Login con

Politica e Sanità

05 Luglio 2019

Abuso oppiacei, in Usa farmacisti inseriti in team multidisciplinari


Abuso oppiacei, negli ospedali Usa il farmacista è figura sempre più presente nelle campagne di lotta all'uso improprio e nel monitoraggio terapeutico

Negli Usa, i farmacisti ospedalieri assumono un ruolo centrale nei sistemi di prevenzione attiva dell'abuso di oppioidi: la loro azione si concentra sull'individuazione dei meccanismi di dirottamento dei farmaci verso il mercato illegale, ma vengono coinvolti anche nelle revisioni dell'utilizzo clinico e nel supporto alla prescrizione. Inoltre, sono partecipi del monitoraggio e della selezione delle terapie appropriate: oltre il 60% degli ospedali assegna i farmacisti a servizi di gestione della terapia farmacologica (monitoraggio dei livelli terapeutici dei farmaci, esiti dei pazienti, monitoraggio eventi avversi, aggiustamento regimi terapeutici.
I risultati emersi dal National Survey of Pharmacy Practice in Hospital Settings, recentemente pubblicato sulla rivista dell'American Society of Health-System Pharmacists, mettono in luce come «i farmacisti ospedalieri e del sistema sanitario svolgono un ruolo importante come fornitori di assistenza ai pazienti in team interprofessionali in ambiti quali gestione della terapia farmacologica, formazione di pazienti e altri fornitori e nella risoluzione di problemi di salute pubblica come la crisi da oppioidi e la carenza di farmaci», spiega Michael Ganio, autore dello studio. «I farmacisti dispongono di abilità uniche che li rendono membri strategici nel garantire l'utilizzo ottimale, sicuro ed efficace dei farmaci. Ecco perché gli ospedali si affidano a loro per ruoli importanti nell'affrontare la crisi degli oppioidi, e in altre aree correlate ai farmaci».

Ruolo del farmacista oltre il monitoraggio della terapia

Secondo i dati dello studio, che si è occupato di analizzare il ruolo del farmacista non solo nel monitoraggio della terapia farmacologica, ma anche nei programmi di prevenzione attiva dell'abuso di oppioidi attraverso le risposte dei direttori di reparti di farmacia ospedaliera in 811 strutture Usa, ha messo in luce che le strategie più comuni nella lotta all'abuso includono: messa a disposizione di materiale istruttivo e linee guida per i medici (71,4%), uso di ricerche nei database per il monitoraggio della prescrizione e individuazione di comportamenti potenzialmente riconducibili ad abuso (65,3%) e programmi di rilevamento del dirottamento verso il mercato illegale (55,6%).
In queste attività, i farmacisti ospedalieri sono maggiormente coinvolti nelle indagini sul dirottamento (il 70,8%), ma anche nelle revisioni dell'utilizzo clinico (57,2%), in ruolo di responsabilità e leadership (54,8%) e nel supporto prescrittivo (34,5%).
La ricerca evidenzia inoltre il ruolo all'interno della gestione della terapia, tramite un approccio proattivo e integrato nel meccanismo multidisciplinare: selezione dei farmaci appropriati, sostegno, informazione e monitoraggio dei pazienti, controllo degli esiti. Più del 60% degli ospedali assegna ai farmacisti il compito di fornire ai pazienti servizi di controllo e sostegno della terapia: controllo dei livelli dei farmaci e dei risultati di laboratorio, report di reazioni avverse, contributo nella regolazione dei regimi farmacologici e prevenzione degli errori medici.
Un'attività, quella del farmacista integrato al team, che ha subito un incremento nell'ultimo ventennio: nel 2018 più del 75% dei pazienti (nel 60% degli ospedali analizzati) è stato monitorato anche da un farmacista, rispetto al 20% nello stesso campione del 2000. Un terzo degli ospedali coinvolge i farmacisti nella sorveglianza su tutte le terapie. Il 47% utilizza strumenti elettronici o software di sorveglianza clinica per identificare i pazienti che potrebbero beneficiare della presenza di un farmacista.
Inoltre, un terzo delle cliniche primarie o per la cura di patologie specifiche sfrutta la presenza dei farmacisti in ambiti come oncologia, medicina di famiglia, diabete, malattie cardiovascolari e infettive.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Contro stanchezza e spossatezza d’autunno

Contro stanchezza e spossatezza d’autunno

A cura di Uragme

Il 17 febbraio sarà completamente applicabile il Digital services act, la normativa europea che armonizza le regole del mercato digitale per servizi online e...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top