Login con

Farmacisti

06 Dicembre 2023

Legge stabilizzazione farmacisti precari, Tar Campania: titolo di specializzazione requisito necessario

Farmacista specializzando contesta la legittimità del concorso per dirigente farmacista. Per il Tar Campania il titolo di specializzazione è necessario 

di Avv. Rodolfo Pacifico


Legge stabilizzazione farmacisti precari, Tar Campania: titolo di specializzazione requisito necessario

La specialità della procedura di stabilizzazione prevista dal decreto legislativo n. 75/2017 è insita nella quota di riserva, percentualmente contingentata, destinata ai lavoratori non stabili; di contro, non si evince alcun elemento di specialità in relazione ai requisiti di accesso alla posizione di ruolo da ricoprire. In questo senso si è espresso il TAR Campania Napoli chiamato a decidere circa la legittimità o meno della deliberazione con cui è stata indetta procedura concorsuale per la stabilizzazione di diverse figure professionali precarie, nella parte in cui ha previsto come requisito specifico di ammissione per la qualifica di "Dirigente Farmacista" il possesso della specializzazione in Farmacia Ospedaliera, Farmaceutica Territoriale o in una delle discipline ad esse equipollenti o affini.

Il caso: farmacista specializzando contesta la legittimità del bando di concorso 
 Il ricorrente - con laurea in farmacia, regolarmente iscritto all’albo professionale, dipendente precario della azienda sanitaria che ha indetto la selezione, alla data di attivazione della procedura non possedeva il titolo di specializzazione, ma era solo iscritto al corso di studi - ha così contestato la legittimità del bando per non aver previsto anche l’ammissione degli specializzandi. Si è osservato che il possesso dei requisiti previsti dalla legge (art. 20 , comma 2, D.Lgs. n. 75 del 2017) certamente permette l'accesso alla riserva di posti, ma non esime i concorrenti dal munirsi degli ulteriori e più specifici titoli di ammissione che la normativa generale prevede per l'ottenimento di un posto a tempo indeterminato.

Dirigente farmacista di primo livello, ecco i requisiti specifici per accedere al concorso
 Il D.P.R. n. 483 del 1997, all'art. 32 - Concorso, per titoli ed esami, per il primo livello dirigenziale farmacista - Requisiti specifici di ammissione -, prevede espressamente che costituiscono requisiti specifici di ammissione al concorso per il primo livello dirigenziale farmacista:
a) laurea in farmacia o in chimica e tecnologie farmaceutiche;
b) specializzazione nella disciplina oggetto del concorso;
c) iscrizione all'albo dell'ordine dei farmacisti attestata da certificato in data non anteriore a sei mesi rispetto a quello di scadenza del bando;
 Lo schema generale ricavabile dalle norme sulla stabilizzazione deve essere integrato con le disposizioni normative di settore, imprescindibili ai fini della individuazione dei requisiti di ingresso nei variegati ambiti lavorativi degli interessati e che, per l'ambito dirigenziale rilevante in concreto, prevede il possesso della specializzazione.

Per approfondire TAR Campania 01.12.2023 su www.dirittosanitario.net 

TAG: FARMACISTI, LAVORO, DIRITTO SANITARIO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/04/2024

La libertà di ottenere il trasferimento del farmacista nell’ambito della zona di competenza non è incondizionata: il locale indicato deve essere situato in modo da soddisfare le esigenze degli...

A cura di Avv. Rodolfo Pacifico

05/04/2024

Nelle scorse settimane è stata pubblicata la sentenza della Cassazione Penale (n. 10658/2024) che ha confermato la responsabilità penale di un farmacista che...

A cura di Avv. Rodolfo Pacifico

22/03/2024

Il Consiglio di Stato ha respinto l’appello delle parafarmacie ritenendo che con la modifica al Sistema TS, che impedisce ai medici di emettere ricette bianche “miste”, si sia...

A cura di Avv. Rodolfo Pacifico

20/03/2024

Le benzodiazepine classe E non ad uso parenterale sono sottoposte a ricetta medica ripetibile con validità tassativa di 30 giorni. Il parere dell’esperto

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Continua la collaborazione tra “Lafarmacia.” e Telefono Donna

Continua la collaborazione tra “Lafarmacia.” e Telefono Donna

A cura di Lafarmacia.

Dopo l’Ok della Camera del 18 aprile, il Dl sul Pnrr incassa il via libera anche al Senato: Disposizioni urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) sono legge

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top