritto di poter negoziare ulteriori sconti, ottenere un prezzo più basso e garantire così un maggiore accesso a queste cure essenziali. Cosa deve fare la Sanità pubblica se non garantire farmaci salvavita a chi ne ha bisogno? Il monopolio può quindi essere rotto mettendo in competizione più imprese. Impedire questo processo ha, a mio parere, implicazioni etiche e penali».

Marco Malagutti

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

L'efficacia di probiotici - Simbios

L'efficacia di probiotici - Simbios

A cura di Dr. Schar

Si svolge dal 13 al 19 maggio 2024 la Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale, promossa dalla World Action on Salt, Sugar and Health (WASSH), 

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top