Login con

Farmacisti

14 Gennaio 2020

Vaccino antinfluenzale, Fimmg: cittadini più consapevoli. Aumentata richiesta di dosi


Vaccino antinfluenzale: richiesto in più dosi rispetto all'anno scorso, la vaccinazione è stata più consapevole anche da parte di soggetti non a rischio. Un quadro dei dati parziali di Fimmg

Il vaccino antinfluenzale è stato richiesto in più dosi rispetto all'anno scorso e, pur non avendo ancora una panoramica anche sui centri vaccinali, in linea di massima quest'anno la vaccinazione è stata più consapevole anche da parte di soggetti non a rischio. A tracciare un quadro con "dati ancora parziali" è il segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg) Silvestro Scotti, in un'intervista alle agenzie stampa.
«I dati, si stanno raccogliendo in questi giorni, per cui siamo ancora lontani dall'avere l'ufficialità, ma quest'anno personalmente ho vaccinato circa il 15-20% di pazienti in più rispetto alla stagione influenzale precedente. Il vaccino, e questo è un dato abbastanza consolidato, è stato richiesto in più dosi rispetto all'anno scorso e, pur non avendo ancora una panoramica anche sui centri vaccinali, in linea di massima la vaccinazione quest'anno è stata convinta».

Il medico spiega che quest'anno «la vaccinazione è iniziata un po' prima del solito, anche se è sempre più legata ai tempi di distribuzione dei vaccini, che alla volontà dei cittadini: c'è sempre un periodo di "latenza" fra la data di inizio della campagna vaccinale decisa dal ministero della Salute e la reale disponibilità dei sieri. Ma la sensazione positiva la avevamo avuta già allora, quando a fine ottobre i primi pazienti hanno iniziato a chiedere di potersi vaccinare. E non si è trattato solo di persone appartenenti alle categorie a rischio di complicanze, come gli anziani o i malati cronici, bensì anche di persone più giovani, mamme, papà, lavoratori, che hanno comprato di loro spontanea volontà il vaccino e ci hanno chiesto di somministrarlo, oppure lo hanno pagato nei nostri ambulatori. Le mamme, in particolare, le ho viste molto convinte di vaccinare anche i propri figli, perché sono sempre più madri lavoratrici, spesso a partita Iva, che vogliono ridurre al minimo le assenze dal lavoro. Insomma, anche se ancora non abbiamo dati definitivi - conclude il segretario Fimmg - il bilancio mi sembra abbastanza positivo».

TAG: INFLUENZA, VACCINO INFLUENZALE, VACCINI PARAINFLUENZALI, FEDERAZIONE ITALIANA DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE (FIMMG)

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

31/05/2024

La gestione dei minor disease nelle farmacie di comunità è uno strumento efficace per ridurre i costi sanitari. Importante la formazione: l'Università di Milano, in collaborazione con la Sifac ha...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

31/05/2024

Dalla cronaca locale arrivano ancora una volta segnali di criticità del servizio farmaceutico. A Bolzano i dipendenti delle farmacie comunali hanno “un carico inaccettabile di ore di lavoro...

A cura di Simona Zazzetta

30/05/2024

In Francia, si sta verificando il primo grande sciopero dei farmacisti da almeno dieci anni. Le serrande delle farmacie sono abbassate per attirare l’attenzione su diverse questioni. Per i...

A cura di Simona Zazzetta

29/05/2024

Una strategia per raggiungere la resilienza tra i farmacisti è la leadership trasformazionale che prevede la partecipazione dei dipendenti al processo decisionale andando oltre leadership...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Le italiane e i problemi vulvari

Le italiane e i problemi vulvari

A cura di Meclon Lenex

Le abitudini alimentari della Generazione Zeta propendono per i prodotti bio e per la sostenibilità. L'attenzione alla cura del corpo

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top