Login con

Farmacisti

23 Maggio 2022

Distribuzione farmaci, gli economisti in audizione: ricorrere alle farmacie convenzionate


Nell'era della medicina di prossimità limitare la distribuzione per conto, circoscrivere la distribuzione diretta, ricorrere ove possibile alle farmacie convenzionate

Limitare la distribuzione per conto, circoscrivere la distribuzione diretta, ricorrere ove possibile alle farmacie convenzionate: la dispensazione dei farmaci nell'era della medicina di prossimità evocata dal Piano Nazionale di Ripresa e resilienza si ridisegna in Parlamento. Le audizioni in Commissione Affari Sociali alla Camera evidenziano che eccedere negli acquisti diretti per le regioni è una forma di esercizio di autonomia, anche contabile, ma può rendere difficile l'accesso ai farmaci dei residenti, incidere sul diritto alla salute dei cittadini, e in certi casi essere dettata da intenti diversi rispetto a quello di ottimizzare le terapie per la collettività.


Ssn dirotti farmaci sulle farmacie territoriali

Claudio Jommi SDA Bocconi e Guido Pammolli, alla Camera in Commissione Affari Sociali, approfondiscono i temi di dibattito lanciati in autunno dal Presidente della Fondazione ReS Nello Martini, già Direttore Aifa: il Servizio sanitario probabilmente farebbe bene a dirottare sulle farmacie territoriali farmaci che oggi compra direttamente dai produttori, oltre che a non smantellare la distribuzione diretta a vantaggio della distribuzione per conto (dove il Ssn acquista, gira alla farmacia e quest'ultima dispensa in cambio di un "fee" variabile da regione a regione); peraltro, la distribuzione diretta andrebbe limitata a medicinali difficili da gestire perché pericolosi o complessi da somministrare.

Per Jommi, la distribuzione per conto (DPC) va vista come eccezione della distribuzione diretta (DD), da usare ad esempio dove c'è la possibilità di gestire l'impatto organizzativo mentre si guarda al passaggio della specialità alla farmacia convenzionata. Esistono già oggi spazi per distribuire "sotto casa" farmaci prescritti dai medici di medicina generale ma fin qui accessibili in ospedali e farmacie delle Asl. Certo, occorre prima verificare la tenuta del tetto della spesa del servizio sanitario in caso di "switch"; in merito, è attesa la riforma della remunerazione delle farmacie, le cui tariffe saranno improntate a retribuire l'atto professionale includendo un margine, similmente a quanto avviene oggi nella DPC. Attenzione, però: nella distribuzione per conto, le tariffe sono diverse da una regione all'altra; nella convenzionata le divergenze tariffarie territoriali andranno evitate; e si dovranno trovare modalità con cui il Ssn recuperi almeno in parte le scontistiche sui prezzi di cui oggi fruisce. Altro elemento messo in evidenza dall'analisi di Jommi: ci sono comunque vantaggi, anche economici, nel passaggio di farmaci alla distribuzione convenzionata. Se è vero che il prezzo massimo di cessione al Ssn operato dalle farmacie comporterebbe un aggravio di spesa pubblica rispetto a DD e DPC, è anche vero che i calcoli delle regioni acquirenti, in genere non tengono conto dei costi indiretti, che includono viaggi dei pazienti verso l'ospedale per ottenere il farmaco, e delle ore di assenza correlate.


Poco risparmio dagli acquisti diretti

Docente di Economia e Management al Politecnico di Milano, Pammolli aggiunge altri dettagli: molte variabili in realtà assottigliano il risparmio derivante dagli acquisti diretti. In alcuni casi la decisione di rivolgersi all'acquisto diretto rispetto alla distribuzione nelle farmacie convenzionate determina aggravi di spesa amministrativa, ed aumenti dei costi fissi per la gestione e lo stoccaggio. Tra l'altro, alcuni trasferimenti di farmaci dalla spesa convenzionata a quella diretta del Ssn sembrano determinati non dalla volontà di massimizzare il servizio ai cittadini bensì da contingenze, ad esempio legate a disavanzi di spesa nelle singole regioni. Pammolli punta il dito sugli effimeri guadagni di breve periodo legati ai calcoli relativi al pay-back, dove industria e regione concorrono metà ciascuna al ripiano degli sforamenti dei tetti tanto per la farmaceutica convenzionata quanto per la spesa per acquisti Ssn. «Ci sono evidenze e motivazioni per ritenere che alcuni incrementi di distribuzione diretta e DPC non siano frutto di analisi costi-benefici e di interventi per l'efficienza del servizio, ma di valutazioni diverse».

Valutazioni che poi finiscono per disarticolare l'erogazione dei livelli essenziali di assistenza tra una regione e l'altra. Recenti sentenze della Corte Costituzionale, come la 168/2021, mettono in relazione le scelte di spesa sanitaria regionali e il diritto alla tutela della salute e "invocano" protocolli scientificamente accreditati a valenza nazionale per realizzare i livelli essenziali di assistenza. «Servirebbe, attraverso l'aggiornamento di tali protocolli, costruire un perimetro uniforme per tutte le regioni entro il quale erogare la cura attraverso un determinato modello distributivo che di volta in volta privilegi ospedale o territorio. Questo, in parallelo alla ridiscussione dei margini di distribuzione delle farmacie».

TAG: FARMACIE, DISTRIBUZIONE PER CONTO, DISTRIBUZIONE DIRETTA, COMMISSIONE AFFARI SOCIALI DELLA CAMERA, CONVENZIONE FARMACIE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/04/2024

Farma Lavoro e Edra presentano un evento per valorizzare il ruolo chiave del farmacista nella società moderna. Appuntamento a Roma il 23 aprile presso l'Auditorium dello Stato maggiore...

A cura di Redazione Farmacista33

16/04/2024

Rinnovate le indicazioni per la contribuzione all’Ente bilaterale prevista dal contratto nazionale delle farmacie private, che è obbligatoria. Anche per quest’anno vengono confermate le...

A cura di Francesca Giani

11/04/2024

Ci sono delle novità emerse dalle ultime riunioni della Commissione nazionale Ecm, che ribadiscono anche le modalità di conteggio dei crediti da spostamento ...

A cura di Francesca Giani

10/04/2024

In alcune università sono previste le prove pratico valutative e le sessioni di laurea per gli studenti di Farmacia e Ctf che abbiano optato per il percorso...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Un inverno senza energie?

Un inverno senza energie?

A cura di Viatris

I contenuti della relazione che il presidente dell’Antitrust Roberto Rustichelli ha presentato a Montecitorio. Tra i punti ricordati le disposizioni relative alla galenica, gli interventi sulle...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top