Login con

Politica e Sanità

03 Novembre 2017

Vaccino antinfluenzale, Piemonte alza il numero di dosi da dispensare a Mmg


Il Piemonte viene incontro ai medici di famiglia e ai pazienti nella campagna antinfluenzale. Come ci aggiorna Federfarma regionale, l'Assessorato alla Sanità guidato da Antonio Saitta ha deciso di ampliare il numero di dosi distribuite nelle farmacie territoriali ai medici su richiesta di questi ultimi. Le successive alla prima tranche di cento non saranno più 20 per volta, da dispensare solo qualora i medici abbiano somministrato almeno l'80% dei vaccini loro dispensati, ma saranno di più. E varieranno in funzione del risultato vaccinale ottenuto dal medico nella campagna dello scorso anno: cento dosi ai medici che abbiano somministrato l'80% dei vaccini dispensati e che già nel 2016 avevano vaccinato da 200 pazienti in su, e 50 dosi per chi ha completato l'80% delle immunizzazioni e nel 2016 aveva vaccinato meno di 200 pazienti. Beninteso, l'avvenuta somministrazione dovrà essere accertata sul terminale collegato al sistema d'accoglienza dati regionale dal farmacista della farmacia territoriale chiamata alla dispensazione dal 6 novembre, data d'inizio della distribuzione dei vaccini antinfluenzali, nell'ambito di una campagna che si chiuderà con il 31 dicembre. Dalla terza tranche in poi il medico potrà chiedere solo 20 dosi alla volta.

«È un passo avanti importante - spiega il segretario Fimmg Piemonte Roberto Venesia - si contempera la necessità della regione di calibrare le dosi sul fabbisogno senza sprechi e quella di evitare squilibri distributivi; visto che molti di noi dedicano una mattinata alle vaccinazioni, c'era il rischio, esaurite le prime scorte, di doversi recare in farmacia per piccoli lotti e di dire al proprio paziente di tornare tra una settimana». Per Venesia, «se l'obiettivo condiviso da tutti è incrementare l'adesione della popolazione target alle campagne antinfluenzali ci sono due strade soltanto da prendere: rendere accessibile il vaccino negli studi dei medici di famiglia e promuovere un'elevata copertura premiando l'adesione ottenuta in percentuale sugli assistiti nelle fasce a rischio, cioè anziani e cronici».


Mauro Miserendino

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Saugella e Fondazione Francesca Rava insieme

Saugella e Fondazione Francesca Rava insieme

A cura di Viatris

Avviata campagna in Uk per sensibilizzare i pazienti a rivolgersi alle farmacie per trattare sette patologie comuni senza la necessità di consultare il MMG 

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top