Login con

Nutrizione

05 Ottobre 2017

Il grano saraceno e le sue proprietà funzionali


Il grano saraceno o grano nero (Fagopyrum esculentum Moencho) è una pianta erbacea originaria di una provincia del sud-ovest della Cina, arrivata in Europa attraverso la Grecia e i Balcani. E' impropriamente chiamato "grano" per il suo alto contenuto in carboidrati e perché dai semi si ottengono sfarinati che possono essere utilizzati al pari di quelli di alcuni cereali. Ha proprietà nutrizionali peculiari che oggi hanno riacceso l'interesse dei nutrizionisti: è infatti molto usata in prodotti indicati per alcuni regimi dietetici particolari.

Ha un elevato contenuto di carboidrati (65%) e proteine (12,4%) con un buon valore biologico, per la presenza di aminoacidi essenziali e solforati. I lipidi (3,3%) sono composti per lo più da acidi grassi monoinsaturi (acido oleico) e polinsaturi (acido linoleico). Contiene una buona quantità di fibre (6%) per lo più insolubili, di sali minerali (calcio, ferro, selenio, fosforo e potassio) e vitamine B1 e B2. Gli vengono riconosciute numerose proprietà nutrizionali ed effetti potenzialmente benefici sulla salute: aiuta a ridurre i livelli di colesterolo plasmatico, migliora il metabolismo glucidico perché contiene d-chiro-inositolo (DCI) che aumenta del 19% la ricettività dell'insulina; migliora l'ipertensione e ha effetti antinfiammatori. I risultati di studi in vitro e su animali fanno ritenere che la maggior parte delle sue proprietà siano da attribuire ai suoi componenti bioattivi - oltre al DCI - alcuni flavonoidi come rutina e quercetina. È un alimento con un buon potere saziante indicato per chi necessita di controllare gli introiti calorici; è adatto nella dieta dello sportivo, per i celiaci, perché non contiene glutine e appropriato per vegetariani e vegani per il buon tenore proteico e glucidico. Alcuni studi riportano del pericolo che l'assunzione di grano saraceno possa scatenare reazioni allergiche; in Asia è una causa comune di reazioni anafilattiche anche gravi; in Europa, nord America e Canada l'allergia è rara (e rari sono gli studi che hanno indagato il fenomeno), ma si cominciano a registrare alcuni casi. In Italia è trattato come un allergene nascosto, ma emergente, più frequente nelle regioni settentrionali (Badiu et al. 2013).


Francesca De Vecchi
Esperta in scienze e tecnologie alimentari

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Tutto il piacere di uno snack

Tutto il piacere di uno snack


Dopo appena due settimane dalla nomina, Giorgio Palù ha lasciato l’incarico di presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), sarebbe dovuto restare in carica un anno

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top