Login con

Farmacisti

11 Giugno 2021

Green Pass, ok a piattaforma nazionale da Garante Privacy che frena su App Io. Novità dall’Europa


Il Garante per la Privacy ha dato parere favorevole allo schema di decreto attuativo del Green pass italiano: via libera all'app Immuni e rinvio per l'app Io

È stato adottato anche dal Consiglio Ue il certificato digitale Covid europeo. Il provvedimento, approvato mercoledì al Parlamento europeo, sarà firmato lunedì ed entrerà in vigore dal primo luglio. Intanto, sul fronte del Green pass italiano dal Garante per la protezione dei dati personali è stato dato parere favorevole sullo schema di decreto attuativo, che attiva la Piattaforma nazionale-DGC, sviluppata da Sogei e dal ministero della Salute, che emetterà il QR codice per il rilascio del green pass.

Necessaria chiarezza su casistiche in cui richiesta esibizione Green Pass

L'Autorità sulla privacy aveva già avvertito il governo sulle criticità dell'attuale versione del decreto Riaperture, che ha introdotto il Green Pass per consentire gli spostamenti tra Regioni rosse e arancioni e l'accesso a eventi pubblici e sportivi, a cui si è aggiunta la previsione, nelle zone gialle, del suo utilizzo per partecipare alle feste in occasione di cerimonie civili e religiose. Con il nuovo parere, si legge nella nota, pur valutando positivamente, nel complesso, lo schema di Dpcm - che recepisce gran parte delle indicazioni fornite del Garante nel corso delle interlocuzioni con il ministero della Salute - si rilevano alcuni profili sui quali ritiene necessario un intervento di modifica". In particolare, «il Garante ricorda la necessità di individuare con chiarezza, in sede di conversione in legge del decreto, i casi in cui può essere chiesto all'interessato di esibire la certificazione verde per accedere a luoghi o locali», e sottolinea che «le finalità per le quali potrà essere richiesto il green pass dovranno essere stabilite con una norma di rango primario». D'altra parte, continua, «anche il Regolamento europeo sul Green Pass, attualmente in fase di adozione, prevede che lo stesso possa essere utilizzato dagli Stati membri per finalità ulteriori, rispetto agli spostamenti all'interno dell'Ue, ma solo se ciò è espressamente previsto e regolato da una norma nazionale».

Il parere sulla piattaforma nazionale e sulle modalità di emissione

Inoltre, «la norma dovrà prevedere che le certificazioni possano essere emesse e rilasciate solo attraverso la Piattaforma nazionale-DGC e verificate esclusivamente attraverso l'App VerificaC19. Tale App, infatti, è l'unico strumento in grado di garantire l'attualità della validità della certificazione verde, in conformità ai principi protezione dei dati personali, garantendo inoltre che i verificatori possano conoscere solo le generalità dell'interessato, senza visualizzare le altre informazioni presenti nella certificazione (guarigione, vaccinazione, esito negativo del tampone)». Un'altra misura, «chiesta e ottenuta dal Garante nel corso delle interlocuzioni con il ministero della Salute, è che i soggetti deputati ai controlli delle certificazioni verdi siano chiaramente individuati e istruiti». Quanto poi «alle modalità con le quali ottenere il Green Pass, lo schema di decreto prevede che venga messo a disposizione attraverso diversi strumenti digitali (sito web della Piattaforma nazionale-DGC; Fascicolo sanitario elettronico; App Immuni; App Io) che permetteranno agli interessati di consultare, visualizzare e scaricare le certificazioni. Inoltre, gli interessati potranno rivolgersi anche al medico di famiglia e al farmacista per scaricare la certificazione verde».

Via libera ad app Immuni, rinvio per app Io

Infine, in merito alle App per «recuperare il Green Pass, il Garante ha autorizzato l'uso dell'App Immuni, ma ha rinviato l'impiego dell'app Io a causa delle criticità riscontrate in merito alla stessa. Nella stessa riunione del Collegio, con distinto provvedimento, l'Autorità, in relazione a criticità di ordine generale sul funzionamento dell'app Io, ha ordinato in via d'urgenza alla società PagoPA di bloccare provvisoriamente alcuni trattamenti di dati effettuati mediante la predetta app che prevedono l'interazione con i servizi di Google e Mixpanel, e che comportano quindi un trasferimento verso Paesi terzi (es. Usa, India, Australia) di dati particolarmente delicati (es. transazioni cashback, strumenti di pagamento, bonus vacanze), effettuato senza che gli utenti ne siano stati adeguatamente informati e abbiano espresso il loro consenso. Profili sui quali l'Autorità aveva già richiamato l'attenzione con diversi provvedimenti del 2020 fornendo peraltro indicazioni per rendere conforme l'uso dell'app alla normativa sulla privacy». Immediata la replica in una nota: «Il Garante ha dato parere favorevole a tutti i servizi esposti sull'app Io, tra cui il Cashback e il Bonus Vacanze, che restano attivi per milioni di cittadini, proprio perché essa opera nel pieno rispetto del Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (Gdpr). PagoPA, insieme al Dipartimento per la trasformazione digitale, sta esaminando i dettagli tecnici e giuridici del provvedimento per ogni opportuna iniziativa e, con spirito collaborativo e determinato, ha avviato un tavolo con le strutture del Garante per portare celermente il Green Pass su app Io, nell'interesse dei milioni di cittadini italiani utilizzatori della stessa app».

Certificato europeo: lunedì si attende firma

Intanto, procede l'iter per il Certificato europeo, che, dopo l'ok in settimana dal Parlamento, «è stato adottato anche dal Consiglio Ue. Ora il provvedimento sarà firmato lunedì ed entrerà in vigore dal primo luglio».

TAG: APP, GARANTE DELLA PRIVACY, COVID-19, GREEN PASS

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Parte la nuova campagna “Battiti Per Il Cuore”

Parte la nuova campagna “Battiti Per Il Cuore”

A cura di Viatris

In India le aziende stanno sviluppando prodotti antiobesità e diabete, in attesa della scadenza del brevetto di prodotti a base di semaglutide (Novo Nordisk),...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top