Login con

Farmacisti

21 Ottobre 2022

Profilassi vaccinale, nuove opportunità per la farmacia


A FarmacistaPiù un convegno su "Profilassi vaccinale: nuovi modelli operativi e centralità del farmacista". Dai vaccini anti Covid a quelli antinfluenzali, un asset da consolidare


La possibilità per il farmacista di eseguire la vaccinazione in farmacia, iniziata con il vaccino anti Covid-19 e oggi estesa a quella antinfluenzale, ha aperto nuove opportunità per la farmacia come presidio sanitario sul territorio offrendo nuovi servizi di prossimità. Nel convegno "Profilassi vaccinale: nuovi modelli operativi e centralità del farmacista", svoltosi nell'ambito di FarmacistaPiù, si è parlato dello sviluppo di questo nuovo servizio e delle sue potenzialità.

Covid ha accelerato percorso già in atto

«Se da una parte la risposta dei farmacisti nell'organizzare e offrire il servizio, le vaccinazioni in farmacia non sono state improvvisate, ma sono la conclusione di un percorso che la pandemia ha accelerato», ha spiegato Marco Cossolo, presidente di Federfarma. «Il farmacista si è trovato nel 2021 a fare i cambiamenti epocali: l'80% delle farmacie ha eseguito i tamponi, il 50% la vaccinazione contro il Covid-19. Il nuovo ruolo della farmacia è stato determinato anche dalla stampa del Greenpass, non da tutti accettato volentieri, ma che ha dato la possibilità di dimostrare alla farmacia di essere il primo presidio del sistema sanitario sul territorio. Il prossimo passo è riprendere in mano i provvedimenti che sono stati scritti dal governo uscente, quali la condivisione di spazi tra diverse farmacie per la vaccinazione ad altri servizi e la condivisione del laboratorio anche per il deblistering, provvedimenti che permettono alle farmacie di mettersi insieme e creare un vero e proprio hub di comunità».

Serve collaborazione farmacista e medico

Durante la pandemia da Covid-19 «il ruolo del farmacista per l'esecuzione della vaccinazione è stato fondamentale in Puglia, e ora entro la fine di novembre, partirà la vaccinazione antinfluenzale in farmacia», ha ricordato Michele Conversano, direttore del dipartimento di Prevenzione della Asl di Taranto. «Credo che in futuro la farmacia non debba limitarsi alle vaccinazioni antinfluenzali ma eseguire tutte le vaccinazioni dell'adulto e dell'anziano come l'anti-pneumococcica e quella anti Herpes zoster. Se guardiamo alla copertura vaccinale complessiva per la vaccinazione antinfluenzale è del 50-60%, ma quella del singolo medico va dal 95% di alcuni al 5% di altri. Questo dimostra che non ha senso parlare di competizione tra le figure professionali del medico e del farmacista, ma deve instaurarsi un avere propria collaborazione». I numeri raggiunti in farmacia nella campagna vaccinale anti Covid-19 sono alti: «Nelle farmacie sono state eseguite 1 milione e 700 mila inoculazioni, innalzando anche il livello di tassi di adesione», ha sintetizzato Gianni Petrosillo, presidente del Sunifar.
Secondo Erika Mallarini, docente della Sda Bocconi, la peculiarità della vaccinazione rispetto ad altri servizi risiede nel fatto che «fino a ora i servizi erano percepiti come qualcosa in più rispetto alla dispensazione, mentre la vaccinazione mette insieme l'inoculazione con la dispensazione del farmaco, che rimane il cuore della farmacia e della professione del farmacista». Inoltre, «se da una parte la legge del 2009 dei servizi è stata proposta dalla farmacia al Servizio sanitario nazionale la vaccinazione in pandemia è stata una risposta alla richiesta del sistema. Il prossimo passo è quello di costituire delle reti di farmacie per offrire servizi omogenei e garanzie al sistema».

Manca uniformità normativa tra Regioni

Vi è poi da affrontare la questione della normativa. «Così come deve esserci uniformità tra le Regioni per quanto riguarda la distribuzione dei farmaci, ci deve essere un quadro normativo di riferimento che vada a determinare una certa omogeneità anche per quanto riguarda la vaccinazione. In Francia nel momento in cui per legge è entrata la vaccinazione antinfluenzale in farmacia, si è passati in un anno dal 50-60% all'80% di aderenza vaccinale degli aventi diritto, quali anziani e fragili», ha sottolineato Venanzio Gizzi, presidente di Assofarm, che ha poi lanciato uno sguardo al futuro: «Se guardiamo all'estero la nuova frontiera è il farmacista prescrittore, già una realtà in Francia mentre nel Regno Unito entro il 2026 tutti i farmacisti potranno esserlo».
Un primo segnale del riconoscimento dei cambiamenti della professione è quello «della revisione del Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia e Farmacia industriale, che intende mettere al passo le conoscenze e il curriculum universitario con le competenze richieste ai farmacisti di oggi», ha spiegato Alberto Melloncelli, vice presidente della Fondazione Francesco Cannavò. «Un farmacista sempre più consulente sanitario a disposizione del cittadino, pur rimanendo il farmaco al centro della professione».

Ruolo chiave della distribuzione intermedia

In questo contesto non va dimenticato il ruolo della distribuzione intermedia, «la risposta veloce della farmacia ai bisogni dei cittadini in è stata resa possibile anche grazie alla distribuzione intermedia», come spiegato da Antonello Mirone, presidente di Federfarma Servizi. «Oggi il caro energia colpisce più duramente il settore della distribuzione intermedia e se la farmacia visto riconoscersi la remunerazione aggiuntiva anche il comparto della distribuzione va salvaguardato e aiutato. Come, per esempio, è stato fatto «in Francia, dove c'è stato un intervento economico per la distribuzione intermedia come riconoscimento degli investimenti fatti in pandemia». L'idea di base è che «ci debba essere una visione complessiva del sistema in modo che ognuno faccia la sua parte».

Chiara Romeo

TAG: VACCINI, FARMACISTAPIù, VACCINAZIONE IN FARMACIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Neobianacid, efficacia non inferiore a omeprazolo

Neobianacid, efficacia non inferiore a omeprazolo


Cambio al vertice nel Consiglio di Amministrazione di Unico S.p.A., azienda della distribuzione intermedia di farmaci:  Giuseppe ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top