Login con

Diritto Sanitario

17 Luglio 2018

Cessione farmacia, rendita vitalizia non è costo deducibile del cedente


La Commissione tributaria regionale della Calabria, in riforma della determinazione di primo grado, con propria sentenza del 2010, ha ritenuto fondati gli avvisi di accertamento per Irpef-Irap 2003 notificati ad una farmacia gestita in forma societaria (snc) e ad uno dei soci. Per la snc veniva recuperato a tassazione l'importo di oltre 105 mila euro pagato dalla società ed imputato a costo deducibile quale quota annua di una rendita vitalizia onerosa pattuita in corrispettivo della cessione della farmacia.

La commissione tributaria regionale, nel decidere sui ricorsi riuniti della società e del socio, rilevava che: - nei due atti di cessione della farmacia le parti avevano concordato il valore della stessa con riguardo ai beni strumentali, alle merci in rivendita ed all'avviamento con licenza di esercizio (quest'ultimo determinato in Lire 731.745.000); - la circostanza che il corrispettivo fosse stato pattuito mediante pagamento della rendita annua vitalizia a favore del cedente e della moglie, concretava solo una modalità finanziaria di esecuzione del pagamento, ma non integrava un costo deducibile; atteso che solo l'avviamento, iscritto in bilancio, poteva trovare riconoscimento in deduzione sulla base delle prescritte quote annuali di ammortamento.

La Corte di Cassazione, rigettando il ricorso con conseguente conferma della sentenza di secondo grado, ha osservato che, per quanto concerne il regime fiscale posto a carico del cessionario, l'ammontare della rendita vitalizia assunto a corrispettivo anche se dilazionato della cessione stessa, non costituisce costo di gestione deducibile ai sensi dell'art. 109 T.U.I.R.; trovando esaustiva rilevanza fiscale quale onere non già di esercizio, bensì di acquisizione dell'azienda. Così da rilevare esclusivamente secondo il regime proprio del valore di avviamento (previa sua iscrizione all'attivo di bilancio nei limiti del costo di acquisizione come previsto dall'art. 2426 c.c., n. 6) e del suo ammortamento (art. 103 T.U.I.R.).

Avvocato Rodolfo Pacifico - www.dirittosanitario.net
Per approfondire, Cassazione Civile 28.06.2018, su www.dirittosanitario.net

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Per un sorriso smagliante - Curaprox

Per un sorriso smagliante - Curaprox

A cura di Curaprox

L’Aifa ha recepito nuove misure indicate dall’Ema sulle restrizioni d’uso dei farmaci contenenti valproato e ha pubblicato un Nota informativa importante...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top