Login con

Politica e Sanità

16 Gennaio 2018

Tar Lazio su farmacisti-grossisti, Duchi (avvocato): nessun divieto diretto


La sentenza con cui il Tar Lazio ha respinto il ricorso di numerose farmacie grossiste per l'annullamento del documento "Testo condiviso distribuzione medicinali", siglato l'8 settembre 2016 da istituzioni e filiera, non riconosce al documento alcuna valenza provvedimentale «secondo un'interpretazione che non può incidere sugli interessi dei ricorrenti non vietando loro, direttamente, di fare alcunché». Con questa lettura della sentenza n. 12624 pubblicata il 22 dicembre 2017, l'avvocato Claudio Duchi del Studio Legale Cavallaro, Duchi e Lombardo - Iusfarma interviene sul tema di cosa possano fare le farmacie grossiste spiegando le ragioni per cui la questione non è ancora chiusa. Secondo l'avvocato l'argomento di cosa possano legittimamente fare le farmacie che abbinano alla autorizzazione alla vendita al pubblico l'autorizzazione alla distribuzione intermedia dei medicinali, «è di quelli che, trascinandosi da anni e coinvolgendo problemi giuridici non particolarmente sottili».

Nel caso specifico, aggiunge, «si è trattato di un esito piuttosto scontato» ma la sentenza è stata interpretata «come una negazione definitiva delle pretese delle farmacie grossiste. Ma le cose non stanno così». E spiega: «Il Tar Lazio ha già avuto occasione di affermare che nulla vieta di acquistare i medicinali con il codice univoco delle farmacie e poi trasferirli al distinto magazzino all'ingrosso del medesimo soggetto farmacia-grossista a mezzo di d.d.t. (documento di trasporto interno, ndr.) (ovviamente a titolo gratuito poiché la vendita presuppone che venditore e acquirente siano soggetti diversi) in funzione della successiva vendita a terzi operata in qualità di grossista. Questi aspetti così come tutti gli altri profili di merito non sono stati minimamente affrontati dal Tar Lazio nella sentenza depositata il 22 dicembre scorso che perciò non può essere presentata come un approdo negativo, per di più definitivo, per le farmacie grossiste. La questione dunque non è chiusa e neppure sta prendendo una brutta piega per le farmacie grossiste» conclude l'avvocato.


Simona Zazzetta

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Trattare piccoli incidenti, traumi e contusioni

Trattare piccoli incidenti, traumi e contusioni

A cura di PIC Solution

È stata approvata nei giorni scorsi dalla Conferenza Stato Regioni la ripartizione dei 4 milioni di euro destinati all’esenzione degli sconti per le piccole farmacie con fatturato inferiore a...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top