Login con

Pharma

06 Febbraio 2023

Vaccini anti-Covid, ricerca invita a rivalutare rischio-beneficio. Iss prende le distanze: analisi parziale e lacunosa


Review firmata da tre ricercatori dell'Iss invita a una rivalutazione del bilancio rischio-beneficio dei vaccini anti-Covid. Iss prende le distanze dallo studio

Una review pubblicata su una rivista scientifica e firmata da tre ricercatori dell'Iss invita a una rivalutazione del bilancio rischio-beneficio dei vaccini a mRna in alcune categorie di pazienti ma l'Iss stesso prende le distanze da queste conclusioni segnalando alcune lacune metodologiche e formali.


Ricercatori: discutiamo sul profilo rischio-beneficio

L'articolo "Safety of COVID-19 Vaccines in Patients with Autoimmune Diseases, in Patients with Cardiac Issues, and in the Healthy Population" firmato da Loredana Frasca, Giuseppe Ocone e Raffaella Palazzo del Centro per la ricerca e la valutazione dei farmaci dell'Iss pubblicato dalla rivista Pathogens "non rappresenta l'Istituto, analisi lacunosa e parziale" e la sua pubblicazione "viola il codice interno di integrità dei ricercatori Iss" sostiene l'Istituto in una nota. I ricercatori, precisano che non intendono "discutere l'efficacia dei vaccini Covid-19 poiché tale efficacia è stata documentata". L'obiettivo della review, scrivono è "fornire una panoramica del profilo di sicurezza e degli effetti avversi noti effettivi di questi prodotti in relazione al loro meccanismo d'azione", discutere "uso e sicurezza di questi prodotti nelle persone a rischio, in particolare quelle con malattie autoimmuni o con miocardite precedentemente segnalata, ma anche nella popolazione generale". "Discutiamo - si legge nell'articolo - sulla reale necessità di somministrare questi prodotti con effetti a lungo termine poco chiari a persone a rischio con condizioni autoimmuni, così come a persone sane, al tempo delle varianti di omicron. Ciò, considerata l'esistenza di interventi terapeutici, valutati oggi molto più nettamente rispetto al passato, e l'aggressività relativamente inferiore delle nuove varianti virali". Secondo i tre ricercatori "potrebbe essere il momento giusto per rivedere il rapporto rischio/beneficio di questi interventi farmacologici". Inoltre, aggiungono "mancava all'epoca dei primi studi di efficacia" ed è il fatto che "un gran numero di persone sta acquisendo naturalmente l'immunità anche attraverso infezioni, anche pauci-sintomatiche". Gli autori citano le statistiche dell'Office for National statistics nel Regno Unito che riporta i dati di mortalità per Covid-19 e per tutte le cause escluso Covid-19 al momento della campagna vaccinale: "Un'analisi statistica accurata e trasparente di tali dati, che tenga conto di tutte le variabili in gioco può chiarire i reali effetti dei vaccini" a mRna.


Iss: rassegna parziale e arbitraria della letteratura

Decisa la presa di distanza dell'Istituto Superiore di Sanità che precisa in una nota ufficiale che "l'articolo riporta esclusivamente l'opinione personale degli autori e non rappresenta in nessun modo la posizione dell'Istituto Superiore di Sanità. Nell'articolo si fa una rassegna parziale e arbitraria della letteratura, omettendo tra l'altro di citare i numerosi lavori pubblicati sull'argomento da parte di altri ricercatori dell'ISS e anche del loro stesso dipartimento. L'interpretazione dei dati presi in esame, inoltre, è del tutto personale, tanto che in alcuni casi gli autori citano studi arrivando a conclusioni opposte rispetto a quelle di chi li ha condotti".
Infine, L'iss sottolinea che "l'articolo è stato inviato dai ricercatori alla rivista senza seguire la procedura di valutazione scientifica richiesto delle linee guida sull'integrità della ricerca dell'Iss a garanzia della qualità scientifica del lavoro pubblicato. Queste stesse precisazioni sono già state comunicate all'editor della rivista perché siano rese pubbliche".

TAG: ISTITUTO SUPERIORE DI SANITà, COVID-19, VACCINO ANTI-COVID-19, COVID-19 VARIANTE OMICRON

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

04/04/2024

Robert Giovanni Nisticò è il nuovo presidente dell'Agenzia italiana del farmaco, la sua nomina ha avuto il parere favorevole della Conferenza Stato-Regioni, dopo...

A cura di Redazione Farmacista33

27/03/2024

Il 26 marzo si è insediatala nuova Commissione scientifica ed economica del farmaco (CSE) dell’AIFA, tra i temi trattati l’aggiornamento del Prontuario Pht ...

A cura di Redazione Farmacista33

26/03/2024

Robert Giovanni Nisticò è il nome che il ministro della Salute Orazio Schillaci dovrebbe proporre per l'intesa alle Regioni alla guida dell'Aifa

A cura di Redazione Farmacista33

22/03/2024

Il comitato per i medicinali per uso umano dell’EMA (CHMP) ha raccomandato l’approvazione di 12 medicinali nella riunione di marzo 2024

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Microbioma, salto tecnologico per Wellmicro

Microbioma, salto tecnologico per Wellmicro


La Società Italiana d’Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) al ministro della Salute: riteniamo fondamentale che ci siano decreti attuativi per disciplinare meglio i criteri di...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top