Login con

Politica e Sanità

24 Marzo 2017

Professione farmaceutica, Mallarini (Sda Bocconi): no a derive commerciali


Le farmacie sono una grande opportunità per il sistema sanitario ma non sono percepite come tali. A ricordarlo a margine della presentazione di una ricerca sull'evoluzione della professione farmaceutica tra stato e mercato nel corso di FarmacistaPiù la prof.ssa Erika Mallarini della Sda Bocconi. «Oggi in tutti i paesi» sottolinea Mallarini «i sistemi sanitari sono costretti ad evolvere perché stanno cambiando i bisogni sanitari dei cittadini. Questo non rappresenta un fallimento del Ssn italiano o dei sistemi pubblici in generale bensì una naturale evoluzione. Nella ricerca abbiamo cercato di capire come si stanno evolvendo i sistemi e come il sistema pubblico si sta integrando con il privato dal punto di vista dell'offerta e dei sistemi assicurativi per coprire al meglio le esigenze dei cittadini» spiega la docente della Bocconi. Tra gli aspetti più rilevanti della ricerca la percezione della farmacia da parte dei direttori generali e delle istituzioni che sta cambiando profondamente e non in meglio per la categoria.

«È così» conferma l'esperta «prima era percepita come presidio dal 60% oggi solamente il 2% degli interpellati la considera tale. Per il 98% si tratta di un esercizio commerciale convenzionato». Numeri di cui tenere conto perché come spiega Mallarini profilano il rischio che «la farmacia venga tagliata fuori dal sistema, dalla governance e dalla gestione del territorio. Un esempio emblematico è rappresentato dai modelli di gestione delle cronicità che di fatto non prevedono le farmacie. Per questo» conclude è importante che i farmacisti facciano quello che sanno fare: sono grandi professionisti della salute, sono quelli che maggiormente si formano in ambito sanitario e hanno grande fiducia da parte dei cittadini quindi possono combinare competenza e fiducia. Una deriva commerciale nei loro comportamenti è estremamente rischiosa» conclude Mallarini «anche i cittadini, oltre alle istituzioni, iniziano a perdere fiducia. Se perde la farmacia perdono tutti, in primo luogo i cittadini».


Marco Malagutti

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Giornate frenetiche?  Ritrova la giusta carica

Giornate frenetiche? Ritrova la giusta carica

A cura di Viatris

Nuove dinamiche all'interno della farmacia con l'ingresso di farmacisti GenZ e Millennials. I risultati di una indagine condotta da Kantar

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top