Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Farmaci biologici con giudizio


I farmaci biologici sono una risorsa fondamentale per chi ha il cancro, ma se non vengono somministrati con appropriatezza, cioè a chi ne ha realmente bisogno, rischiano di togliere speranze ad altri malati. Le risorse sono limitate e occorre essere più pragmatici e impopolari: non è possibile, e forse nemmeno etico, insistere oltre le evidenze scientifiche per inseguire un ipotetico modestissimo beneficio, sottraendo soldi, per esempio, alla prevenzione. A sostenerlo sono gli specialisti aderenti al Collegio italiano primari oncologi medici ospedalieri (Cipomo), a congresso a Verona per discutere di target therapy, appropriatezza della cura e del ruolo delle Regioni in tema di rimborsabilità. Le cure mirate "rappresentano un enorme progresso - sostiene Giorgio Cruciani, presidente del Cipomo nazionale - si è riusciti a individuare un bersaglio specifico e il blocco farmacologico può determinare veramente un vantaggio di sopravvivenza, come nelle leucemie croniche o nel tumore mammario con iperespressione di Her2. Mentre nel caso di farmaci diretti contro un target non essenziale per la replicazione cellulare, cioè nel caso di un''aggiunta ai trattamenti standard - sottolinea l''esperto - spesso si hanno vantaggi clinici poco significativi a fronte di costi molto alti. Un costo che potrebbe portare a un peggioramento della situazione a due velocità tipica della sanità italiana, con Regioni non in grado di sostenere la spesa per queste cure, anche quando servono davvero". "In questo contesto - afferma Salvatore Palazzo del direttivo nazionale Cipomo - si inserisce la problematica del federalismo sanitario. A mio giudizio può rappresentare un''opportunità, ma a saperla sfruttare devono essere innanzitutto i governi regionali, che invece di trincerarsi dietro un facile allarmismo per fondi che non arriveranno mai, dovrebbero aumentare il proprio livello di competenza anche nel raccogliere ulteriori finanziamenti, e istituire un circolo virtuoso di assunzione di responsabilità". "Le regioni hanno un peso eccessivo nelle decisioni sulla rimborsabilità - aggiunge Cruciani - e in questo modo si crea confusione e si stimola il fenomeno della migrazione di pazienti”.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La cellulite non va in vacanza

La cellulite non va in vacanza

A cura di Viatris

Secondo recenti studi, l’artemisinina può trattare la leishmaniosi in forma viscerale. Ecco una formulazione galenica con artemisinina in capsule

A cura di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)

 
chiudi

©2023 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top