Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Le prime anticipazioni sul Decreto


Scende il prezzo dei generici puri, la farmacia restituirà gli extrasconti ma per un periodo di 12 mesi. Il risparmio ottenuto andrebbe a coprire le misure urgenti per il terremoto in Abruzzo

Da fonte autorevole risulterebbe che il  decreto legge, varato dal Consiglio dei Ministri nella riunione tenutasi ieri all’Aquila, ha recepito  il contenuto dell’accordo siglato lo scorso 15 ottobre 2008 nell’ambito del Tavolo della farmaceutica.  Stando a quanto trapelato finora, il prezzo di vendita al pubblico dei farmaci equivalenti puri, escluse cioè le specialità medicinali a brevetto scaduto, verrebbe ridotto del 12%  fino al 30 dicembre 2009. Dalla riduzione sarebbero esclusi gli equivalenti il cui prezzo è stato determinato dopo il 30 settembre 2008. Sarebbe confermata anche la restituzione da parte delle farmacie dei cosiddetti extrasconti, attraverso una trattenuta dell’1,4% sul fatturato SSN, in due rate annuali, ma per un periodo di 12 mesi. Da questa misura sarebbero escluse le farmacie rurali che fatturano al Servizio sanitario meno 258.228 euro (al netto di IVA). Sempre secondo queste prime notizie, all’interno della filiera si avrebbe una nuova ripartizione del prezzo al pubblico dei generici: 58,65% alle aziende, il  6,65% alla distribuzione intermedia e  il 26,70%  alle farmacie; il restante 8% andrebbe  ridistribuito tra farmacisti e grossisti secondo le regole di mercato, ferma restando la quota minima per la farmacia del 26,70%. Il mancato rispetto delle quote così determinate, anche con la cessione di quantitativi gratuiti di farmaci o di altra utilità economica, comporterebbe sanzioni per tutta la filiera del farmaco. In particolare, per la farmacia, è prevista l’applicazione della sanzione pecuniaria amministrativa da 500 � a 3.000 �; in caso di reiterazione della violazione, l’autorità amministrativa competente può ordinare la chiusura della farmacia per un periodo di tempo non inferiore a 15 giorni. Le economie derivanti dalle misure previste saranno finalizzate, per l’anno 2009, alla copertura degli oneri derivanti dagli interventi urgenti conseguenti all’evento sismico che ha colpito l’Abruzzo.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Specifica per le piccole aree delicate e sensibili

Specifica per le piccole aree delicate e sensibili

A cura di Lafarmacia.

Efpia ha elaborato alcune proposte che si inseriscono nel contesto delle attuali discussioni tra Commissione, Consiglio e Parlamento Europeo sull'istituzione...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top